La lunga e singolare storia della diaspora valdese di Renaio

18-07-2018 09:08 -

BARGA - La lunga storia singolare della diaspora valdese di Renaio, durata 140 anni e oramai conclusa, è stata ricostruita e raccontata sabato grazie ad una iniziativa dalla Chiesa Valdese di Lucca.

L´evento è stato aperto dal culto evangelico del pastore Stefano Giannatempo; cerimonia che dopo tanti decenni è tornata in paese. Come ai tempi in cui erano vivi alcuni dei protagonisti della storia valdese di Renaio, la famiglia Marchi in particolare e per ultimo uno dei suoi personaggi più significativi, Enrico Marchi, che univa la militanza comunista alla fede protestante; il titolare dell´appalto e bottega di Renaio ora passato alla nipote Franca che continua a far vivere con successo questa attività divenuta ristorante. Nella ex scuola elementare del paese anche una mostra fotografica che ha ricostruito questa storia. Tra i numerosi presenti alla giornata anche l´on. Valdo Spini che di Renaio ha ricordato la storia di quelle che il padre, lo storico Giorgio Spini, definì ´Le Valli Valdesi della Toscana´. Renaio, Tiglio e Piastroso (oggi nel comune di Coreglia ma allora parte di Barga) furono fino alla fine degli anni ´90 i centri più importanti dove vivevano molte famiglie valdesi.


Fonte: noitv.it