25 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > Sinodo

Famiglie plurali, il Sinodo dice sì

26-08-2017 12:22 - Sinodo
Approvato il documento che estende le benedizioni alle coppie, etero o omosessuali, civilmente unite

Anni di discussioni, confronti, riflessioni, sfociati in un documento che già dal nome, "Famiglie, matrimonio, coppie, genitorialità", rivela l´ampiezza dell´argomento affrontato e la sua centralità nelle nostre società in perenne mutazione. Ecco perché sostanzialmente l´intera prima giornata dei lavori del Sinodo valdese e metodista in corso a Torre Pellice (con appendice finale nel corso dei recuperi serali del giovedì) è stata dedicata al dibattito sui contenuti del testo, il primo di questo genere dal 1971, preparato da un´apposita commissione attiva dal 2011. Come ha ricordato il coordinatore della commissione stessa, il pastore Paolo Ribet, «Il documento è frutto di un impegno che ha coinvolto le chiese e le comunità locali in tutto il paese. Abbiamo ricevuto molte sollecitazioni e stimoli, abbiamo avvertito quanto l´argomento sia sentito».

Riconoscere la pluralità di modelli di famiglia presenti nella società, attuare un riconoscimento ecclesiastico attraverso la benedizione di unioni civili riconosciute dallo Stato, e proseguire l´impegno nella società affinché i diritti su questi temi possano essere ampliati. Questi i principali punti che caratterizzano il nuovo lavoro.

Nel corso dei vari interventi dei delegati sinodali l´attenzione è stata concentrata soprattutto su due aspetti: da un lato attorno alla definizione più felice per definire quanto la chiesa viene chiamata a offrire: in questo caso la richiesta di sostituire la definizione presente nel testo di benedizione per le coppie etero o omosessuali con una invocazione alla benedizione non ha avuto successo.

Dall´altro lato si è discusso attorno al quadro giuridico in cui inserire tale invocazione. Con una votazione di 90 favorevoli, 50 contrari e 10 astenuti è stato abrogato il paragrafo che la consentiva anche nei casi di quelle coppie che non desiderino regolarizzare la propria posizione davanti all´ente statale, attraverso il matrimonio o l´unione civile. In questo caso gli interventi si sono divisi fra chi vede nell´accoglienza di una coppia, anche se essa non richiede effetti civili per la propria unione, come un segno di attenzione «ad una società, specialmente in Europa, che vede crollare in maniera verticale il numero di matrimoni o unioni ufficialmente riconosciute, a scapito di legami informali, - ha ricordato fra gli altri il pastore di San Secondo di Pinerolo Claudio Pasquet-. Fino a non molti anni fa avrei avuto molte perplessità a non accogliere una coppia ufficialmente registrata. Oggi mi pare che la situazione ci richieda considerazioni differenti», e fra chi invece ricorda che il rapporto con l´ente pubblico non possa prevedere travalicamenti di quanto da esso riconosciuto: fra costoro la pastora metodista Ulrike Jourdan che si è detta «felice di poter dire no, noi siamo una chiesa che vive all´interno di uno stato che tutela con un matrimonio o un´unione civile anche le parti eventualmente più deboli».

La Tavola e più in generale la Chiesa valdese continuerà a operare per l´estensione dei diritti anche a quelle coppie, omo o eterosessuali, che non intendono certificare pubblicamente la loro unione. Come ha dichiarato all´agenzia di stampa Nev una degli estensori del testo, Paola Schellenbaum « con questo documento, spiega, non si escludono le preghiere di intercessione, ma si ratifica formalmente una evoluzione in materia di tutela dei diritti delle persone dello stesso sesso lungamente auspicata dalle chiese metodiste e valdesi, che già nel 2010 avevano introdotto la possibilità di benedire la relazione di coppie omosessuali, una prassi ormai superata grazie alla legislazione vigente.

Molto spazio è stato riservato anche al tema delle unioni fra le persone dello stesso sesso: in questo caso sono emerse le difficoltà dei membri di chiesa provenienti dai opaesi africani, ma non solo da loro. Come ha ricordato il pastore di Pordenone George Ennin «molti fratelli vivono con disagio ciò e minacciano di lasciare le nostre chiese perché per la loro storia faticano a comprendere ciò». Le repliche insistono soprattutto sulla necessità di proseguire nel dialogo, nell´accompagnamento, nella comprensione delle reciproche differenti visioni, per andare però nella direzione di una politica inclusiva e non esclusiva.

Il sinodo approva il documento con voti 19 contrari e 12 astenuti.


Fonte: Riforma.it
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

S E T T E M B R E
Versetto del mese:
“Dio era in Cristo nel riconciliare con sé il mondo”
(II Corinzi 5,19)




Salmo della settimana : 127


Venerdì 25 Settembre

Grande pace hanno quelli che amano la tua legge e non c'è nulla che possa farli cadere. (Salmo 119, 165)
La parola di Cristo abiti in voi abbondantemente, ammaestrandovi ed esortandovi gli uni gli altri con ogni sapienza. (Colossesi 3, 16)

La pace donata da Dio non muove soltanto i nostri cuori. Ci richiede parole ed azioni, ci cambia e ci indica la direzione: la Sua pace è il sentiero su cui ci si può incamminare.
Johannes Kulni

I Corinzi 7,17-24; II Corinzi 9, 10,15


Siamo stati creati per la vita
Commento a: II Corinzi 5, 4
Noi che siamo in questa tenda gemiamo, oppressi; e perciò desideriamo non già di essere spogliati, ma di essere rivestiti, affinché ciò che è mortale sia assorbito dalla vita


Lunedì e martedì i testi del Lezionario Un giorno una Parola ci hanno indotto a riflettere sulla sofferenza e sul dolore che la vita spesso ci impone, su quel senso di abbandono che ci induce talvolta a pensare che persino il Signore si sia allontanato da noi.
Oggi l’apostolo Paolo, però, ci costringe ad elevare il nostro sguardo, ad aprire i nostri cuori e le nostre menti. Spesso i nostri occhi sono fissi sulla fatica, sul dolore nostro come singoli e singole o sulle tragedie a cui assistiamo come umanità, ma qui Paolo ci aiuta ad alzare i nostri volti e ci spinge ad andare oltre. L’apostolo è consapevole che ora siamo oppressi e gemiamo, ma ci ricorda che il nostro desiderio più profondo non può che essere quello di essere rivestiti di una nuova Vita. Cioè afferma che quello che ci appartiene davvero, come uomini e donne creati a immagine di Dio, come fratelli e sorelle di Gesù, non è l’immobilismo stagnante che spesso ci costringe a fermarci al nostro presente, più o meno travagliato. La nostra vocazione più vera è guardare verso la direzione che Gesù ci ha indicato, Gesù che ha vinto la morte, Gesù in tutto e per tutto uomo e dunque modello per ognuno e ognuna di noi.
Noi che viviamo in un mondo di morte, che ci sentiamo destinati alla morte e attratti da quello che ci circonda, che è mortale e mortifero, in realtà siamo stati creati per la Vita e ad essa siamo destinati e destinate. E dunque pur nel dolore, nella fatica, nell’angoscia, la nostra preghiera può salire forte e chiara al Signore che ci ha creati: resta con noi e donaci dei cuori di carne, che sappiano sentire la Tua presenza, impedisci che la nostra speranza si offuschi e donaci una fede che sappia essere salda e forte, gioiosa e colma di amore. Amen.

Erica Sfredda



Preghiera

Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell’iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po’ di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.
Ediz. Paoline




Eventi
[<<] [Settembre 2020] [>>]
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    
COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it