NON TEMERE!

10-09-2014 18:59 -

Non temere, perché io ti ho riscattato, ti ho chiamato per nome; tu sei mio!
(Isaia 43, 1)

Rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli
(Luca 10, 20)


L´ansia e il timore possono diventare paralizzanti fino al dolore. Di fronte a una minaccia o davanti a un cambiamento radicale delle proprie condizioni di vita ci si ferma, subendo passivamente l´evento. In un secondo momento la paralisi cede il posto all´agitazione. Ci si agita per trovare un aiuto o una soluzione al problema che sembra irrisolvibile. Le forze si disperdono, i risultati delle proprie azioni tuttavia non si vedono. Chi è capace di esercitare una relazione d´aiuto nei confronti degli altri conosce bene questi sintomi e sa - di solito - come affrontare la situazione per riportare la persona che soffre a un equilibrio fisico e psicologico. La situazione si complica assai se, a soffrire di simili disturbi, è un intero popolo.

Il popolo di Giuda deportato in Babilonia intorno al 587 a.C. ha conosciuto sia la paralisi sia l´agitazione. Ne troviamo testimonianze nella parte finale del libro del profeta Geremia. Invece il capitolo 43 del libro di Isaia riporta l´equilibrio. I capitoli 40-55 di questa magnifica opera letteraria riassumono il messaggio di un anonimo profeta - o forse di un intero movimento profetico - che ha fatto di Isaia il suo principale riferimento. Il testo di Isaia 43, 1 esordisce: "Così parla il tuo Creatore, Giacobbe, colui che ti ha formato, o Israele!". Il messaggio legato al nome di Secondo (Deutero-)Isaia colloca Dio al suo centro in maniera chiara e decisa. Non ci sono altri dei e non esiste alcun mezzo umano di salvezza.

"Non temere", prosegue il testo. Questa breve espressione ha un potere quasi magico di riportare calma e serenità. Essa significa che non si è soli, che qualcuno si occupa di noi. Nel nostro breve versetto, il discorso è ancora più profondo. Di fronte a un popolo che oscilla tra paralisi e agitazione, Dio si presenta non soltanto come creatore e consolatore. L´Eterno assume qui il ruolo di riscattatore (hbr. go´èl). "Ti ho chiamato per nome, tu sei mio" - sembra alludere al libro di Rut e alla figura di Boaz che riscatta la donna e le ridona la dignità perduta a causa della precoce vedovanza. La stessa frase indica anche il rapporto di una comunione intima e profonda tra Dio e il suo popolo. Le parole di uno dei nostri inni protestanti tradizionali affermano infatti: "Chi sol confida nel Signore confuso mai potrà restar; vedrà dell´ansia e del timore l´ombra avvilente dileguar" (Innario cristiano n. 284).

Fonte: Riforma