25 Gennaio 2020

News

Una speranza dietro le sbarre

04-09-2018 07:40 - Bibbia e attualità
Mark Schwyter è assistente spirituale nel penitenziario di Lenzburg, nel canton Argovia. Il pastore riformato cerca il dialogo con i detenuti in una fase difficile della loro vita

Dopo avere lavorato per dodici anni come pastore in una parrocchia evangelica riformata, Mark Schwyter ha deciso di dedicarsi alla cura pastorale dei detenuti. Nel suo lavoro nel carcere di Lenzburg, nel canton Argovia (nella foto) incontra donne e uomini che sono finiti dietro le sbarre dopo avere commesso dei reati più o meno gravi. E che spesso sono alla ricerca di un senso per la loro vita.

Come inizia una conversazione con un nuovo detenuto?
Mi presento e dico, a lui o lei, che mi fa piacere fare la sua conoscenza. Nel caso di persone in carcerazione preventiva, che hanno commesso da poco dei reati, entrare in dialogo è più facile. Sono privi di informazioni, non hanno contatti con il mondo esterno e non sanno che cosa succederà. Si preoccupano della moglie, del lavoro, hanno sensi di colpa. Per loro è un momento di disorientamento.

Di che cosa parla con chi è detenuto da più tempo?
Parliamo spesso del senso da dare al tempo trascorso in carcere. Si chiedono se quella che vivono in carcere sia davvero una vita, o se la vita vera inizierà solo dopo la scarcerazione. Molti hanno avuto problemi per tutta la loro esistenza e la reclusione non fa che peggiorare le cose.

Che cosa può dare ai detenuti?
Apprezzano il fatto che io mi prenda il tempo per ascoltarli. Non faccio parte del sistema giudiziario, sono semplicemente qualcuno che si interessa a loro. Chiedo loro che cosa fanno, che cosa hanno visto in televisione, che cosa leggono. Molti non ricevono mai visite. È possibile che abbiano causato molto dolore, ma di fronte a me ci sono persone che soffrono per il loro quotidiano, per il loro passato, per il loro futuro. Insieme cerchiamo di trovare degli aspetti positivi.

Ed è possibile trovarli?
La detenzione è una condizione difficile, tuttavia non è priva di speranza. Alcuni sentono di aver compiuto progressi. Sono felici all´idea di uscire e poter affrontare le cose in modo diverso. Altri trovano la pace dopo molti anni di stress. In carcere non è molto diverso rispetto a fuori. Fuori ci sono più opportunità di trovare un senso alla vita, eppure ci sono molte persone che faticano a trovarlo.

Parlate anche dei motivi che hanno spinto a commettere dei delitti?
A volte ne parliamo. C´è sempre un contesto che ha portato a quel punto. Io non condanno, perché entro nel carcere per ascoltare il detenuto che sta seduto di fronte a me.

C´è qualche elemento che la colpisce in modo particolare?
Il fatto che qualcosa possa sfuggire di mano malgrado le tante vie d´uscita disponibili. Ma lo sappiamo noi stessi: siamo stanchi eppure andiamo al bar, beviamo un bicchiere di troppo e saliamo in auto brilli. Oppure facciamo qualcosa che da sobri non faremmo mai. Gli esseri umani non sono sempre ragionevoli e le concatenazioni di eventi sfociano spesso in tragedie. In quanto assistente spirituale, la domanda più importante è: che cosa possiamo fare rispetto a ciò che è accaduto? E la teologia ha qualcosa da dire in merito?

Nelle conversazioni con i detenuti entra in gioco anche la fede?
Poiché mi presento come uomo di chiesa alcuni vengono proprio per parlare della fede, o per dirmi che non credono. Nella maggior parte dei casi a un certo punto chiedo se vogliono pregare. Con alcuni leggo episodi della Bibbia, per esempio il racconto di Giobbe o di quando Gesù fu tentato. Dio ha una relazione con noi e a volte noi facciamo cose che rovinano questa relazione. Come si ripristina la relazione? Questo è ciò di cui parlo e che vivo occupandomi dei detenuti.

Perché ha smesso di occuparsi di una parrocchia e ha deciso di fare l´assistente spirituale in carcere?
Ho lavorato per dodici anni come pastore in una parrocchia evangelica riformata. Poi sono stato responsabile dell´ufficio della chiesa cantonale di Zurigo che si occupa delle questioni legate alla condizione maschile. Le questioni di genere mi hanno sempre interessato, e tra l´altro mi sono posto la domanda come mai gli uomini compiano molti più reati delle donne. In seguito ho iniziato a lavorare come assistente spirituale in carcere e ho completato una formazione specifica per operare in questo ambito.

Perché in carcere ci sono più uomini che donne?
Da un lato a causa del testosterone, che può favorire comportamenti positivi, ma anche l´aggressività. Dall´altro a causa di aspettative di genere stereotipate: gli uomini devono essere pronti a reagire, disposti a rischiare e devono mantenere la famiglia. Chi non ha né una formazione né un lavoro può compiere dei delitti per procurarsi denaro.

Un´infanzia difficile può favorire un comportamento criminale?
Sì, molti mi raccontano che il padre era assente, non c´era quasi mai o era violento. In mancanza di un modello maschile, per un ragazzo è difficile scoprire la propria identità, ciò che fa di lui un uomo e una persona. La scarsa fiducia in se stessi può essere compensata con comportamenti che possono portare a compiere dei reati e a finire in carcere. Tuttavia non è colpa del padre se si rapina un chiosco. La responsabilità del reato è di chi l´ha commesso.

Anche lei ha dei figli. Tutto questo la fa riflettere sul suo ruolo di padre?
Certo, mi ricorda quanto sia importante essere sempre in contatto con i figli, anche quando non è facile. Molti bambini sentono che nessuno si interessa a loro. È importante che un bambino, un figlio, si senta desiderato, anche senza aver fatto nulla. (intervista Anouk Holthuizen; da reformiert.; trad. it. G. M. Schmitt; adat. P. Tognina)


Fonte: Voceevangelica.ch

UN GIORNO UNA PAROLA


G E N N A I O
Versetto del mese:
““Fedele è Dio”
(I Corinzi 1, 9)


Salmo della Settimana: 133


Sabato 25 Gennaio

Non lo sai tu? Non l’hai mai udito? Il Signore è Dio eterno, il creatore degli estremi confini della terra; egli non si affatica e non si stanca; la sua intelligenza è imperscrutabile (Isaia 40, 28)
Or il Dio della speranza vi riempia di ogni gioia e di ogni pace nella fede, affinché abbondiate nella speranza, per la potenza dello Spirito Santo (Romani 15, 30)

Non potremo mai comprendere a fondo il giorno, la vita, la morte, la notte, possiamo solo annunciare colui che su tutto vigila, possiamo solamente onorarlo raccontando le meraviglie compiute dal Signore del mondo e affidarci a colui che sorregge terra e cielo
Arno Pötzsch

Deuteronomio 33, 1-16; I Corinzi 2, 10-16


Il buon combattimento della fede
Commento a I Timoteo 6, 12
Combatti il buon combattimento della fede, afferra la vita eterna alla quale sei stato chiamato e in vista della quale hai fatto quella bella confessione di fede in presenza di molti testimoni

Questo versetto della prima epistola a Timoteo sembra essere scritto per noi: da giovani abbiamo fatto la confermazione, per la quale abbiamo scritto al Consiglio di Chiesa una bella confessione di fede, piena di forza e di entusiasmo. Oppure siamo entrati da adulti in una chiesa nuova, e ci hanno chiesto di motivare il nostro ingresso: e noi lo abbiamo fatto pieni di orgoglio per la scelta fatta, ma anche pieni di gioia e di fiducia. O ancora, abbiamo scoperto il Signore che da molto tempo non incontravamo più e abbiamo ripreso ad andare in chiesa e a pregare. Tutti momenti intensi, ricchi anche di emozioni e di convincimento. Spesso anche ricchi di fede, profonda, vera, genuina.
Ma poi? Poi la vita quotidiana riprende, ci sono le preoccupazioni sul lavoro, la famiglia e la casa da gestire, i momenti di svago da organizzare e da vivere. Le nostre vite sono mediamente pienissime di impegni, di “cose da fare”, di persone da incontrare e cosa resta della nostra fede? Cosa rimane della nostra bella confessione di fede? Probabilmente non abbiamo abbandonato la chiesa e se ce lo chiedono continuiamo ad affermare di essere uomini e donne di fede. Anzi spesso non ci viene neppure chiesto, perché tutti vedono che, sia pur con i limiti imposti dalla “vita moderna” siamo comunque presenti, a differenza di altri, che sono spariti. O addirittura abbiamo degli incarichi nella nostra chiesa. Incarichi a cui ci dedichiamo con impegno.
Ma se ci fermiamo per un momento a riflettere con serietà, stiamo combattendo sul serio il “buon combattimento”? Il faro della nostra esistenza, di ogni suo attimo, di ogni sua decisione, è davvero la fede in Dio? Conduciamo una vita trasformata e illuminata da questo? Abbiamo sul serio afferrato la vita eterna alla quale siamo stati chiamati e abbiamo costruito tutta la nostra esistenza intorno a questa speranza con fiducia sempre rinnovata e nutrita continuamente con la lettura della Parola, con il canto, con la preghiera?
Non è una riflessione facile, al Signore, ovviamente, la risposta, ma ognuno di noi potrebbe da oggi cominciare a interrogarsi sulla qualità del proprio combattimento e pregare il Signore di ricevere la forza e il coraggio per essere davvero fedeli servitori. Amen!
di Erica Sfredda


Preghiera


Signore, tu che ricostruisci ciò che noi distruggiamo,
Ti preghiamo:
ricostruisci la nostra vita.
Ricostruisci le nostre forze
quando le sciupiamo in cose inutili, quando
siamo logori e perdiamo coraggio.
Ricostruisci la nostra fiducia
Quando esitiamo davanti alle tue promesse,
quando ci facciamo vincere dalla confusione e
dall’amarezza, quando dubitiamo di noi stessi
e della nostra capacità di servirti,quando le
difficoltà diventano più grandi
della nostra poca fede.
Ricostruisci le nostre iniziative comuni,
quando l’egoismo le indebolisce,
quando troviamo più confortevole
evitare la fatica di agire
insieme con gli altri,
quando tentenniamo di fronte
agli obiettivi che insieme avevamo
riconosciuto come tua vocazione,
quando cediamo al rancore
e al risentimento,
quando non riusciamo più
a comprenderci pur essendo
membri della stessa chiesa.
Signore ricostruisci la nostra vita: ridonaci forza,
fiducia e iniziativa con l’energia che proviene
dall’unico fondamento,
che è Cristo Gesù. Amen




Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it