Pisa - Le celebrazioni dei 500 anni della Riforma nella chiesa valdese

29-11-2017 09:19 -

Teologia, storia, musica e filosofia sono i
territori in cui la chiesa valdese di Pisa ha deciso di avventurarsi per celebrare i
500 anni della Riforma. E stata una celebrazione
impegnativa, premiata pero da una numerosa e intensa partecipazione di pubblico.
Tutto e cominciato con un momento di riflessione
teologica, l´8 novembre 2016, con una conferenza di Sergio Rostagno, professore emerito di teologia sistematica alla Facoltà valdese di Teologia, sulle tesi luterane del 1520, meno note di quelle del 1517 e centrate, tra le altre cose, sul tema della libertà umana, con conclusioni decisamente non scontate sulla teologia
del giovane Lutero, prima della codificazione
del suo pensiero nell´ortodossia luterana.
Il 17 febbraio 2017, volutamente in coincidenza con
l´anniversario delle Lettere Patenti di Carlo Alberto, si e tenuta la seconda conferenza, dedicata alla dimensione storica della Riforma, con la presenza di Adriano Prosperi, storico dell´eta moderna alla Scuola Normale di Pisa. L´incontro ha riguardato la riflessione degli storici su Lutero, prendendo in
considerazione le diverse immagini del riformatore
affermatesi a ogni centenario, a partire del primo nel 1617, fino a quello del 1917 nell´anno più drammatico della prima guerra mondiale.
Il 26 maggio e stata la volta di un momento
musicale. Si e tenuto cosi il concerto del Trio dell´Archiorgano, con musiche di Bach e di Rheinberger. L´occasione, oltre al piacere dell´ascolto, ha consentito di apprezzare la complessità e l´originalità di scrittura musicale del protestantesimo europeo nel rinnovamento dei linguaggi musicali.
L´ultimo incontro e stato organizzato il 6 novembre
2017, con l´intervento di Adriano Fabris, professore ordinario di Filosofia morale all´Università di Pisa, dove insegna anche Filosofia delle religioni ed Etica della comunicazione.
Tema dell´incontro e stato ≪Lutero e la filosofia
del ´900≫. Il riformatore tedesco e stato posto all´origine della vocazione ermeneutica del pensiero filosofico contemporaneo, grazie al suo invito a un rapporto diretto con il testo biblico e alla sua scoperta della chiesa come comunità interpretante, costituita da persone che, in virtù dell´incontro con la Scrittura, costruiscono relazioni autentiche con l´altro incontrato di volta in volta sulle strade della vita.
Le conferenze non sono state l´unica iniziativa
della chiesa valdese di Pisa, oltre a esse il consiglio di chiesa ha proposto alle scuole della provincia di Pisa e del comune di Viareggio un progetto didattico teso a presentare i fatti storici della Riforma protestante, ripercorrendo le tappe che hanno portato alla situazione odierna delle chiese riformate in Italia. Il progetto ha visto l´adesione di varie scuole e continua a essere operativo anche per l´anno scolastico in corso.
Comunque, la conclusione spirituale di un
anno di riflessione sull´evento fondante del protestantesimo l´abbiamo avuta il 31 ottobre 2017, per la festa della Riforma, con un culto organizzato e presieduto dal consiglio di chiesa e aperto ecumenicamente alle chiese del territorio.
Dopo l´intenso sermone del pastore Daniele
Bouchard su Galati 5, 1-6, centrato sul tema della libertà cristiana, i rappresentanti delle varie chiese hanno portato il loro saluto fraterno. Ne è venuta un´esperienza forte di unita nelle differenze: valdesi, luterani, apostolici, ortodossi si sono abbracciati, dimostrando che ci si può incontrare tra diversi, in reale comunione.
di Enrico Del Bianco


Fonte: Riforma.it