La gioia di sentirsi parte di una comunità civile

10-07-2016 19:22 -

Genova: le fedi religiose alla festa per la fine del Ramadan

Un passo sulla via del dialogo fra le religioni presenti a Genova: ha questo sapore l´incontro di festa che mercoledì 6 luglio alle 19, in corrispondenza della fine del digiuno del Ramadan e del riavvio del tempo ordinario per gli islamici della città, si è tenuto nel Chiostro di Palazzo Ducale. L´incontro, sostenuto dall´amministrazione comunale, si collocava a conclusione di una serie di iniziative prese dal quotidiano Il secolo XIX e dal Centro culturale Palazzo Ducale, che è da anni in collegamento con le iniziative culturali delle chiese battista, metodista e valdese. Per parte protestante era presente il pastore Massimo Marottoli.

«La festa – ci dice – concludeva il ciclo di iniziative, e l´aspetto che mi ha colpito di più è stato quello della gioia, da parte della comunità islamica cittadina, per un riconoscimento da parte di una istituzione, Palazzo Ducale, che è una sorta di "casa culturale" per i genovesi».

Il pastore Marottoli è intervenuto dopo il sindaco Marco Doria e dopo l´imam, e ha sottolineato nel proprio intervento la necessità di definire con precisione il concetto di tolleranza, che proprio l´imam aveva evocato. «Non si deve pensare a un atteggiamento di "sopportazione": l´idea di tolleranza ha una sua lunga storia e una sua genesi assai sofferta. In Europa ci siamo arrivati dopo quasi mille anni di guerre e crociate, come indagato dal medievista Christopher Tyerman (Le guerre di Dio, Einaudi 2012), dopo la conquista di Gerusalemme; e certamente anche la Riforma ha il suo peso lungo questo cammino, così come ce l´hanno l´affermazione degli Stati nazionali, lo sviluppo della laicità, la pace di Vestfalia del 1648. Dall´intervento del sindaco ho ripreso volentieri un altro concetto – prosegue il pastore – che è quello di "comunità civile": è molto importante il quadro d´insieme delle relazioni civili, nel rispetto delle leggi civili di uno Stato laico, che rende possibile la conoscenza reciproca fra le fedi (fra l´altro il rabbino Giuseppe Momigliano ha parlato dell´importanza del digiuno nella tradizione ebraica). È proprio in virtù di questa sensibilità laica che abbiamo potuto essere qui a festeggiare insieme alla comunità islamica, un evento importante soprattutto se pensiamo a quanto sta avvenendo nel mondo».

Fonte: Riforma.it