Isaia 52, 7-8

10-12-2015 09:17 -

«Quanto sono belli, sui monti, i piedi del messaggero di buone notizie, che annuncia la pace, che è araldo di notizie liete, che annuncia la salvezza, che dice a Sion: "Il tuo Dio regna!" Ascolta le tue sentinelle! Esse alzano la voce, prorompono tutte assieme in grida di gioia; esse infatti vedono con i propri occhi il SIGNORE che ritorna a Sion.»

Un messaggero spunta in lontananza sui monti. Porta con sé una buona notizia, una notizia che forse tutti speravano di ricevere, ma nessuno si aspettava più di sentire. La notizia è che Dio sta tornando e viene a regnare dopo aver sconfitto l´oppressore. Tutto scoppia in un grido di gioia. Sono rovine, sono mura abbattute, sono uomini e donne stravolti, oppressi, sfiduciati, sono rovine archeologiche e rovine umane che si sollevano e accolgono con gioia il ritorno di Dio.

Se dovessi immaginare un film, la scena si aprirebbe con un primo piano sui piedi di questo messaggero. Ma non sarebbero molto belli: hanno camminato per chilometri in montagna e saranno certamente pieni di calli e terra. Eppure proprio questi piedi, brutti, sporchi, feriti e maltrattati sono i più bei piedi mai visti, perché portano la notizia più bella mai sentita: la notizia della pace, della salvezza, della liberazione.

Non sono i piedi lavati e profumati di chi sta fermo, di chi si fa servire. Sono i piedi malandati di chi serve, di chi ha camminato a lungo, di chi ha faticato, di chi ha sofferto, ma ha sempre creduto nel sostegno di Dio. Sono piedi orrendi ma stupendi perché sono trasfigurati dalla bella notizia che portano.

La venuta di Gesù, come quella del messaggero, porta con sé una straordinaria rivoluzione delle nostre vite. La sua nascita avviene nella sporcizia di una stalla, tra un popolo che vive sottomesso. Proprio in quell´umiltà e in quella sporcizia, Gesù verrà riconosciuto e acclamato come il Salvatore. Siamo dunque in un tempo di attesa, nella certezza che Dio rinnoverà il suo dono e nella speranza di saperlo accogliere.

di Stefano D´Amore


Fonte: Chiesavaldese.org