19 Aprile 2021
News
percorso: Home > News > News

La Riforma si colora

31-01-2017 14:42 - News
Alcuni templi valdesi ospitano sulle loro facciate dei banner colorati che riprendono i principi fondamentali della Riforma protestante: "Sola Fide" e "Solus Christus".

L´ideatore del progetto è il pastore battista Massimo Aprile che, sulle pagine di Riforma spiega: «Nell´anno delle celebrazioni dei 500 anni della Riforma ci sembrava bello dare spazio alle parole importanti che uniscono le chiese riformate. Siamo partiti così dai quattro "Sola" della Riforma: sola Gratia, solus Christus, sola Fide, sola Scriptura, proposti in una forma cromatica che comunicasse l´idea di festa, di gioia con la quale vogliamo vivere questo importante anniversario"».

Questo modo creativo per dare un significato unitario della partecipazione di tutte le chiese protestanti alle celebrazioni del 2017 è stato adottato anche dalla Chiesa valdese di Torre Pellice (TO).

«L´idea di affiggere i banner con i principi della Riforma sulla facciata del tempio di via Beckwith e su quello dei Coppieri - afferma il pastore Marcello Salvaggio - è frutto di una progettualità congiunta con la Fondazione Centro Culturale Valdese. In vista del grande afflusso di visitatori che si prevede per le celebrazioni dei 500 anni della Riforma, si è pensato di rendere il più possibile visibile questo anniversario così come di rendere il cosiddetto "quartiere valdese" di Torre Pellice un sistema coordinato di memoria e testimonianza. Sono previste, dunque, accanto all´accoglienza dei gruppi organizzati, delle visite guidate mensili dei principali luoghi presenti nell´area valdese, tra cui il tempio. Per questi motivi, il Concistoro ha deciso di procedere subito con l´affissione dei banner e di ospitare all´interno del tempio una mostra a pannelli sulla Riforma».

Gli striscioni sono scaricabili in formato pdf sul sito dedicato al 500° anniversario dell´inizio della Riforma protestante (www.riformaprotestante2017.org).
UN GIORNO UNA PAROLA
2021

A P R I L E
Versetto del mese
Cristo è l’immagine del Dio invisibile, il primogenito di ogni creatura
(Colossesi 1,15)


Salmo della settimana: 23

Lunedì 19 Aprile


I passi dell’onesto sono guidati dal Signore; egli gradisce le sue vie. Se cade, non è però abbattuto, perché il Signore lo sostiene prendendolo per mano ( Salmo 37, 23-24)
In tutte queste cose, noi siamo più che vincitori, in virtù di colui che ci ha amati (Romani 8,37)


Una luce invisibile ci circonda ogni qualvolta operiamo ispirati da Cristo, ed è per noi scudo, fortezza, spada e balsamo di vita. Cristo è la sola vera potenza. Il resto turbina attorno a Lui per essere un giorno dominato, vinto e redento.
Carlo Lupo



Giovanni 10, 1.10; Colossesi 3, 18-41


Preghiera

Quando il passato ci opprime,
quando il presente ci angustia,
quando il futuro ci spaventa,
alziamo gli occhi verso di te.

Donaci, Signore, i segni della tua presenza
in mezzo alla confusione del mondo e delle nostre vite!
Ti chiediamo di imprimere nei nostri cuori
le tue promesse per rafforzarci e guidarci ogni giorno
Helmut Gollwitzer



COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it