18 Febbraio 2020

News

La mangiatoia piena e la tomba vuota

21-12-2017 09:25 - Fede e spiritualità
Il Natale evangelico deve sopravvivere alla sua iconizzazione mediatico-commerciale. Una riflessione del professore di teologia pratica Enrico Benedetto

Il Natale è un Mutante, ammettiamolo.

C´era una volta l´archetipo natalizio. Ma doveva essere un archetipo darwiniano: si è evoluto (o involuto) con la duttilità di un avatar. Il bue e l´asinello hanno partorito renne, la Santa Famiglia agglutina sempre più famiglie distratte e concitate, volentieri sature, scomponibili e ricomponibili secondo geometrie talora indecifrabili (vedi Il Premio, con uno splendido Gigi Proietti, ove il nonno si presenta «fumato» con partner improbabili); al nascituro si preferisce la Rinascente che ha inaugurato con sfarzo da «Grande Bellezza» l´Avvento romano, e la mangiatoia lascia le stalle per farsi liturgia abbuffona vidimata da Master Chefs, mentre i mercatini di Natale germanici, adeguatamente stravolti, colonizzano allo zenzero CentrItalia e Meridione.

Per metterla su un piano più «paratrinitario», il Figlio genera con due millenni di ritardo il Padre ossia Babbo Natale, mentre lo Spirito del Natale – quello caro a Dickens – latita, aggirandosi come un fantasma sull´Italia se non sull´Europa: tutti lo invocano, ciascuno insegue il proprio e nessuno più lo trova, neanche denunciando come cinepanettoni – uno sport nazionale – i Natali altrui.

Già, lo spirito del Natale. Obama pensava di materializzarlo con un restyling non proprio lieve: periferizzare Gesù, immettere Hanukkah ma senza parlarne troppo e guarnire il tutto con «Buone Feste!», figura apicale dell´Inter-religioso, laddove Trump – che nelle Controriforme eccelle – ha ripiantato eroicamente l´Abete, conficcandolo nell´identità nazionale americana come la bandiera stellestrisce su Iwo Jima riconquistata, nel celebre cliché di Joe Rosenthal.

Li abbiamo provati un po´ tutti, i Natali in commercio, inclusi quelli dell´e-commerce. Natali a km zero, verdi, solidali, pauperistici, filopalestinesi, decenonizzati, casual, minimalisti, da crisi e da post-crisi, zen, eco-sostenibili (ma i parenti tendono a esserlo infinitamente meno), inviti a senso unico alternato per favorire la circolazione intergenerazionale... Da bene necessario, anzi da Summum Bonum, a male superfluo, scadenza fastidiosa e impicciona, cartina di tornasole per l´Inverno del nostro scontento. Come il Sinodo valdese – diranno i malvagi – in fondo il Natale è tanto più irriformabile quanto più fioccano le proposte per riformarlo. Va forse preso come un corpus antropologico (pallida eco dell´Incarnazione), un significante che si è perso nei significati dei suoi numerosi accaparratori, un campo elettrico instabile per eccellenza, un Mar dei Sargassi che catalizza il magma delle nostre proiezioni.

Eppure... Sì, c´è un «eppure», e non solo perché sarebbe carino che Riforma non usurpasse la qualifica di settimanale evangelico. L´«eppure» potrebbe essere una sostanziale irriducibilità del Natale, ossia il suo sopravvivere – ma in teologia si parla più volentieri, senza trionfalismi, del trionfare su – alla sua iconizzazione, cui pure i cristiani hanno passabilmente contribuito prima di perdere il controllo dell´icona (e lagnarsene senza moderazione).

Un Natale – se non Il Natale – evangelico attua semplicemente questo, diceva la pastora Lidia Maggi domenica scorsa ai cinquecentomila italiani sintonizzati su Radio1: i Cieli si lacerano come l´utero di una donna e nella storia, gravida di Dio, Dio stesso dà corpo al corpo per abitare il giardino del corpo, dargli sapore e sapienza facendosi mani, piedi, occhi... Sì, in una società senile e semi-sterile – non solo demograficamente – come quella italiana, l´apologia del Bambinello oggi può apparire strumentale e compensatoria.

È forse meglio che nel presepe figuri non solo il bebè Gesù o il futuro ometto Gesù che Maria reca in braccio, caro a tanta iconografia devozionale, ma il Signore Gesù che squarcia e traversa il tempo giacché – dice il Salmo 31 – «tutti i miei giorni sono nella Tua mano», e quelli del Dio fatto uomo con loro. La Natività è una porta o una finestra, più che una stalla. Inaugura i nuovi possibili di Dio nel mondo che ha tanto amato, possibili rimasti nuovi, e persino intatti, due millenni più tardi.

Tra Natale, Circoncisione di Gesù ed Epifania si gioca quel trattino, anzi quel trait d´union impagabile che fa di Gesù Bambino Gesù-Cristo e persino, in Paolo, Cristo-Gesù. Ci scorrono davanti agli occhi, come attraverso una Lanterna Magica natalizia in modalità random, le slide degli Evangeli: il Neonato, il Diacono, il Terapeuta, l´Incarnato, l´Adolescente che scappa, l´Asceso, il Cosmico, il Crocifisso, l´Amico, il Risorto, il Rifugiato (in Egitto), il Nomade, il Figlio: di Maria, dell´Uomo, di Dio... Figura antica, ma cavalcata con nuovo slancio dal post-moderno, la simultaneità (e la compenetrazione) potrebbe inscriversi proprio nel cuore del processo – l´Incarnazione – di cui Natale è pegno.

Natale è un innesto, Natale è un innesco. Trattarlo da Compleanno di Gesù avrebbe sorpreso non poco – suppongo – l´Interessato nonché apostoli e discepoli. La mangiatoia è piena perché la tomba sia vuota, e questi due limes costituiscono insieme un Orizzonte di Vita unico.

Quanto tutto ciò sia (in)solubile nell´Happening Natale ci riguarda solo in parte. Diceva Beniamino Franklin (sì, quello del parafulmine), intriso di cultura puritana della responsabilità: «È Natale ogni giorno, se hai la coscienza a posto». Dice Charlie Brown, insufflato dal suo disegnatore, Schulz, che non a caso fu predicatore locale evangelico: «Natale è saper dare». Ma si fa riprendere dalla sorellina Sally: «Non capisco quel che stai dicendo. Natale è ricevere un mucchio». Sia lecito non schierarsi solo con il buon vecchio Charlie Brown.


Fonte: Riforma.it

UN GIORNO UNA PAROLA

F E B B R A I O
Versetto del mese:
“Siete stati riscattati a caro prezzo; non diventate schiavi degli uomini”
(I Corinzi 7, 23)


Salmo della Settimana: 128

Lunedì 17 Febbraio

Tutte le estremità della terra si ricorderanno del Signore e si convertiranno a lui (Salmo 22,27)
Dio vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità (I Timoteo 2,4)

Il motivo per cui noi possiamo vivere come persone reali ed amare la persona reale accanto a noi risiede soltanto nel fatto che Dio si è fatto uomo, nell’amore insondabile di Dio per l’essere umano.
Dietrich Bonhoeffer

Deuteronomio 32, 44-47; I Corinzi 9, 19-23


Conoscere e riconoscere la sovranità di Dio
commento a Salmo 22, 27
“Tutte le estremità della terra si ricorderanno del SIGNORE e si convertiranno a lui; tutte le famiglie delle nazioni adoreranno in tua presenza”

Nei racconti sulla propria origine, i popoli tribali individuano spesso il proprio progenitore in un “totem”, un essere, o una categoria di esseri che possono essere animali, vegetali o, addirittura, fenomeni naturali personificati. Il totem, nello stesso tempo, rappresenta l’elemento che unisce fra loro i membri del gruppo e che differenzia e separa il gruppo medesimo dagli altri. Per Israele l’origine comune è in una serie di patriarchi che, iniziando con Abramo, arriva a Giacobbe/Israele. In queste figure e nella comune fede nel Dio d’Israele il popolo fonda il senso stesso della propria esistenza arrivando a formulare una concezione di appartenenza fortemente esclusiva e a vivere una sorta di separazione nei confronti degli altri. Nel contempo, però, e con altrettanta forza, ritroviamo ribadita nell’Antico Testamento la consapevolezza della comune origine di tutti gli esseri umani, al di là delle differenze esteriori o di quelle culturali o, ancora, di quelle religiose. Il Dio che ha creato tutto ed ogni cosa, tutti ed ognuno è il Dio che, almeno per ora, solo Israele conosce, riconosce, serve e adora. La speranza è, dunque, quella di un ritorno, che Dio stesso opererà, riconducendo a sé chi è lontano. “Ricordare” e “ritornare” (in questo senso va intesa l’espressione si convertiranno) ne danno il senso più pieno. L’immagine delle famiglie della terra, che tutte insieme adorano Dio, ha una grande forza di suggestione. Nel conoscere e riconoscere universalmente la sovranità di Dio si attua una inclusione totale, ma non totalizzante né totalitaria, dell’umanità intera. Ognuno, in relazione a Dio, si riconosce e, reciprocamente, riconosce ed è riconosciuto; il risultato è pace e fraternità senza confini, si parla, infatti, di tutte le estremità della terra. Questo avviene in Gesù, seppure ancora in parte in speranza, cioè, cristianamente parlando, nell’attesa fiduciosa del pieno compiersi e manifestarsi delle promesse di Dio. È Cristo Gesù la salvezza che Dio, il Padre, vuole per tutti gli uomini; in lui è la verità e lui stesso è la verità che Dio vuole che tutti giungano a conoscere. Viviamo, dunque, sorelle e fratelli, per la fede, in questa fiduciosa speranza e nell’amore di Dio e del prossimo il tempo che ci è dato in attesa dell’eternità promessa, verso cui camminiamo. Amen.
Stanislao Calati




Preghiera


Signore, tu che ricostruisci ciò che noi distruggiamo,
Ti preghiamo:
ricostruisci la nostra vita.
Ricostruisci le nostre forze
quando le sciupiamo in cose inutili, quando
siamo logori e perdiamo coraggio.
Ricostruisci la nostra fiducia
Quando esitiamo davanti alle tue promesse,
quando ci facciamo vincere dalla confusione e
dall’amarezza, quando dubitiamo di noi stessi
e della nostra capacità di servirti,quando le
difficoltà diventano più grandi
della nostra poca fede.
Ricostruisci le nostre iniziative comuni,
quando l’egoismo le indebolisce,
quando troviamo più confortevole
evitare la fatica di agire
insieme con gli altri,
quando tentenniamo di fronte
agli obiettivi che insieme avevamo
riconosciuto come tua vocazione,
quando cediamo al rancore
e al risentimento,
quando non riusciamo più
a comprenderci pur essendo
membri della stessa chiesa.
Signore ricostruisci la nostra vita: ridonaci forza,
fiducia e iniziativa con l’energia che proviene
dall’unico fondamento,
che è Cristo Gesù. Amen




Eventi

[<<] [Dicembre 2019] [>>]
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
PRIVACY AND COOKIES
Privacy & Cookies
Privacy & Cookies
Informativa sulla privacy ai sensi del D.Lgs 196/2003
Ultimo aggiornamento: 2 giugno 2015
Leggi attentamente l’informativa sulla Privacy qui sotto riportata.
In queste pagine si descrivono le modalità di gestione del sito in relazione al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un’informativa resa anche ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) a coloro che interagiscono con i servizi web della Tavola Valdese, accessibili per via telematica all’indirizzo: http://www.chiesavaldese.org (il Sito).
Titolare del trattamento dei dati
A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate, o identificabili: titolare del loro trattamento è la Tavola Valdese, con sede in Torre Pellice (TO), via Beckwith, 2.
Luogo di trattamento dei dati
I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la sede della scrivente Tavola Valdese ed essi sono curati solo da personale autorizzato o da soggetti eventualmente incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato acquisito tramite il servizio web viene diffuso. I dati personali forniti dagli utenti a mezzo email sono, peraltro, utilizzati al solo fine di contattare l’interessato che ne abbia fatto domanda e/o di eseguire il servizio o la prestazione richiesta.
Tipologie di dati trattati
A) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito.
B) Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, indispensabile per rispondere alle richieste dell’interessato, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nel messaggio inviato. Il mancato conferimento, anche parziale, dei predetti dati potrebbe comportare l’impossibilità, da parte dell'Ente, di riscontrare il messaggio inviato dall’interessato e di soddisfarne le richieste.
Cookies
Durata
Cookies di sessione
Si tratta di file temporanei che vengono memorizzati fino a quando il sito viene abbandonato (oppure il browser di navigazione viene chiuso).
Cookies persistenti
Si tratta di file che vengono immagazzinati e mantenuti anche dopo l'abbandono del sito e la chiusura del browser. Vengono eliminati solamente dopo la data di scadenza indicata nel cookie stesso.
Dominio
Cookies “proprietari”
Si tratta di file che vengono installati sul dispositivo dell'utente direttamente dal sito su cui si sta navigando. Non viene fatto uso di questi cookie nel Sito.
Cookies “di terze parti”
Si tratta di file che vengono installati da siti esterni, attraverso del codice integrato nella pagine del sito che si sta navigando. Sono esempi di cookies di terze parti quelli installati dai plugin social (per la condivisione dei contenuti) oppure i cookies di analisi delle visite. I cookie di terze parti non sono generalmente indispensabili per navigare, quindi puoi rifiutarli per default, attraverso apposite funzioni del tuo browser descritte sotto. Possono essere presenti di volta in volta, in funzione dei contenuti caricati, cookie di terze parti, ma non a scopo di profilazione.
Funzione
Cookie “tecnici”
Sono usati solitamente per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web.
Cookie “analytics”
Sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, e quindi elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo.
Cookie di widget social
Alcuni widget messi a disposizione dai social network (ad esempio Facebook, Twitter, YouTube, Google Maps, etc.) possono utilizzare propri cookies, cioè “di terze parti”. La disattivazione non compromette l'utilizzo del sito, se non nelle sezioni in cui possono essere installati widget (ad esempio per integrazione di video o mappe) ed in alcuni casi la possibilità di condivisione rapida dei contenuti o la possibilità di commentare alcune aree del sito.
Cookies di pubblicità
Questo sito NON fa uso di cookies di questa tipologia.
Pulsanti e widget di social network
Per fare in modo che i contenuti di un sito possano essere condivisi sui social network dai parte visitatori del sito, è possibile integrare nelle pagine gli strumenti (widget) messi a disposizione dei social network stessi.
Questi strumenti (solitamente blocchi di codice inseriti nelle pagine del sito ospite) possono raccogliere cookies di terze parti installati dai social network (ad esempio Facebook ,Twitter, YouTube, ecc.); il sito non condivide nessuna informazione con tali widget.
Per avere informazioni ulteriori riguardo ai cookies dei principali social network è possibile visitare i siti:
•Privacy Facebook
•Privacy Twitter
•Privacy Google
•Privacy LinkedIn
•Privacy Pinterest
Per disabilitare i cookie di servizi esterni che potrebbero essere richiamati all’interno di singole pagine è necessario agire sulle loro impostazioni:
•Servizi di Google
•Facebook
•Twitter
Per completezza di informazione, sono riportate di seguito le istruzioni sintetiche e i rimandi alle istruzioni complete degli sviluppatori su come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser per i principali browser disponibili.
Internet Explorer
Cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni Internet”. Infine accedere alle impostazioni della scheda “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
Firefox
Su Firefox, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni”. Infine accedere alle impostazioni della voce “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare i cookie
Google Chrome
Digitare “chrome://settings/content” nella barra degli indirizzi (senza virgolette) e modificare le impostazioni relative ai cookies come si desidera.
https://support.google.com/accounts/answer/32050?hl=it
Safari
Selezionare la voce “Preferenze” e poi scegliere “Privacy”. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT&viewlocale=it_IT
iPhone / iPad
Se si usa Safari su dispositivi portatili, come iPhone e iPad, è necessario invece agire in questo modo: andare sulla voce “impostazioni” del dispositivo e in seguito trovare “Safari” sul menù di sinistra. Da qui, alla voce “Privacy e sicurezza”, sarà possibile gestire le opzioni sui Cookie.
https://support.apple.com/it-it/HT201265
La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.
Raccolta di dati personali effettuata on line – Facoltatività del conferimento dei dati
In relazione alla raccolta di dati effettuata direttamente sul sito web si rende noto che le informazioni essenziali sul trattamento per questa via operato vengono fornite nel contesto della raccolta (es.: al termine di ciascun form di registrazione), mentre è sempre possibile accedere alla pagina web contenente l’informativa privacy resa in forma più articolata. Il conferimento dei dati richiesti è facoltativo, ma può risultare strettamente necessario per essere contattati dalla Tavola Valdese e fruire dei servizi dalla medesima offerti. Il loro mancato conferimento può, quindi, comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto. Si osserva, peraltro, che l’invio, facoltativo e volontario, di posta elettronica a ogni indirizzo email della Tavola Valdese (dominio chiesavaldese.org) comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella comunicazione inviata.
Modalità del trattamento dei dati
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, gli usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
Diritti degli interessati
La informiamo che l’art. 7 del D. Lgs. n. 196/03 conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti. In particolare, l’interessato può ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e che tali dati gli vengano comunicati in forma intelligibile. L’interessato ha, altresì, il diritto di ottenere l’indicazione dell’origine dei dati personali, delle finalità e modalità del trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e dei responsabili nonché dei soggetti o categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che ne possono venire a conoscenza. L’interessato ha, anche, il diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettificazione o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della disciplina nonché l’attestazione che dette operazioni sono state portate a conoscenza a coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi. L’interessato infine ha diritto di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento di dati che lo riguardano e al trattamento di dati personali che lo riguardano ai fini dell’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Può rivolgersi, per tutto ciò, allo scrivente Ente, Titolare del trattamento, con semplice comunicazione a mezzo lettera, fax o email.
Modifiche alla presente Informativa
La presente Informativa potrà subire variazioni ed i termini e le condizioni potrebbero cambiare. Vi preghiamo di prendere visione della data “Ultimo aggiornamento” in alto su questa pagina per sapere quando la nostra Informativa è stata rivista l’ultima volta. Qualsiasi variazione alla presente entrerà in vigore contestualmente alla pubblicazione della medesima sul Sito o attraverso il medesimo.
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi PRIVACY AND COOKIES  obbligatorio