Fui straniero e mi accoglieste

27-04-2016 20:06 -

Si è svolta a Scicli la 29° giornata del protestantesimo siciliano. Il 15 maggio il «culto di piazza» sarà trasmesso su «Protestantesimo»

«Fui straniero e mi accoglieste» è il titolo della ventinovesima edizione della Giornata del Protestantesimo Siciliano, un appuntamento che intorno al 25 d´ogni aprile riunisce in un sol comune tutti gli evangelici dell´Isola più grande d´Italia. L´anno passato era toccato a Riesi; nel 2011, in onore dei 150 anni dell´Unità, si era scelta Marsala, il porto dello sbarco dei garibaldini.

Lo scorso 24 aprile, valdesi, battisti, metodisti, ma anche luterani, avventisti e membri dell´esercito della salvezza si sono invece ritrovati a Scicli, in provincia di Ragusa. Di fronte al perdurare della tragedia migratoria, il luogo e la tematica di questa giornata di preghiera hanno assunto una doppia valenza simbolica: perché è la Sicilia, con Lampedusa, a essere la prima Italia d´approdo per i migranti del nord Africa e perché è proprio nella piccola Scicli che da un anno e mezzo è funzionante la «Casa delle Culture», uno dei centri d´accoglienza aperti dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei) nell´ambito del progetto Mediterranean Hope.

Il culto congiunto – ospitato nell´assolata piazza Italia, magnifico crogiuolo di architetture stratificate – è stato ripreso per intero dalle telecamere della Rai; il 15 maggio, domenica di Pentecoste, sarà trasmesso in eurovisione all´interno del programma Protestantesimo.

Fonte: Riforma.it