Vaccini: una scelta responsabile e di cura

12-04-2018 16:56 -

Un documento della Commissione bioetica delle chiese battiste, metodiste e valdesi

La Commissione bioetica delle chiese battiste, metodiste e valdesi in Italia ha prodotto un documento sul tema dei vaccini intitolato "La vaccinazione: una scelta responsabile e di cura". L´auspicio è quello che le chiese discutano sulla materia confrontandosi con esponenti del mondo della ricerca e della società civile così da arrivare a una posizione chiara sulla questione.

Del documento, agile ma debitamente argomentato, abbiamo parlato con il pastore battista Alessandro Spanu, membro della Commissione.

La materia è politicamente sensibile. Perché la Commissione ha deciso di occuparsene e quali sono i tratti salienti del documento?

La Commissione bioetica ha risposto a una richiesta di chiarimento rivolta da una sorella di chiesa e ha colto l´occasione per esprimersi su una materia dibattuta sia nella società civile sia nelle nostre chiese a seguito dell´aumento del numero delle vaccinazioni obbligatorie.

Il documento, che pure esprime una sua posizione in merito, intende soprattutto invitare le chiese a discutere in modo scientificamente informato. A questo scopo suggerisce alcuni presupposti per una discussione su scienza e fede; presenta una riflessione giuridica sulla materia; elenca i dati epidemiologici europei ed espone le proprie conclusioni che si riassumono in una valutazione positiva dell´obbligatorietà della vaccinazione. Riteniamo infatti che essa sia una prassi scientificamente e socialmente responsabile.

Il documento offre una bella premessa sul rapporto tra scienza e fede. Esse sono spesso avvertite come due realtà inconciliabili. Che cosa invece le accomuna?

Sia il pensiero scientifico sia il pensiero teologico operano nell´ambito delle certezze relative. L´epistemologia contemporanea ha chiarito che nessuna affermazione scientifica è assoluta. E neppure alcuna affermazione teologica lo è. Infatti il pensiero teologico è pur sempre un discorso che cerca di articolare quella Parola di Dio che comunque lo precede e che mai potrà possedere. Tuttavia se la scienza riconosce di esprimere una verità relativa, ovvero colta in un significato ristretto e circoscritto, la teologia riconosce a quella verità il proprio valore che non sarà assoluto ma neppure insignificante. D´altra parte la teologia ha il compito di esprimere le proprie ragioni con gli stessi modelli che servono per comprendere ed esprimere le altre realtà mondane.

Oggi si pone molto l´accento sul diritto all´autodeterminazione. È possibile farlo coesistere con l´attenzione al prossimo?

Noi riteniamo di sì purché non si ponga l´individuo a fondamento dell´argomentazione. Piuttosto riteniamo che la libera scelta dell´individuo trovi il proprio limite quando intacca o mette in pericolo il diritto di un altro individuo. E, detto positivamente, affermiamo che la decisione di vaccinarsi per proteggere noi stessi e gli altri da danni maggiori, risponda al comandamento dell´amore per il prossimo (Levitico 19, 188; Marco 12, 31).

Prevedendo che ci sarà chi non vorrà attenersi alle disposizioni vigenti in materia di vaccinazione, che cosa possono e dovrebbero fare le chiese per aiutare queste persone a mantenere aperto il dialogo con le istituzioni e le altre famiglie?

Personalmente ritengo che ogni volta che nelle scelte degli individui e delle famiglie intervengano delle motivazioni profonde sia necessario il rispetto ma anche la chiarezza riguardo alla propria posizione, ovvero quella di sottostare al protocollo della vaccinazione obbligatoria.

Ad esempio, è necessario ricordare che l´articolo di Andrew Wakefield che attestava che vi fosse un legame tra le vaccinazioni contro morbillo, parotite, rosolia e gravi disturbi intestinali e addirittura con un comportamento autistico era un falso. Non esiste alcun rapporto causale tra vaccino e autismo.

In una materia delicata come quella dei vaccini, che richiede una responsabilità sociale alta, non è plausibile utilizzare un principio di ragionevole probabilità in seno a un rapporto causale. Il rapporto tra causa ed effetto tra la mancata vaccinazione e i suoi esiti è per molti soggetti addirittura mortale. Per questo riteniamo che la vaccinazione sia una scelta responsabile e di cura.


Fonte: Chiesavaldese.org