Parigi. Ferma condanna delle comunità islamiche e delle chiese cristiane italiane

25-11-2015 09:35 -


"Contro ogni abuso della religione per perseguire obiettivi politici"

Roma (NEV), 18 novembre 2015 - "Condanniamo ogni forma di terrore e di violenza nel nome di Dio; rivolgiamo un appello a tutte le nostre comunità perché contrastino con tutte le loro forze messaggi d´odio e di violenza incompatibili con l´islam, con il cristianesimo e con tutte le altre religioni e il loro messaggio di pace". Queste le parole dell´appello firmato sabato 14 novembre, all´indomani degli attacchi terroristici Parigi, durante il convegno organizzato dalla rivista Confronti "Da musulmani immigrati a cittadini italiani: la sfida dell´integrazione e del dialogo" (Roma 13-14 novembre), dagli esponenti delle comunità e dei movimenti islamici e cristiani.

"Noi esponenti di varie organizzazioni islamiche e cristiane - prosegue l´appello - esprimiamo il nostro cordoglio e il nostro sconcerto, nonché la nostra solidarietà al popolo francese, con tutte le sue componenti religiose e culturali, e a tutti i popoli vittime del terrorismo. Rinnoviamo la nostra totale disponibilità a collaborare a ogni iniziativa tesa al dialogo interreligioso e al contrasto di ogni abuso della religione per perseguire obiettivi politici e di potere che nulla hanno a che fare con una fede autenticamente vissuta".

Tra i primi firmatari i rappresentanti di alcune delle maggiori organizzazioni islamiche italiane, Abdellah Redouane (Grande Moschea di Roma), Izzeddin Elzir (Unione delle comunità e organizzazioni islamiche in Italia - UCOII), Yahya Pallavicini (Comunità religiosa islamica - COREIS); e per parte cristiana don Cristiano Bettega (Ufficio per l´ecumenismo e il dialogo interreligioso della CEI), Luca Anziani (Tavola Valdese), Roberto Catalano (Movimento dei Focolari), Paolo Naso (Federazione delle chiese evangeliche in Italia - FCEI), Gian Mario Gillio (Agenzia stampa NEV - FCEI); e altre organizzazioni, Giovanni Sarubbi (Il Dialogo) e Marisa Iannucci (Life Onlus). "Da anni - ha dichiarato all´Agenzia stampa NEV, il direttore della rivista Confronti, Claudio Paravati - organizziamo insieme momenti di dialogo e di informazione alla cittadinanza, come per esempio in occasione dell´annuale Giornata del dialogo cristiano islamico del 27 ottobre, che non è che il primo degli eventi che durante l´anno vengono tenuti in tutta Italia. La situazione è oggi drammatica, e il pericolo del populismo altissimo: è storico questo messaggio congiunto tra cristiani e musulmani, uniti; ed è ora il momento di sottoscriverlo sempre di più affinché parli in maniera chiara a tutta la cittadinanza".

Fonte: NEV - notizie evangeliche