Colloquio religioso di Worms: pronti per il pluralismo religioso

26-04-2016 10:29 -

di Giuseppe Platone

«Se non sarò convinto mediante la testimonianza della Scrittura e chiare ragioni - poiché non credo né al papa né ai concili da soli, poiché è evidente che hanno errato e si contraddicono - io sono vinto dalla mia coscienza e prigioniero della Parola di Dio... perciò, non posso né voglio ritrattare, poiché non è sicuro né salutare fare alcunché contro la coscienza. Dio mi aiuti... non posso altrimenti!». Dopo questa dichiarazione davanti alla Dieta imperiale, Carlo V mise Lutero al bando dall´impero. Ma non tutti i rappresentanti degli stati tedeschi furono d´accordo. E in quel giorno di primavera del 1521, molto più che quattro anni prima con l´affissione delle famose 95 tesi contro le indulgenze all´università di Wittenberg, fu subito Riforma. Vinse il primato della coscienza radicata nella Parola di Dio.

«Oggi noi che siamo qui a Worms in rappresentanza dei quattrocento milioni di protestanti sparsi nel mondo intero - ´Colloquio religioso´, Worms 15 - 17 aprile 2016ha osservato il giurista Gerhard Robbers in rappresentanza del comitato del Giubileo del 500mo anniversario della Riforma in apertura dei lavori del “Colloquio religioso” svoltosi a Worms dal 15 al 17 aprile - ci riconosciamo ancora in questo primato della Parola e della coscienza?». L´interrogativo ha innervato i lavori del convegno regionale dell´Assia e Nassau (complessivamente 1.300 partecipanti) articolato in tre grandi momenti.

Il primo appuntamento ha visto la preghiera delle religioni. I rappresentanti di varie tradizioni religiose (per i musulmani erano presenti sciiti e sunniti) hanno trasportato simbolicamente borsoni di plastica come quelli dei migranti, sui quali erano scritti i propri desideri.

I lavori si sono quindi concentrati sui temi della pre-Riforma luterana. Ovvero - come è stato specificato - sulla “Prima Riforma”. Chi scrive queste note ha tratteggiato la spiritualità del valdismo medioevale alla vigilia dell´adesione alla Riforma nel 1532 ricordando come ´Colloquio religioso´, Worms 15 - 17 aprile 2016il “Sola Scriptura” e il “Solus Christus” furono i tratti convergenti nel confronto con i Riformatori.

Nella seconda giornata del “Colloquio” i convegnisti hanno partecipato al culto nella chiesa della Santissima Trinità in cui ha predicato il presidente della Chiesa evangelica dell´Assia e Nassau, il pastore Volker Jung.

I lavori si sono poi conclusi con una tavola rotonda a carattere interreligioso. Dal Libano era presente la teologa islamica Nayla Tabbara, che ha descritto i fermenti femministi all´interno del mondo islamico di cui lei stessa è, con altre teologhe, promotrice. Dal Camerun è intervenuto il politologo Emmanuel Mabe, che ha illustrato la forza e il valore della trasmissione orale nella cultura africana, che in Occidente abbiamo sostanzialmente perduto.

Ho anche potuto Il pastore Giuseppe Platone a Worms vicino al monumento a Pietro Valdo (aprile 2016)dialogare con non pochi amici ed amiche della nostra chiesa valdese in Italia, e ho avvertito un forte interesse nei confronti sia del progetto dei “corridoi umanitari”, sia per l´apporto che il mondo valdese potrà prossimamente offrire sui temi della pre-Riforma.

Il pastore Friedhelm Pieper, tra i principali organizzatori di questo convegno (i cui atti verranno prossimamente pubblicati), alla fine dei lavori era visibilmente soddisfatto che il “Colloquio” non si fosse risolto in un´autocelebrazione della Riforma di Lutero ma avesse registrato un passo in avanti sul terreno del dialogo interreligioso. «Essere riformati - mi ha confessato - significa cogliere lo spirito del tempo, che oggi si chiama: migranti. E dentro questo problema epocale riuscire a far risuonare la voce del tuo cuore che, una volta ancora, come la Riforma mise in luce nella primavera del 1521, racconta il primato della coscienza».

Fonte: Chiesavaldese.org