L´eredità di Lutero non cessa di interrogarci

18-04-2018 12:02 -

Un convegno a Torre Pellice intorno all´importante pubblicazione del Mulino

Alcuni l´avevano chiamato un po´ impropriamente «anno luterano»: il 2017 è sembrato decisamente orientato sulla figura del monaco agostiniano, anche se è pur vero che a lui si deve l´inizio di ogni discorso relativo a quella che poi sarà la Riforma. Non stupisce dunque l´aver assistito, nel corso del 500° anniversario, a una moltitudine di iniziative editoriali, che hanno visto protagonisti anche l´editoria protestante (Claudiana) e autori del protestantesimo italiano che hanno pubblicato saggi presso altri editori; vari testi sono usciti per i tipi di marchi editoriali cattolici, e altri ancora sono stati pubblicati da editori non specializzati nella materia religiosa, anche se di alto livello.

Ha tutta la sua ragion d´essere, allora, l´iniziativa organizzata da Fondazione Centro culturale valdese, Società di studi valdesi e dalla Fondazione per le Scienze religione Giovanni XXIII di Bologna, che propongono a Torre Pellice, giovedì 19 aprile (ore 17, Biblioteca del Centro culturale – via Beckwith 3) un dibattito di presentazione di quella che è l´opera più impegnativa uscita in Italia: «Lutero. Un cristiano e la sua eredità 1517-2017», pubblicazione della casa editrice Il Mulino, coordinata da un gruppo di studiosi che fa capo a Alberto Melloni e che riunisce in due imponenti volumi alcune decine di saggi critici. «Frutto del lavoro di oltre settanta autori di ogni parte del mondo – spiegano gli organizzatori – l´opera propone un´interpretazione globale e plurale della figura di Lutero dal XVI secolo a oggi, nei suoi rapporti con la cultura, la politica e la teologia del suo tempo, ma anche in relazione all´eredità che la sua azione e il suo pensiero hanno consegnato ai cristiani (e non solo) dei secoli successivi e quindi anche al nostro mondo contemporaneo». Fra i nomi del protestantesimo italiano Paolo Ricca e Silvana Nitti.

Verrebbe da chiedersi se vi sia ancora qualcosa da dire, da scavare, a proposito di Lutero: la risposta di Sergio Rostagno, professore emerito della Facoltà valdese di Teologia, autore anch´egli di uno dei contributi all´opera («Che cosa ci resta di Lutero?») e di una delle relazioni che saranno presentate all´incontro, è senz´altro affermativa: «Non siamo ancora usciti dall´anno celebrativo – ci dice – perché sul personaggio Lutero e sulla sua teologia cominciano a uscire gli studi preparati o presentati l´anno scorso nelle varie Università sulla Riforma protestante: per esempio in Spagna (Salamanca). Si credeva che su Lutero tutto fosse già stato detto, ma non è così. C´è tanto da correggere, da scrostare. Bisognerebbe rifare tutta la storia di questi cinque secoli sanguinari. Eppure, si può salvare qualche cosa. A Lutero dobbiamo, come dice bene Silvana Nitti, una nuova comprensione della coscienza: "il soggetto, che aveva fino ad allora sperimentato la coscienza solo come coscienza del peccato, conosce adesso la coscienza della giustificazione, la quale però è fondata altrove, non in una fondazione etica ma in una fondazione esterna a se stessa". Il soggetto viene liberato per operare secondo la necessità non più sua ma del prossimo».

Oltre al prof. Rostagno, partecipano all´incontro di giovedì 19 Matteo Al Kalak (Università di Modena – Reggio Emilia), autore di due saggi che ruotano intorno al rapporto fra Lutero e il Concilio di Trento, e Gianclaudio Civale, autore di una rassegna sui volumi editi in Italia in argomento, che uscirà sul prossimo numero della rivista Riforma e movimenti religiosi edita dalla Società di studi valdesi.

L´iniziativa, inoltre, ha un valore particolare anche per il Centro culturale valdese, giungendo al termine di un percorso di tre anni intessuto di seminari di studio e di ricerca sul patrimonio librario e museale legato alla Riforma.


Fonte: Riforma.it