Corridoi umanitari. Arrivati a Fiumicino altri 39 profughi dal Libano

27-06-2018 08:33 -

C´è un´Italia solidale: tante le famiglie che aiutano per l´accoglienza. Si aggiungono agli altri 1500 in fuga dalla guerra accolti in due anni dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia, Tavola valdese e Sant´Egidio

Sono atterrati stamane martedì 26 giugno, all´aeroporto di Fiumicino dal Libano 39 profughi, otto famiglie con 23 minori di cui tre bambini e due persone singole, grazie ai corridoi umanitari promossi da Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), Tavola Valdese, Comunità di Sant´Egidio, in accordo con i ministeri dell´Interno e degli Esteri.

Quasi tutti siriani, sei i palestinesi, si aggiungeranno alle 1575 persone arrivate in Italia, in Francia e in Belgio, in modo legale e sicuro dal febbraio 2016. Dopo mesi, spesso anni, trascorsi nei campi profughi in situazioni di estrema precarietà e per i bambini senza alcuna possibilità di frequentare la scuola: «Queste persone saranno accolte nel nostro Paese – dice Paolo Naso, coordinatore del Progetto rifugiati e migranti Mediterranean Hope (Mh), della Fcei –, grazie alla generosità di tanti italiani, che hanno offerto le loro case, ad associazioni, parrocchie, strutture diaconali – e inseriti in percorsi di integrazione, a partire dall´apprendimento della lingua e dall´inserimento lavorativo».

Un progetto interamente autofinanziato dalle realtà che lo promuovono. Il 3 luglio è previsto un nuovo arrivo con altre 17 persone all´aeroporto di Roma-Fiumicino.


Fonte: Riforma.it