«Corridoi umanitari»: 400 rifugiati «volano» in Italia

25-10-2016 10:12 -

Sono atterrati questa mattina all´aeroporto di Fiumicino 72 rifugiati grazie ai «Corridoi umanitari». 400 le persone arrivate fino a oggi, saranno 1000 al termine del progetto

Sono atterrati questa mattina all´aeroporto di Fiumicino 72 rifugiati grazie ai Corridoi umanitari". Domani all´alba ne arriveranno altri 56 e dunque saranno 400 le persone giunte in Italia fino ad oggi con un regolare volo di linea e munite di visto umanitario, grazie al progetto pilota in Italia e in Europa dei «Corridoi umanitari» promosso dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), dalla Comunità di Sant´Egidio e sostenuto dalla Tavola valdese.

In conferenza stampa, all´aeroporto romano, per accogliere gli ospiti siriani giunti dal Libano si sono dati appuntamento il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, il fondatore della Comunità di sant´Egidio Andrea Riccardi, il presidente della Fcei, pastore Luca Maria Negro, Filippo Bubbico, viceministro degli Interni e la responsabile dell´Otto per mille valdese Susanna Pietra.

«Pochi giorni fa è nata a Torino la prima figlia dei "Corridoi umanitari" e si chiama Shamsa, "raggio di sole" nata da una coppia di siriani arrivata dal Libano a Fiumicino, tra i primi arrivi, e dove ora ci troviamo – ha dichiarato stamane a Riforma.it il presidente della Fcei, pastore Luca Maria Negro – per questo nuovo arrivo di profughi grazie al progetto ecumenico dei Corridoi; una buona pratica e un esempio ad oggi unico e pilota, ma auspichiamo, replicabile. Shamsa è un "raggio di sole" nel buio di una guerra che continua a mietere vittime in tanti, troppi paesi; un "raggio di sole" nella tempesta delle tragedie che continuano a perpetrarsi nel "mare nostrum". Con gli arrivi di oggi e di domani saranno 400 i soggetti vulnerabili strappati al racket dei trafficanti e che, grazie ai Corridoi umanitari, hanno intrapreso un percorso di integrazione che ha già visto alcuni rifugiati trovare lavoro o iscriversi all´università». «Quattrocento sono una goccia nell´oceano – ha detto ancora il pastore Negro – per questo, come promotori dell´iniziativa insieme alla Comunità di Sant´Egidio e alla Tavola valdese, non ci stanchiamo di chiedere alle chiese sorelle all´estero di tentare di replicare il progetto. Oggi siamo lieti di annunciare che sono in corso trattative avanzate sia in Francia e in Olanda, mentre in Germania e in Svizzera è stato dimostrato vivo interesse per l´iniziativa. Un grazie voglio rivolgerlo a tutti coloro che hanno sempre sostenuto l´iniziativa: dal Governo italiano alle associazioni alle comunità che, ovunque, nei luoghi in cui i nostri rifugiati sono accolti, si prodigano per sostenere e facilitare il processo di integrazione».

«Nell´Europa di oggi – ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, in conferenza stampa – non si può essere figli di un paese solo. Il messaggio di questa iniziativa è un messaggio rivolto a tutta l´Europa è un messaggio di un paese, come l´Italia, che profonde il suo impegno per tutta l´Europa. Questa è la nostra idea di civiltà. Un sentiero sperimentale quello dei Corridoi, ma certamente importante. Questo lavoro continuerà ma ha bisogno di essere sostenuto e condiviso».

In conferenza Andrea Riccardi ha aggiunto che «Sono anni che guardiamo la guerra in Siria e contempliamo la nostra impotenza. I Corridoi sono una risposta della società italiana».

Susanna Pietra ha infine ribadito l´impegno della Tavola valdese, perché questo progetto dimostra che «un´altra politica è possibile; una politica dal volto umano».

Sono molti i minori arrivati nel gruppo di stamane insieme alle loro famiglie: «spesso i minori sono accompagnati solo dalle madri – ha detto Cesare Zucconi della Comunità di sant´Egidio, all´alba di stamane all´aeroporto - ed è arrivato anche un gruppo di persone provenienti da Aleppo», tutti cristiani in questo caso.

«Oggi è una bella giornata – ha ricordato anche Francesco Piobbichi, l´operatore di Mediterranean Hope della Fcei che ha accompagnato il gruppo dal Libano all´Italia –. Profughi dalla guerra arrivano in Italia per esercitare il diritto d´asilo. In sicurezza. Senza mafie che lucrano, senza emergenza. Questi profughi siriani nelle loro valigie portano la loro dignità» .


Fonte: Riforma.it