25 Giugno 2021
News
percorso: Home > News > News

Sinodo Una lunga e ricca vigilia

27-07-2017 09:47 - News
Tra gli appuntamenti che scandiscono i giorni precedenti il Sinodo, rientra anche la festa del XV agosto che, pur tenendosi nel I Distretto, richiama diversi visitatori. Quest´anno si tiene a Torre Pellice al Parco delle Betulle, dietro la Casa valdese (in caso di pioggia la giornata si terrà nel tempio valdese). Tutta l´area sarà coinvolta, il Centro culturale, la Casa unionista, via Beckwith dove saranno allestiti i vari stand (chiese, opere, ...), la Biblioteca civica. Il programma prevede il culto alle 10 tenuto da Daniele Garrone, nel pomeriggio letture sul tema della Riforma a cura di Anna Giampiccoli con accompagnamento musicale di Marco Poët, e la rappresentazione Sulla strada dell´Esilio da Saluzzo a Ginevra, del Gruppo giovani di Pinerolo. Alla vigilia dell´apertura del Sinodo, sabato 19 agosto, i momenti saranno diversi: al mattino, nell´aula sinodale, l´«esame di fede» dei cinque candidati e candidate pastore in risposta alle domande dei membri del Corpo pastorale. Nel pomeriggio, il consueto «Presinodo» delle donne e dei giovani quest´anno confluisce in un appuntamento comune, organizzato dalla Federazione giovanile evangelica italiana (Fgei), dalla Federazione delle donne evangeliche in Italia (Fdei) e dalla Federazione femminile evangelica valdese e metodista (Ffevm). A partire dalle 14,30 alla Casa unionista (v. Beckwith 5), il titolo sarà «Promenade, un viaggio con le donne della Riforma». A conclusione della giornata, alle 20 ci sarà la cena curata dal servizio richiedenti asilo e rifugiati della Diaconia valdese (prenotarsi scrivendo a: segreteria.fgei@ gmail.com). Sempre al sabato pomeriggio si tiene l´appuntamento della Diaconia valdese, «Frontiere diaconali», alle 17,45 al tempio valdese di Torre Pellice: dedicato quest´anno al tema del Fundraising, con le esperienze dei giovani che hanno seguito il corso coordinato da Barbara Imbergamo, che interverrà insieme al presidente della Csd Giovanni Comba, al moderatore della Tavola valdese Eugenio Bernardini e al pastore Italo Pons. L´ultimo appuntamento prima dell´apertura del Sinodo, la mattina di domenica 20, avrà luogo a Chanforan (Angrogna) e sarà un culto particolare, nel luogo dove nel 1532 i valdesi decisero di aderire alla Riforma protestante. Nell´anno che ricorda il cinquecentenario dell´avvio del movimento, si è scelto di commemorarlo con un culto, presieduto dal pastore della chiesa valdese di Angrogna, Marco Di Pasquale, mentre la predicazione sarà tenuta da Giuseppe Platone, altro «storico» pastore di Angrogna.



Fonte: Riforma.it
UN GIORNO UNA PAROLA
2021
G I U G N O


Versetto del mese
Bisogna ubbidire a Dio anziché agli uomini

(Atti degli apostoli 5,29)




Salmo della settimana: 12

Venerdì 25 Giugno

La sua fedeltà ti sarà scudo e corazza (Salmo91,4)
Gesù dice: «Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» (Giovanni 8,31-32)

Il cristiano è mandato allo scoperto, dove «deve restare saldo» con l unico «scudo della fede» e «l elmo della salvezza» e «la spada dello Spirito, che è la parola di Dio, con ogni sorta di preghiere e di supplica» come armi di difesa e di offesa.
Hans Urs Von Balthasar


Matteo 10, 26-33; Atti degli apostoli 13, 13-25


















Preghiera

Signore siamo deboli, timorosi, piccoli.
Ma forse tu vuoi servirti ugualmente di noi.
Facci entrare nel tuo lavoro, non permetterci di aver vissuto per niente.
Conosci quello che siamo, sai che abbiamo, tutti, sete di te,
della vita, della salvezza che ci offri.
Concedici di essere forti in te. Amen


COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
keyboard_arrow_left
Giugno 2021
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Giugno 2021
L M M G V S D
31
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it