Resistere nella minoranza

29-06-2017 08:29 -

di Roberto Davide Papini

"Le nostre chiese sono chiamate a resistere nella minoranza".

Il pastore Claudio Pasquet sintetizza la sfida che è di fronte alla Comunione mondiale delle chiese riformate che dal 29 giugno al 7 luglio riunisce il suo Consiglio generale a Lipsia, in Germania, con una significativa tappa a Wittenberg. Pasquet, insieme ad Annapaola Carbonatto (che ha preso parte al pre-consiglio dei giovani riformati), partecipa a questo appuntamento in rappresentanza della Chiesa valdese che fa parte delle oltre 200 chiese riformate della Comunione.

Pastore Pasquet, cosa si aspetta da questo appuntamento?

«Mi aspetto che vengano ripresi e sviluppati i temi delle assemblee precedenti, Accra (in Ghana) nel 2010 e Grand Rapids Usa) nel 2010. In particolare credo che sarà importante riprendere il tema della giustizia economica, sociale ed ecologica: rispetto ad Accra la situazione mondiale è decisamente peggiorata, anche se ci sono incoraggianti esempi di resistenza».

Tra gli aspetti della giustizia sociale c´è il tema dei migranti

«Sì, infatti a me e ad Annapaola è stato chiesto di fare un intervento per raccontare come le nostre chiese affrontano l´emergenza. Parleremo di Mediterranean Hope e dei corridoi umanitari».

In questa celebrazione dei 500 anni della Riforma è emerso con forza l´aspetto ecumenico. Un´impronta presente anche nel lavoro della Comunione mondiale delle chiese riformate?

«Sì, credo che questa sia una novità importante rispetto agli anni passati. Va ricordato, comunque, che a Lipsia si incontrano chiese che, tranne rari casi, sono di minoranza, anche se la Comunione mondiale delle chiese riformate è la più rappresentata al mondo (dopo la Chiesa cattolica) in termini di presenza nelle varie zone del mondo».

Lei parla della necessità di resistere. A che cosa?

«Proprio al fatto di agire in contesti di minoranza. Non deve essere una resistenza per tirare a campare, ma per portare avanti la testimonianza del Vangelo"

Nel corso dell´assemblea verranno votati documenti importanti come l´adesione alla "Dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione" e la "Testimonianza di Wittenberg" sul dialogo ecumenico. Saranno i due momenti centrali?

«Saranno momenti importanti, ma voglio sottolineare che si tratta di un incontro molto basato su momenti di preghiera, con due culti al giorno, in apertura e in chiusura di ogni giornata. Insomma, non è l´Onu dei riformati».


Fonte: chiesavaldese.org