Il capolavoro di Diodati

05-11-2014 14:07 -

Lucchese di casato, Giovanni Diodati (1576-1649) fu esule in Svizzera perché la sua famiglia non poteva professare la propria fede riformata in Italia. A dire il vero Diodati era nato a Ginevra, ma ci teneva a rivendicare l´origine del suo casato, e questa rivendicazione («di nation Lucchese») apparve sul frontespizio della sua traduzione della Bibbia, nel 1607. Alla Bibbia di Diodati è dedicata una mostra alla Fondazione Centro culturale valdese, che ha sede a Torre Pellice.
Finiti gli studi di teologia a vent´anni, pastore a Venezia e teologo di spessore, destinato a diventare «moderatore» della «Compagnia dei pastori» di Ginevra, egli dimostrò subito la propria inclinazione a tradurre la Bibbia: per passione
nei confronti della Scrittura e perché era in possesso di una straordinaria maestria nell´utilizzare la lingua italiana. Così la sua versione (soprattutto la seconda edizione, da lui aggiornata nel 1641, e come la prima stampata a Ginevra) diventò anche uno dei capolavori dell´italiano letterario dell´epoca: l´editore Mondadori, nel 1999, ne darà alle stampe un´edizione in tre volumi, ricchi di note, introduzioni e studi critici, nella prestigiosa collana dei «Meridiani».
Alla Bibbia di Diodati sono legati anche altri episodi, che testimoniano la volontà e la costanza di chi nei secoli era animato dalla volontà di accostarsi alle Scritture autonomamente, e nella propria lingua: nel breve periodo della laica Repubblica
Romana (cinque mesi appena di durata, nel 1849, in pieno Risorgimento), fu dato alle stampe a Roma (!) un Nuovo Testamento nella sua versione (ovviamente senza l´imprimatur), per iniziativa del pastore di Ginevra éodore Paul. Un esemplare
fu posseduto da uno studente in teologia, Paolo Geymonat, che poi lo donò alla Bibliothèque des pasteurs des Vallées Vaudoises, ora confluita nella Biblioteca del Centro culturale valdese, ma altre tre copie furono donate ai triumviri della Repubblica:
Garibaldi, Armellini, Saffi.
La mostra, aperta fino al 24 novembre, presenta una serie di pannelli che tracciano la storia e la fortuna editoriale di questo capolavoro di letteratura e di teologia. Il percorso che porta Diodati alla revisione e alla compilazione delle note che corredano la sua versione definitiva è illustrato con i frontespizi delle varie edizioni: spicca, in apertura della prima edizione, la figura di un seminatore, che richiama la relativa parabola evangelica e reca il motto Son art en Dieu (la sua arte in Dio): l´incisione e il motto costituiscono oggi anche il logo del Centro culturale.
Altri pannelli illustrano la fortuna della Bibbia di Diodati nei secoli, fino all´ultima stagione, tuttora aperta, successiva al Concilio Vaticano II: è l´epoca in cui protestanti e cattolici anche in Italia hanno incominciato a studiare e tradurre insieme la Bibbia,
realizzando anche, verso la fine degli anni Settanta, la Traduzione interconfessionale in lingua corrente (Tilc).


Fonte: l´Eco delle Valli Valdesi