L´informazione televisiva al servizio del Vaticano

22-06-2016 08:42 -

Paravati: «se l´informazione è concentrata su una sola cultura, anche religiosa, le minoranze diventano scarti di cui si sa poco». Giovedì un incontro sul tema, a Roma

Ogni anno la fondazione Critica Liberale redige un rapporto sulla presenza delle confessioni religiose nelle trasmissioni televisive e nei telegiornali. A febbraio, infatti, abbiamo parlato del V rapporto sulle confessioni religiose in tv e del VI rapporto sui telegiornali, che restituiscono l´immagine di una televisione dominata quasi esclusivamente dalla presenza cattolica. I dati dei rapporti sono raccolti dalla stessa società che si occupa dei monitoraggi per l´Agcom, l´Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, in modo da avere risultati scientifici e affidabili; la ricerca è stata finanziata dall´Otto per mille della Tavola Valdese.

L´anno scorso la fondazione aveva presentato i dati alla Commissione di Vigilanza Radio Televisiva: «il presidente Fico si è scandalizzato molto per questi dati – dice Enzo Marzo, presidente di Critica Liberale – ma ad oggi non ha preso provvedimenti». La discussione è stata posta anche con le minoranze religiose per portare a un cambiamento della situazione.

All´incontro di giovedì 23 giugno, che si svolgerà presso la Federazione della stampa italiana, a Roma, saranno presenti Alberto Airola, senatore M5S, membro della Commissione di vigilanza Rai, Vittorio Emiliani, già membro del Cda della Rai-Tv, Carlo Freccero, membro del Cda della Rai-Tv, Vincenzo Vita, già membro della Commissione di vigilanza Rai e Claudio Paravati, direttore della rivista Confronti: «abbiamo invitato dei personaggi esperti della materia – continua Marzo – coloro che possono dare il loro importante punto di vista sul potere radiotelevisivo. Presenteremo anche un ricorso all´Agcom effettuato dalla European Federation for Freedom of Belief che si è basata sui nostri dati, che sono a disposizione di tutti». Il monitoraggio è effettuato 24h/24 su 12 canali televisivi: «speriamo che l´incontro porti degli effetti politici, perché da parte dell´opinione pubblica questi dati sono già percepiti: quando parliamo di un 98%, in alcuni casi 100%, di presenza cattolica nelle trasmissioni, il telespettatore non può non accorgersene. – dice Marzo – Le radici di questi privilegi, secondo noi, sono tutte nel Concordato».

«Il potere quasi assoluto della visibilità televisiva della chiesa cattolica passa in vari modi, anche nelle fiction, per esempio: e la pluralità è quasi inesistente – dice Claudio Paravati, direttore della rivista Confronti – ma questo è solo il sintomo della malattia più generale, ovvero la difficoltà di concepire una pluralità religiosa. Se l´informazione è concentrata solo su una cultura, anche religiosa, le minoranze diventano gli scarti di cui si sa poco. La pluralità si vede nell´impostazione di base».

Si pensi all´Islam, che durante l´ultimo anno non ha avuto spazio in tv, cosa che fa riflettere nel tempo in cui viviamo: «questo ha del drammatico – conclude Paravati – in Italia ci sono 1,6 milioni di persone di cultura islamica, una grande fetta della popolazione. Non hanno nessun tipo di spazio in televisione se non dopo i fatti tragici o a volte sono ospiti con percentuali ridicole. Questo fa si che non ci sia una conoscenza dell´altro e si continui a parlarne con slogan e luoghi comuni». Per le culture la soluzione è la stessa che per le religioni, dunque: «costruire una cultura delle minoranze, che genera una buona convivenza tra le culture differenti».

Fonte: Riforma.it