23 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > News

Il fumetto? Un modo per ritrovare la curiosità di aprire la Bibbia

23-02-2016 19:22 - News
di Roberto Davide Papini

«Spero che il 2017 (l’anniversario della Riforma protestante, ndr) sia l’occasione di rinnovare la nostra testimonianza anche attraverso nuovi albi di fumetti». L’auspicio arriva da Solange Weiss-Deaux, la pastora della Chiesa protestante unita di Angoulême. Per lei il rapporto tra fumetto ed evangelizzazione è importante, visto che ogni anno, a fine gennaio, la città francese di Angoulême (capoluogo della Charente) vive una full immersion di quattro giorni nel grande fumetto internazionale con uno dei più importanti festival mondiali di “Bande dessinée”. Centinaia di migliaia di persone raggiungono Angoulême per ammirare le mostre, gli stand degli editori e per incontrare autori di tutto il mondo. Un’occasione che le chiese di Angoulême (la Chiesa protestante unita, quella cattolica e quella evangelica libera) non si lasciano sfuggire organizzando, in parallelo, il “Festival del fumetto cristiano”, giunto nel 2016 alla trentesima edizione e che propone il tema del fumetto come strumento di evangelizzazione, in un Paese dove la bande dessinée è considerata un’arte, qualcosa di serio. Così, la splendida cattedrale, un’altra chiesa cattolica e il tempio riformato diventano sedi di mostre ed eventi sui fumetti (sempre notevoli le predicazioni disegnate del pastore Pierre Molina), mentre nella sede della Chiesa evangelica libera si tiene il “culto del Festival”.

Pastora, il fumetto può essere uno strumento di evangelizzazione, non solo per la catechesi dei bambini, ma anche per gli adulti?
«Penso proprio di sì, anche se gli adulti non sono sempre dei lettori di fumetti. Per aver partecipato ad animazioni bibliche a Festival del fumetto ad Angoulême (Francia)fumetti dico che può funzionare. E’ un modo di ritornare ai testi biblici e a quelli teologici non in modo letterale, ma in modo da ritrovare la curiosità di aprire la Bibbia (questo grosso libro che a volte fa un po’ paura...) e di entrare in discussione con i testi e di dibattere con i partecipanti a queste animazioni. Certo, non è solo nei fumetti che i racconti biblici risvegliano questa curiosità».

Va da sé che per un pastore ad Angoulême è normale “lavorare” anche con i fumetti. Ma la Chiesa protestante unita, a livello nazionale, utilizza il fumetto per l’evangelizzazione?
«Che sappia io, non lo si fa veramente. I fumetti sulle figure del protestantesimo sono vecchi, antiquati. Spero che il 2017 possa essere l’occasione di rinnovare la nostra testimonianza anche con dei fumetti inediti, perché non possiamo offrire ai nostri contemporanei un testo forte su illustrazioni vecchiotte. Comunque, ci sono materiali per il catechismo o di altro tipo per i quali si usa il disegno umoristico. Penso all’ultimo materiale sul battesimo che si chiama “Le Grand Plongeon” (Il Grande Tuffo, ndr)».

Il Festival è anche una bella occasione ecumenica per le chiese di Angoulême...
«Verissimo, è una vera scuola di fraternità, quella vera, quella che si esercita nelle differenze e non evitandole. La nostra Chiesa lavora a stretto contatto con la Chiesa evangelica libera per una mostra e per le animazioni al tempio riformato. Poi, lavoriamo con Chrétiens Medias (un gruppo cattolico) Festival del fumetto ad Angoulême (Francia)sull’insieme del festival del fumetto cristiano, anche se ognuno ha il proprio spazio di esposizione. E durante tutto l’anno di preparazione ci si scopre, ci si sorprende, si va insieme fino in fondo a un progetto. La fiducia si approfondisce e l’umorismo non manca mai».

Cosa preparate per il 2017?
«Io spero che ci sia non troppa commemorazione, ma qualcosa di nuovo. Per me la fedeltà non è ripetere il passato, ma trasformare l’eredità per il presente. È il modo migliore di onorare un’eredità. Il progetto si chiama “2017. Le nostre tesi per l’Evangelo”, dove l’accento va messo sull’Evangelo e non sulla nostra identità».

Riguardo ai fumetti?
«Spero che la nostra Chiesa possa proporre dei fumetti originali sul modo protestante di vivere la fede, o sui Riformatori o dei fumetti umoristici sui protestanti ritenuti austeri (è buono ridere di sé stessi) e con l’umorismo possiamo far passare delle cose serie».

Fonte: Chiesavaldese.org
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

O T T O B R E
Versetto del mese:
“Cercate il bene della città dove io vi ho fatti deportare,
e pregate il Signore per essa;
poiché dal bene di questa dipende l vostro bene”
(Geremia 29,7)


Salmo della settimana : 119,121-128

Venerdì 23 Ottobre

Io farò con voi un patto eterno (Isaia 55,3)
Il Dio della pace che in virtù del patto eterno ha tratto dai morti il grande pastore delle pecore, il nostro Signore Gesù, vi renda perfetti in ogni bene, affinché facciate la sua volontà, e operi in voi ciò che è gradito davanti a lui. (Ebrei 13, 20-21)

Signore per mezzo di Gesù Cristo tu ci hai chiamati a vivere nel patto di grazia; con gioia rinnoviamo la nostra consacrazione e, per amor tuo ci impegniamo a ricercare e a compiere la tua perfetta volontà. Non apparteniamo più a noi stessi, ma a te. Amen.
Liturgia metodista per il culto
di rinnovamento del patto

Geremia 17,13-17; Geremia 21,1-14



Preghiera

Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell’iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po’ di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.
Ediz. Paoline

COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Novembre 2020] [>>]
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      
Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it