25 Settembre 2020
News

Oltre il mistero pasquale

23-03-2018 08:42 - Fede e spiritualità
La Pasqua come passaggio dalla schiavitù alla libertà

«Servirsi di Dio come di una risposta alla domanda sull´origine delle leggi (dell´universo) equivale semplicemente a sostituire un mistero con un altro». Si tratta di una delle frasi più celebri di Stephen Hawking, matematico e astrofisico inglese scomparso da pochi giorni, volto simbolo della scienza del nostro tempo. Una mente visionaria, la sua, che ha saputo unire le più complesse teorie e ricerche in campo fisico e astronomico a una vita pubblica che lo ha fatto conoscere anche alle generazioni più giovani e ai non addetti ai lavori.

La dimensione del mistero, messa in evidenza dallo scienziato inglese, avvolge non di rado la nostra percezione dei contenuti centrali delle festività pasquali. Il tempo della Passione, detto anche Quaresima, pone al centro della nostra riflessione la croce di Gesù. Di conseguenza emerge con tutta la sua pre-potenza il problema della morte. Affrontando questo problema si è tentati di abusare della parola mistero oppure di fare ricorso a un Dio "tappabuchi".

La Pasqua tuttavia non è un mistero impenetrabile. Il senso della Pasqua, tanto di quella ebraica quanto di quella cristiana, è il passaggio dalla schiavitù alla libertà, dalla morte alla vita. Nella prospettiva cristiana non si può comprendere l´annuncio della risurrezione senza passare attraverso il sentiero della croce. Non si può sperare nella risurrezione se non si accetta l´inevitabilità della morte. Per questo motivo nella prassi liturgica delle chiese protestanti la celebrazione del Venerdì Santo assume un significato particolarmente importante. Si tratta di celebrare non tanto la morte di Gesù quanto la nostra individuale e/o collettiva metanoia nei confronti della vita e della morte.

La bellissima parola italiana "ravvedimento" esprime molto meglio delle altre (pentimento, conversione, rinascita, nel senso di born again) il senso del termine greco "metanoia". Ravvedersi significa accogliere una diversa, assolutamente nuova percezione della realtà. Tale accoglienza inizia con la meditazione della Parola ma la forza che la rende possibile non si trova nelle possibilità umane. Qui non contano intenzioni né propositi. Soltanto la Grazia rende possibile una nuova percezione della realtà. Nella prospettiva evangelica si tratta della realtà trasformata dalla Grazia, la realtà che è proprio sotto il dominio del Re dei re, la realtà in cui l´unica legge è l´amore-agape.

Si ha tuttavia l´impressione che l´appello al ravvedimento il più delle volte cada nel vuoto. Non di rado siamo convinti di essere già fuori dalle dinamiche del peccato e di vivere pienamente nella dimensione dell´agape. Altre volte ci sembra invece di sprofondare nel peccato. La verità è tuttavia diversa. Viviamo sempre sospesi tra peccato e Grazia. Abbiamo la certezza che nel momento della nostra morte corporea sperimenteremo pienamente la liberazione dal peccato ma finché ci troviamo nell´al-di-qua, assai spesso il nostro agire è lontanissimo da qualunque manifestazione dell´agape. Il passo necessario dunque è quello di prendere atto della "nostra totale incapacità di fare il bene" (Giovanni Calvino). Solo a questa condizione le nostre azioni potranno essere guidate e dominate dalla Grazia affinché l´agape di Dio si manifesti pienamente per togliere dai nostri occhi ogni velo del mistero.
di Pawel Gajewski


Fonte: Chiesavaldese.org
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

S E T T E M B R E
Versetto del mese:
“Dio era in Cristo nel riconciliare con sé il mondo”
(II Corinzi 5,19)




Salmo della settimana : 127


Venerdì 25 Settembre

Grande pace hanno quelli che amano la tua legge e non c'è nulla che possa farli cadere. (Salmo 119, 165)
La parola di Cristo abiti in voi abbondantemente, ammaestrandovi ed esortandovi gli uni gli altri con ogni sapienza. (Colossesi 3, 16)

La pace donata da Dio non muove soltanto i nostri cuori. Ci richiede parole ed azioni, ci cambia e ci indica la direzione: la Sua pace è il sentiero su cui ci si può incamminare.
Johannes Kulni

I Corinzi 7,17-24; II Corinzi 9, 10,15


Siamo stati creati per la vita
Commento a: II Corinzi 5, 4
Noi che siamo in questa tenda gemiamo, oppressi; e perciò desideriamo non già di essere spogliati, ma di essere rivestiti, affinché ciò che è mortale sia assorbito dalla vita


Lunedì e martedì i testi del Lezionario Un giorno una Parola ci hanno indotto a riflettere sulla sofferenza e sul dolore che la vita spesso ci impone, su quel senso di abbandono che ci induce talvolta a pensare che persino il Signore si sia allontanato da noi.
Oggi l’apostolo Paolo, però, ci costringe ad elevare il nostro sguardo, ad aprire i nostri cuori e le nostre menti. Spesso i nostri occhi sono fissi sulla fatica, sul dolore nostro come singoli e singole o sulle tragedie a cui assistiamo come umanità, ma qui Paolo ci aiuta ad alzare i nostri volti e ci spinge ad andare oltre. L’apostolo è consapevole che ora siamo oppressi e gemiamo, ma ci ricorda che il nostro desiderio più profondo non può che essere quello di essere rivestiti di una nuova Vita. Cioè afferma che quello che ci appartiene davvero, come uomini e donne creati a immagine di Dio, come fratelli e sorelle di Gesù, non è l’immobilismo stagnante che spesso ci costringe a fermarci al nostro presente, più o meno travagliato. La nostra vocazione più vera è guardare verso la direzione che Gesù ci ha indicato, Gesù che ha vinto la morte, Gesù in tutto e per tutto uomo e dunque modello per ognuno e ognuna di noi.
Noi che viviamo in un mondo di morte, che ci sentiamo destinati alla morte e attratti da quello che ci circonda, che è mortale e mortifero, in realtà siamo stati creati per la Vita e ad essa siamo destinati e destinate. E dunque pur nel dolore, nella fatica, nell’angoscia, la nostra preghiera può salire forte e chiara al Signore che ci ha creati: resta con noi e donaci dei cuori di carne, che sappiano sentire la Tua presenza, impedisci che la nostra speranza si offuschi e donaci una fede che sappia essere salda e forte, gioiosa e colma di amore. Amen.

Erica Sfredda



Preghiera

Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell’iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po’ di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.
Ediz. Paoline




Eventi
[<<] [Luglio 2020] [>>]
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it