La confessione di fede di Tommaso - commento a Giovanni 20,29

27-11-2014 11:00 -

Signore se ho trovato grazia agli occhi tuoi, dammi un segno che sei proprio tu che mi parli.
(Giudici 6, 17)

Gesù disse a Tommaso: «Perché mi hai visto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
(Giovanni 20, 29)

Le parole che Gesù dice a Tommaso dopo la risurrezione sono una beatitudine che si riversa direttamente su di noi, credenti di oggi in Gesù Cristo il Signore. Questo è corretto: ogni tanto la Bibbia ha per noi una parola di beatitudine. Non siamo come Tommaso, che chiede di toccare il Gesù risorto per credere nella sua risurrezione: per fare la stessa richiesta noi siamo ormai fuori tempo massimo. Anche se, qualche volta, vorremmo vedere dei segni più chiari ed evidenti della presenza del Signore fra di noi.

Prima considerazione: non siamo come Tommaso, che è diventato per antonomasia colui che, se non vede con i propri occhi e non tocca con le sue mani, non crede. Tutta l´iconografia religiosa di questa scena evangelica raffigura Tommaso che allunga la mano per toccare il fianco di Gesù con la ferita ancora aperta. I quadri presentano una lettura interpretativa del testo che condiziona da duemila anni i lettori della Bibbia. Ma è una lettura corretta del testo biblico? Tommaso è proprio il discepolo che non crede, se non tocca con mano la realtà?

In verità, il testo biblico narra di Tommaso che ha detto ai suoi condiscepoli di non credere se non avesse toccato con mano. Ma alla presenza del Gesù risorto riceve l´invito a toccarlo e un rimprovero indiretto. Il realtà il testo non dice che Tommaso ha toccato il risorto, ma che caduto in ginocchio esclama: Signore mio e Dio mio! Si tratta della più importante confessione di fede diretta ed esplicita con la quale si confessa Gesù come Dio, l´unica in tutto il Nuovo Testamento. Forse Tommaso va rivalutato.

Fonte: Riforma