«LA RIFORMA PROTESTANTE UN EVENTO DELLO SPIRITO SANTO». GALANTINO ESALTA MARTIN LUTERO

21-10-2017 22:17 -

«Mi sono schierato contro tutti i papisti, contro il Papa e le indulgenze ma solo predicando la Parola di Dio. E quando io dormivo la parola di Dio operava tali cose che il Papa è caduto». Monsignor Nunzio Galantino, segretario generale dell´Episcopato Italiano, ha letto ad alta voce questo brano di Lutero che per 5 secoli era considerato offensivo dai cattolici. «La Riforma avviata da Martin Lutero 500 anni fa è stata un evento dello Spirito Santo», ha affermato il vescovo intervenendo alla Pontificia Università Lateranense ad un Convegno promosso dall´ateneo del Papa per celebrare l´anniversario.

«La Riforma – ha sottolineato Galantino – risponde alla verità espressa nella formula ecclesia semper reformanda». «È stato lo stesso Lutero – ha ricordato il segretario della Cei – a non ritenersi artefice della Riforma scrivendo: "mentre io dormivo, Dio riformava la Chiesa"». «Anche oggi – ha commentato il presule – la Chiesa ha bisogno di una riforma. E anche oggi a poterla realizzare è Dio solo».

Secondo il numero due della Cei, l´amore di Lutero per la Parola anticipa la sacramentalità della Parola affermata dal Concilio Vaticano II. Così come la «passione per Dio di Lutero è stata, come disse Papa Benedetto in Germania nel 2011, una passione profonda: la molla della sua vita e del suo cammino. Non era certo una questione accademica».

Galantino, infine, ha sottolineato il gesto profetico compiuto da Papa Francesco a Lund, in Svezia, nel suo pellegrinaggio per i 500 anni della Riforma, un viaggio nel quale «dopo 50 anni di dialogo teologico, il Papa ha firmato dichiarazione congiunta per superare i pregiudizi vicendevoli che ancora dividono cattolici e protestanti».


Fonte: www.iltimone.it