Francia. I protestanti scrivono le loro nuove tesi in preparazione del 2017 Marie Lefebvre-Billiez

04-11-2014 14:49 -

Dal nord al sud, dall´est all´ovest, i protestanti uniti di Francia hanno preparato le loro tesi per il 2017, grazie alla storia e all´arte. Erano 400 a Marmande (Lot-et-Garonne) e 500 a Montbéliard (Doubs) per «protestare per Dio, protestare per l´uomo», tema dell´iniziativa lanciata l´11 ottobre in preparazione delle festività del 2017.
A Marmande, tutta la regione Sud-Ovest della Chiesa protestante unita di Francia si è riunita. Una decina di atelier hanno riflettuto sulle domande poste dal lezionario.
«In ogni gruppo, almeno due giovani di età post catechismo erano presenti, confida ´organizzatore, e non erano gli ultimi a partecipare!». A fine giornata, i giovani hanno applaudito la compagnia di teatro Sketch Up. Teatro, sempre a Montbéliard, dove Martin Lutero, Giovanni Calvino, Marie Durand e Martin Luther King sono stati «come per magia» riuniti attraverso piccoli sceneggiati,
secondo Jan Albert Roetman, coordinatore nazionale della giornata. Questa città ha inoltre accolto una passeggiata urbana nello spazio pubblico e una celebrazione ecumenica. Nancy si è soffermata sulla «storia palpitante » del suo tempio, Digione sui «protestanti da ieri a oggi»
grazie a un quiz. A Besançon, i bambini hanno intonato l´inno del Grande Kiff «Voi siete la luce del mondo». In Bassa Normandia, i membri di chiesa si sono ritrovati per «due giorni di festa », secondo l´organizzatore, sabato e domenica. I giovani hanno presentato un cortometraggio e hanno animato quattro atelier, in particolare sulla lettura della Bibbia e sulla nozione di protesta: «Contro che cosa? Per chi?». Su Twitter, le parole chiave «#thèses2017» hanno permesso
di scoprire le festività a Vienne, nell´Isère, dove manifesti sono stati affissi sulle porte delle chiese, in particolare del duomo. A Mantes-la-Jolie, nella regione parigina, la riflessione ha girato attorno
alla questione della trasmissone, secondo Daniel Cassou, incaricato della comunicazione dell´Epuf. Il concistoro Nord-Ovest della regione parigina aveva da parte sua scelto di interrogarsi sulla resurrezione. Una giornata di bilancio a livello nazionale è prevista il 28 novembre per valutare «quali temi tornano più spesso», spiega Jan Albert Roetman, ritenendo che «la storia
interessa molto». L´obiettivo è anche che il gruppo di lavoro che sta preparando la dichiarazione
di fede dell´Epuf si nutra del vissuto delle chiese locali in questa iniziativa delle «tesi per il 2017». Un libro bianco sarà presto messo in linea su www. theses2017.fr "regardsprotestants"


Fonte: Riforma