29 Novembre 2020
News
percorso: Home > News > News

Valdesi e metodisti. Verso l´annuale Sinodo di Torre Pellice

31-07-2015 14:23 - News
Dopo la visita di papa Francesco tra i temi più gettonati figura l´ecumenismo

Manca appena un mese all´annuale Sinodo delle chiese metodiste e valdesi - significativo appuntamento nell´ambito del protestantesimo storico italiano - che si terrà com´è consuetudine a Torre Pellice (Torino), "capitale" delle Valli valdesi. Quest´anno i 180 deputati di chiese, pastori e "laici", si riuniranno per i lavori sinodali dal 23 al 28 agosto.

Alla luce della recente visita - storica - di Papa Francesco al Tempio valdese di Torino, il Sinodo senz´altro si focalizzerà sul tema dell´ecumenismo. E´ quanto ha anticipato in un´intervista rilasciata al settimanale "Riforma" il moderatore della Tavola valdese, pastore Eugenio Bernardini: "Il fatto che il papa abbia accettato la tesi ecumenica della ´diversità riconciliata´ è un punto importante. Naturalmente la chiesa cattolica non l´ha ancora assunto ufficialmente, ma il fatto che il papa la assuma correntemente nei suoi discorsi è importante".

Tra i temi di cui si discuterà al Sinodo figurano anche la missione e l´identità delle chiese valdesi e metodiste nell´Italia di oggi, a cominciare dalla crisi sociale ed economica che da diversi anni ormai investe il paese. "Questo significa riconsiderare il messaggio di speranza che noi siamo tenuti a dare - ha detto Bernardini -. Quindi una maggiore capacità e volontà di parlare, al di fuori dei nostri ambiti tradizionali ecclesiastici, alle persone che oggi si rivolgono alle chiese per avere un sostegno non solo materiale, ma anche spirituale". Proprio quest´anno ricorrono inoltre i 40 anni del cosiddetto "Patto d´integrazione" tra le chiese metodiste e valdesi, che dal 1975 si riuniscono in un unico Sinodo.

Secondo la tradizione il Sinodo si aprirà con un culto solenne nel tempio di Torre Pellice, previo "corteo" dei sinodali che, com´è tradizione, al suono delle campane si recheranno a piedi dalla "Casa valdese" nell´attigua chiesa. L´appuntamento è per il 23 agosto alle 15.30. La predicazione è affidata alla pastora Erica Tomassone.


Fonte: NEV
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

N O V E M B R E
Versetto del mese:
“Vengono piangenti e imploranti; li guido,
li conduco ai torrenti, per una via diritta
dove non inciamperanno”
(Geremia 31,9)




Salmo della settimana : 126

Sabato 28 Novembre

Come un uomo consolato da sua madre così io consolerò voi (Isaia 66,13)
Non vi lascerò orfani; tornerò da voi. Ancora un po’, e il mondo non mi vedrà più; ma voi mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete (Giovanni 14,18.-19)

Mentre procediamo, non siamo privi di consolazione, anche se a volte così sembra. Le nostre forze non sono sufficienti e c è chi, in questa situazione pensa di fallire. Ma non siamo privi di consolazione, non siamo soli e abbandonati. Da tempo Dio si è già impegnato e vuole essere al nostro fianco.
Christoph Zehendner

Apocalisse 21, 10-27; Isaia 56,9-57,13




Preghiera


Ai tuoi piedi, Signore,
esponiamo il carico pesante
delle nostre perplessità, dei nostri affanni.
Attendiamo da Te sostegno, conforto e guida.
Soccorri coloro che sono nel bisogno,
consola quanti sono
variamente afflitti ed affretta
l avvento del Tuo Regno
di amore e di pace
su tutta la terra.
Amen
pst. M.Affuso


COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Novembre 2020] [>>]
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      
Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it