Il sepolcro vuoto

12-04-2017 17:41 -

Il primo giorno della settimana, la mattina presto, mentre era ancora buio, Maria Maddalena andò al sepolcro e vide la pietra tolta dal sepolcro. Allora corse verso Simon Pietro e l´altro discepolo che Gesù amava e disse loro: «Hanno tolto il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l´abbiano messo».

(Giovanni 20,1-2)

Care sorelle e cari fratelli,

Tutto inizia di fronte ad una tomba e a una pietra tombale che separa i vivi dai morti e qui, per ora, non ci sono angeli che possono alleviare l´impatto. Ci troviamo faccia a faccia con la morte e, nella Bibbia, essa è fine vera, assoluta, non conclusione di una parte di noi. La tomba significa che di Gesù non è rimasto nulla, la sua persona, la sua storia, i suoi affetti, i suoi messaggi sono finiti nel nulla e solo per poco la memoria potrà supplire l´assenza fisica. L´esperienza sempre estremamente dura del confronto con la pietra che separa il mondo dei vivi da quello dei morti qui la fa per prima Maria di Magdala. Nel buio della notte e nel buio della propria anima sofferente, Maria si incammina e vede la pietra spostata, ma legge l´evento con gli occhi del senso comune. E´ presa dal panico per ciò che gli uomini possono aver fatto, non pensa neppure per un attimo ad un intervento potente di Dio. Corre la Maddalena verso Simon Pietro e verso l´innominato che Gesù tanto amava e rovescia su di loro la sua angoscia. Corrono ora i due, ciascuno secondo il proprio fiato e il prediletto dal Signore arriva primo, vede i segni, ma non li interpreta, piuttosto si ferma sulla soglia della camera della morte. Pietro sopraggiunto vede anche lui i segni delle fasce e del sudario che evidentemente non coprono più il corpo di Gesù. Chissà cosa può essere balenato nella testa dei due in quegli attimi in cui si tenta di riflettere di fronte ad un trauma: forse sarà apparsa l´immagine di Lazzaro risuscitato da Gesù e ancora coperto dalle fasce e dal sudario? Come interpretare i segni che, per loro natura, sono ambigui? Pietro comunque affronta per primo la camera della morte, seguito a questo punto dall´altro che vede - cosa vede? – e crede. Vede l´assenza del corpo mortale in quel sepolcro, ma l´Amore che l´aveva prediletto lo fa vedere con gli occhi della fede e l´assenza diviene presenza del Risorto. Lo Spirito evidentemente scende su di lui e comincia ad aiutarlo a vedere secondo la Scrittura, secondo quella Parola che Gesù tante volte aveva interpretato da rabbi ebraico in modo nuovo e autorevole e che i suoi discepoli non avevano ancora compreso. Alla luce dello Spirito la resurrezione di Gesù apparirà come un evento di nuova creazione che si inserisce nell´opera di quel Dio dei viventi, di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, della Scrittura, che non ha mai abbandonato le sue creature e che vuol vivere con loro per sempre, superando la separazione della morte. Amen.

Enrico Del Bianco