27 Febbraio 2020

News
percorso: Home > News > Sinodo

Vivere la chiesa «in compagnia di molti altri»

17-09-2017 18:21 - Sinodo
La chiesa valdese è una chiesa di laici. Non c´è un ordine sacerdotale. L´unico sacerdozio è quello universale dei battezzati. I laici, pertanto, si trovano a svolgere importanti compiti di responsabilità all´interno di organi collegiali di governo eletti da assemblee che verificheranno in seguito il loro operato. Avere chiaro ruoli e funzioni che si è chiamati a svolgere è un presupposto fondamentale per operare al meglio. A questo proposito la Tavola Valdese, su indicazione del Sinodo 2015 e avvalendosi dell´aiuto di una commissione, ha elaborato un manuale rivolto in particolare a chi si trova a svolgere un ministero specifico: quello di membro del consiglio di chiesa, l´organo di governo delle comunità locali. Un libretto denso e articolato, pieno di utili indicazioni e linee guida volte a chiarire bene compiti e funzioni dell´anziano di chiesa ma non solo: il manuale si presenta anche come un utile materiale di edificazione per la vita di tutti i credenti che possono ritrovarvi il senso più profondo della propria ecclesiologia.
Al pastore Italo Pons, membro della Tavola Valdese e coordinatore della commissione che ha realizzato il prezioso manuale, rivolgiamo alcune domande.

Da dove nasce l´esigenza di un manuale di questo tipo?

Molto spesso i nuovi membri dei consigli di chiesa (o concistori per le chiese autonome) entrano nelle loro funzioni senza indicazioni precise su quello che devono fare e su come farlo. Se è vero, per quanto concerne la soluzione delle problematiche, che tutti i nostri organi sono collegiali, è altrettanto vero che bisogna chiarire meglio quali sono i compiti della funzione alla quale si viene chiamati. Il consiglio di chiesa è un organismo composto da anziani, diaconi e pastori. Le discipline e le liturgie d´insediamento forniscono indicazioni precise. Il manuale non le sostituisce, ma ne approfondisce taluni aspetti alla luce delle premesse bibliche e degli aspetti organizzativi della chiesa. L´uso migliore di questo strumento, secondo me, è quello di fornire degli stimoli, provocare delle domande riguardanti la conduzione della vita di una comunità. Ci sono gli aspetti amministrativi, trattati con indicazioni che possono essere di grande utilità ma non mancano gli aspetti che concernono il ministero. L´anziano/a è un elemento di collegamento tra i vari membri della comunità: è chiamato a esercitare la discrezione, vigilare, visitare, applicarsi nel discernimento dei doni presenti nella comunità locale. Il sacerdozio universale dei credenti non significa che tutti sono diaconi, anziani e pastore/i. La domanda da porsi è: cosa significa svolgere quel determinato compito? Come svolgerlo? Il manuale stimola queste domande.

I membri del consiglio di chiesa hanno un ruolo di guida e di accompagnamento dei credenti. Come si può conciliare questo loro compito con la crisi d´autorità che segna i nostri tempi?

Assocerei la parola guida alla parola visibilità (che non è sinonimo di "apparire"). Il membro del consiglio è visibile, la comunità lo ha chiamato a un compito che dovrà esercitare con umiltà, ma anche con lucidità: dovrà onorare pienamente questa chiamata particolare. La sua posizione non comporta dei privilegi, si tratta di svolgere un servizio richiesto. In questo senso l´anziano ha un grande credito di fiducia. Dovrà sapersi spendere con le sue energie e la sua intelligenza in questo servizio, coltivare la sua pietà personale attraverso la lettura della Parola di Dio e la preghiera, conoscere i membri di chiesa, ascoltarli. Probabilmente il ruolo di "guida" nasce dalla pratica dell´ascolto di sé stessi e poi degli altri. L´autorevolezza scaturisce da queste premesse. Dalla società civile, dal mondo della scuola, dell´amministrazione, della ricerca, dell´assistenza provengono molti nostri membri di chiesa che siedono nei nostri consigli. Sono un potenziale che dobbiamo valorizzare. Altri attendono che gli rivolgiamo vocazione, possiamo proseguire senza troppi timori.

La confusione che domina il nostro presente, non solo all´interno della chiesa, può minare le basi della nostra fede?

Non dobbiamo accettare passivamente la confusione che domina l´oggi. Per essere propositivi si deve partire da una visione chiara dei compiti che ci attendono. La parte più attiva di una comunità, in questo caso un consiglio di chiesa, ha questo dovere. Il manuale mi pare offra molti spunti in questa direzione. La fede ha necessità di essere nutrita e sostenuta dalla Parola e dai sacramenti. Per una chiesa che fa riferimento alla Riforma i ministeri hanno il compito, nella loro pluralità, di indicare proprio nei momenti di maggiore difficoltà che si può resistere alla forza che vorrebbe farla sprofondare. È importante ritrovare il senso più profondo della nostra ecclesiologia, la quale non va mai data per scontata. Pertanto era necessario rileggere e ridefinire le funzioni partendo da un esame delle Scritture, risituandole nella prassi della chiesa.

Il manuale accosta testimonianze del presente a quelle di autorevoli figure del passato. Quanto è importante per una chiesa rimanere nel solco della propria "tradizione"?

Abbiamo scelto solo alcune testimonianze del passato: poche "pietre preziose" senza alcuna intenzione di essere esaustivi. Ma occorre rileggerle alla luce del nostro tempo. Non veniamo dal nulla ma siamo radicati come piante nel terreno, pronte a dare frutto. Al contempo abbiamo il compito di innovare, di trovare delle risposte per il nostro presente. Possiamo farlo con libertà ma anche con fedeltà al lascito che abbiamo ricevuto da chi ci ha preceduto. Il manuale non è frutto del lavoro di un singolo ma di tante persone che hanno offerto il loro contributo: una collegialità che mette insieme sensibilità ed esperienze diverse. È stato realizzato «in compagnia di molti altri», per dirla con il libro degli Atti. I ministeri nella chiesa rispondono proprio all´esigenza di fare le cose insieme. Essi traggono la loro forza dall´Esterno, ma questa forza si deve sperimentare in "compagnia" di altri e altre.

per scaricare il mansionario: https://www.chiesavaldese.org/documents/mansionario_cdc.pdf


Fonte: Chiesavaldese.org

UN GIORNO UNA PAROLA

F E B B R A I O
Versetto del mese:
“Siete stati riscattati a caro prezzo; non diventate schiavi degli uomini”
(I Corinzi 7, 23)


Salmo della Settimana: 31

Giovedì 27 Febbraio

Dio è la mia salvezza e la mia gloria (Salmo 62,7)
Beati voi quando vi insulteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia (Matteo 5,11)

Signore Gesù Cristo conosci ogni tribolazione dell’umanità, mi resti accanto quando nessun uomo più mi assiste, non mi dimentichi e mi cerchi, vuoi che io ti riconosca, e a te mi volga. Signore, odo la tua chiamata e la seguo, aiutami!
Dietrich Bonhoeffer

Colossesi 3,5-11; I Corinzi 12, 1-11





Preghiera



O Dio,
parla con dolcezza nel mio silenzio
quando il chiasso dei rumori esteriori di ciò che mi circonda
e il chiasso dei rumori interiori delle mie paure
continuano ad allontanarmi da te,
aiutami a confidare che tu sei ancora qui
anche quando non riesco ad udirti.
Dammi orecchi per ascoltare la tua sommessa,
dolce voce che dice:
“venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi,
e io vi darò riposo ……
perché io sono mite ed umile di cuore”.
Che questa voce amorevole sia la mia guida.




Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
PRIVACY AND COOKIES
Privacy & Cookies
Privacy & Cookies
Informativa sulla privacy ai sensi del D.Lgs 196/2003
Ultimo aggiornamento: 2 giugno 2015
Leggi attentamente l’informativa sulla Privacy qui sotto riportata.
In queste pagine si descrivono le modalità di gestione del sito in relazione al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un’informativa resa anche ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) a coloro che interagiscono con i servizi web della Tavola Valdese, accessibili per via telematica all’indirizzo: http://www.chiesavaldese.org (il Sito).
Titolare del trattamento dei dati
A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate, o identificabili: titolare del loro trattamento è la Tavola Valdese, con sede in Torre Pellice (TO), via Beckwith, 2.
Luogo di trattamento dei dati
I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la sede della scrivente Tavola Valdese ed essi sono curati solo da personale autorizzato o da soggetti eventualmente incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato acquisito tramite il servizio web viene diffuso. I dati personali forniti dagli utenti a mezzo email sono, peraltro, utilizzati al solo fine di contattare l’interessato che ne abbia fatto domanda e/o di eseguire il servizio o la prestazione richiesta.
Tipologie di dati trattati
A) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito.
B) Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, indispensabile per rispondere alle richieste dell’interessato, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nel messaggio inviato. Il mancato conferimento, anche parziale, dei predetti dati potrebbe comportare l’impossibilità, da parte dell'Ente, di riscontrare il messaggio inviato dall’interessato e di soddisfarne le richieste.
Cookies
Durata
Cookies di sessione
Si tratta di file temporanei che vengono memorizzati fino a quando il sito viene abbandonato (oppure il browser di navigazione viene chiuso).
Cookies persistenti
Si tratta di file che vengono immagazzinati e mantenuti anche dopo l'abbandono del sito e la chiusura del browser. Vengono eliminati solamente dopo la data di scadenza indicata nel cookie stesso.
Dominio
Cookies “proprietari”
Si tratta di file che vengono installati sul dispositivo dell'utente direttamente dal sito su cui si sta navigando. Non viene fatto uso di questi cookie nel Sito.
Cookies “di terze parti”
Si tratta di file che vengono installati da siti esterni, attraverso del codice integrato nella pagine del sito che si sta navigando. Sono esempi di cookies di terze parti quelli installati dai plugin social (per la condivisione dei contenuti) oppure i cookies di analisi delle visite. I cookie di terze parti non sono generalmente indispensabili per navigare, quindi puoi rifiutarli per default, attraverso apposite funzioni del tuo browser descritte sotto. Possono essere presenti di volta in volta, in funzione dei contenuti caricati, cookie di terze parti, ma non a scopo di profilazione.
Funzione
Cookie “tecnici”
Sono usati solitamente per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web.
Cookie “analytics”
Sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, e quindi elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo.
Cookie di widget social
Alcuni widget messi a disposizione dai social network (ad esempio Facebook, Twitter, YouTube, Google Maps, etc.) possono utilizzare propri cookies, cioè “di terze parti”. La disattivazione non compromette l'utilizzo del sito, se non nelle sezioni in cui possono essere installati widget (ad esempio per integrazione di video o mappe) ed in alcuni casi la possibilità di condivisione rapida dei contenuti o la possibilità di commentare alcune aree del sito.
Cookies di pubblicità
Questo sito NON fa uso di cookies di questa tipologia.
Pulsanti e widget di social network
Per fare in modo che i contenuti di un sito possano essere condivisi sui social network dai parte visitatori del sito, è possibile integrare nelle pagine gli strumenti (widget) messi a disposizione dei social network stessi.
Questi strumenti (solitamente blocchi di codice inseriti nelle pagine del sito ospite) possono raccogliere cookies di terze parti installati dai social network (ad esempio Facebook ,Twitter, YouTube, ecc.); il sito non condivide nessuna informazione con tali widget.
Per avere informazioni ulteriori riguardo ai cookies dei principali social network è possibile visitare i siti:
•Privacy Facebook
•Privacy Twitter
•Privacy Google
•Privacy LinkedIn
•Privacy Pinterest
Per disabilitare i cookie di servizi esterni che potrebbero essere richiamati all’interno di singole pagine è necessario agire sulle loro impostazioni:
•Servizi di Google
•Facebook
•Twitter
Per completezza di informazione, sono riportate di seguito le istruzioni sintetiche e i rimandi alle istruzioni complete degli sviluppatori su come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser per i principali browser disponibili.
Internet Explorer
Cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni Internet”. Infine accedere alle impostazioni della scheda “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
Firefox
Su Firefox, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni”. Infine accedere alle impostazioni della voce “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare i cookie
Google Chrome
Digitare “chrome://settings/content” nella barra degli indirizzi (senza virgolette) e modificare le impostazioni relative ai cookies come si desidera.
https://support.google.com/accounts/answer/32050?hl=it
Safari
Selezionare la voce “Preferenze” e poi scegliere “Privacy”. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT&viewlocale=it_IT
iPhone / iPad
Se si usa Safari su dispositivi portatili, come iPhone e iPad, è necessario invece agire in questo modo: andare sulla voce “impostazioni” del dispositivo e in seguito trovare “Safari” sul menù di sinistra. Da qui, alla voce “Privacy e sicurezza”, sarà possibile gestire le opzioni sui Cookie.
https://support.apple.com/it-it/HT201265
La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.
Raccolta di dati personali effettuata on line – Facoltatività del conferimento dei dati
In relazione alla raccolta di dati effettuata direttamente sul sito web si rende noto che le informazioni essenziali sul trattamento per questa via operato vengono fornite nel contesto della raccolta (es.: al termine di ciascun form di registrazione), mentre è sempre possibile accedere alla pagina web contenente l’informativa privacy resa in forma più articolata. Il conferimento dei dati richiesti è facoltativo, ma può risultare strettamente necessario per essere contattati dalla Tavola Valdese e fruire dei servizi dalla medesima offerti. Il loro mancato conferimento può, quindi, comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto. Si osserva, peraltro, che l’invio, facoltativo e volontario, di posta elettronica a ogni indirizzo email della Tavola Valdese (dominio chiesavaldese.org) comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella comunicazione inviata.
Modalità del trattamento dei dati
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, gli usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
Diritti degli interessati
La informiamo che l’art. 7 del D. Lgs. n. 196/03 conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti. In particolare, l’interessato può ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e che tali dati gli vengano comunicati in forma intelligibile. L’interessato ha, altresì, il diritto di ottenere l’indicazione dell’origine dei dati personali, delle finalità e modalità del trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e dei responsabili nonché dei soggetti o categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che ne possono venire a conoscenza. L’interessato ha, anche, il diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettificazione o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della disciplina nonché l’attestazione che dette operazioni sono state portate a conoscenza a coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi. L’interessato infine ha diritto di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento di dati che lo riguardano e al trattamento di dati personali che lo riguardano ai fini dell’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Può rivolgersi, per tutto ciò, allo scrivente Ente, Titolare del trattamento, con semplice comunicazione a mezzo lettera, fax o email.
Modifiche alla presente Informativa
La presente Informativa potrà subire variazioni ed i termini e le condizioni potrebbero cambiare. Vi preghiamo di prendere visione della data “Ultimo aggiornamento” in alto su questa pagina per sapere quando la nostra Informativa è stata rivista l’ultima volta. Qualsiasi variazione alla presente entrerà in vigore contestualmente alla pubblicazione della medesima sul Sito o attraverso il medesimo.
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi PRIVACY AND COOKIES  obbligatorio