23 Ottobre 2020
News

Matteo 21, 9 di Paolo Ribet

19-03-2016 09:04 - Fede e spiritualità
«Le folle che precedevano e quelle che seguivano, gridavano: “Osanna al Figlio di Davide!...”»

C’è un fatto che mi ha sempre colpito, nella narrazione della “settimana santa”: l’evangelo di Matteo ci dice che, quando Gesù entrò a Gerusalemme, “la folla” lo osannava. Però, qualche capitolo più tardi, lo stesso Matteo afferma (27,20) che i sacerdoti e gli anziani persuasero “la folla” a richiedere Barabba e a far morire Gesù, per cui, alla richiesta di Pilato, tutti gridavano «sia crocifisso!».

È uno strano personaggio, “la folla”, che si muove ora in una direzione ora nell’altra, a seconda degli umori e delle circostanze. Ed è uno strano personaggio, perché è composto da molte persone, ognuna delle quali, presa singolarmente, può essere buona o cattiva come tutti gli altri. Ma quando questi singoli sono messi in gruppo e diventano “la folla”, ecco che la massa indistinta diventa un soggetto operante nella storia, assume una forza e una personalità sua propria, tanto da far paura anche alle persone più potenti – come Pilato.

Si potrà obiettare che non è detto che “la folla” che si stringe entusiasta intorno a Gesù fosse formata dalle stesse persone che poi ne chiedono la morte. Non credo, però, che questo sia importante nella narrazione di Matteo. Ambedue, infatti, rappresentano il popolo che ora acclama il Messia e poco dopo lo respinge.

«Osanna» è certamente un’espressione di gioia; ma il suo primo significato è: «Signore, salvaci!». Nella Domenica delle Palme, dunque, il popolo, pur nell’entusiasmo di quel momento, esprime la sua ansia e cerca una via d’uscita da una situazione disperata e disperante. Ma non ha la pazienza di aspettare – Gesù non promette, come Barabba, la lotta per la libertà, una vittoria immediata. E dunque: viva Barabba e che Gesù sia crocifisso!

Non è cambiata, “la folla”, nel corso della storia: ora acclama e domani maledice. Anche credenti molto seri si sono lasciati trascinare in questo vortice a cui è difficile sottrarsi. Ma solo tenendo lo sguardo fisso alla croce di Cristo, i suoi discepoli potranno restare saldi, senza farsi portare «qua e là da ogni vento di dottrina» (Ef. 4,14).

Stampa


Fonte: Chiesavaldese.org
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

O T T O B R E
Versetto del mese:
“Cercate il bene della città dove io vi ho fatti deportare,
e pregate il Signore per essa;
poiché dal bene di questa dipende l vostro bene”
(Geremia 29,7)


Salmo della settimana : 119,121-128

Venerdì 23 Ottobre

Io farò con voi un patto eterno (Isaia 55,3)
Il Dio della pace che in virtù del patto eterno ha tratto dai morti il grande pastore delle pecore, il nostro Signore Gesù, vi renda perfetti in ogni bene, affinché facciate la sua volontà, e operi in voi ciò che è gradito davanti a lui. (Ebrei 13, 20-21)

Signore per mezzo di Gesù Cristo tu ci hai chiamati a vivere nel patto di grazia; con gioia rinnoviamo la nostra consacrazione e, per amor tuo ci impegniamo a ricercare e a compiere la tua perfetta volontà. Non apparteniamo più a noi stessi, ma a te. Amen.
Liturgia metodista per il culto
di rinnovamento del patto

Geremia 17,13-17; Geremia 21,1-14



Preghiera

Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell’iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po’ di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.
Ediz. Paoline

COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Novembre 2020] [>>]
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      
Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it