Venite, tutto è pronto

26-01-2016 09:04 -

Commento a Luca 14, 17 di Emanuele Paschetto

Il Signore benedirà quelli che lo temono, piccoli e grandi
Salmo 115, 13

Venite, perché tutto è già pronto
Luca 14, 17


Questa frase è inserita nella parabola cosiddetta del «Gran Convito», preparato da «un uomo», come ci racconta Gesù, senza scendere in particolari sul perché del banchetto e sul criterio con cui «molti» vengono invitati.

È una frase che dovrebbe indicare l’inizio della festa, con l’arrivo degli ospiti, per concludere, caso mai, con la descrizione delle varie portate e dell’allegria conviviale.

E invece diventa una frase che indica una svolta drammatica nella vicenda, perché le persone con cui il padrone di casa avrebbe gradito festeggiare dimostrano una scortesia villana verso chi li invita, accampando scuse risibili per non presentarsi. Sono i motivi banali per i quali anche oggi noi decliniamo spesso certi inviti che riteniamo sgraditi: la famiglia, il lavoro, gli affari.

Noi, che sappiamo bene chi è il padrone di casa e chi erano gli invitati, siamo pronti a puntare il dito contro Israele che non ha riconosciuto nel servo che li invitava, il Messia tanto atteso. E pensiamo di identificarci con la seconda e la terza ondata degli invitati: noi siamo coloro che sostituiscono nel banchetto del Regno di Dio coloro che si sono autoesclusi.

Anzi, forse riteniamo che l’invito primario sia ormai per noi cristiani, nuovo popolo di Dio e crediamo di aver risposto positivamente perché siamo battezzati, o confermati, membri di chiesa ai quali il posto nel convito è garantito. Non ci rendiamo conto che anche noi anteponiamo i nostri interessi di famiglia, denaro, lavoro all’invito a entrare nella casa del Signore.

«Venite, tutto è pronto» ci viene detto al momento in cui celebriamo la Cena del Signore e dimentichiamo che il banchetto simboleggiato da questo gesto è il banchetto gratuito al quale – secondo Isaia – sono invitati tutti i popoli e che nostro compito è far diventare nostri commensali ogni uomo ed ogni donna del nostro tempo. Il cibo che Dio ci dona, di qualunque natura esso sia, deve essere cibo condiviso e nostro compito è estendere a ogni creatura l’invito a nutrirsene.

Fonte: Riforma