26 Novembre 2020
News

Una speranza dietro le sbarre

04-09-2018 07:40 - Bibbia e attualità
Mark Schwyter è assistente spirituale nel penitenziario di Lenzburg, nel canton Argovia. Il pastore riformato cerca il dialogo con i detenuti in una fase difficile della loro vita

Dopo avere lavorato per dodici anni come pastore in una parrocchia evangelica riformata, Mark Schwyter ha deciso di dedicarsi alla cura pastorale dei detenuti. Nel suo lavoro nel carcere di Lenzburg, nel canton Argovia (nella foto) incontra donne e uomini che sono finiti dietro le sbarre dopo avere commesso dei reati più o meno gravi. E che spesso sono alla ricerca di un senso per la loro vita.

Come inizia una conversazione con un nuovo detenuto?
Mi presento e dico, a lui o lei, che mi fa piacere fare la sua conoscenza. Nel caso di persone in carcerazione preventiva, che hanno commesso da poco dei reati, entrare in dialogo è più facile. Sono privi di informazioni, non hanno contatti con il mondo esterno e non sanno che cosa succederà. Si preoccupano della moglie, del lavoro, hanno sensi di colpa. Per loro è un momento di disorientamento.

Di che cosa parla con chi è detenuto da più tempo?
Parliamo spesso del senso da dare al tempo trascorso in carcere. Si chiedono se quella che vivono in carcere sia davvero una vita, o se la vita vera inizierà solo dopo la scarcerazione. Molti hanno avuto problemi per tutta la loro esistenza e la reclusione non fa che peggiorare le cose.

Che cosa può dare ai detenuti?
Apprezzano il fatto che io mi prenda il tempo per ascoltarli. Non faccio parte del sistema giudiziario, sono semplicemente qualcuno che si interessa a loro. Chiedo loro che cosa fanno, che cosa hanno visto in televisione, che cosa leggono. Molti non ricevono mai visite. È possibile che abbiano causato molto dolore, ma di fronte a me ci sono persone che soffrono per il loro quotidiano, per il loro passato, per il loro futuro. Insieme cerchiamo di trovare degli aspetti positivi.

Ed è possibile trovarli?
La detenzione è una condizione difficile, tuttavia non è priva di speranza. Alcuni sentono di aver compiuto progressi. Sono felici all´idea di uscire e poter affrontare le cose in modo diverso. Altri trovano la pace dopo molti anni di stress. In carcere non è molto diverso rispetto a fuori. Fuori ci sono più opportunità di trovare un senso alla vita, eppure ci sono molte persone che faticano a trovarlo.

Parlate anche dei motivi che hanno spinto a commettere dei delitti?
A volte ne parliamo. C´è sempre un contesto che ha portato a quel punto. Io non condanno, perché entro nel carcere per ascoltare il detenuto che sta seduto di fronte a me.

C´è qualche elemento che la colpisce in modo particolare?
Il fatto che qualcosa possa sfuggire di mano malgrado le tante vie d´uscita disponibili. Ma lo sappiamo noi stessi: siamo stanchi eppure andiamo al bar, beviamo un bicchiere di troppo e saliamo in auto brilli. Oppure facciamo qualcosa che da sobri non faremmo mai. Gli esseri umani non sono sempre ragionevoli e le concatenazioni di eventi sfociano spesso in tragedie. In quanto assistente spirituale, la domanda più importante è: che cosa possiamo fare rispetto a ciò che è accaduto? E la teologia ha qualcosa da dire in merito?

Nelle conversazioni con i detenuti entra in gioco anche la fede?
Poiché mi presento come uomo di chiesa alcuni vengono proprio per parlare della fede, o per dirmi che non credono. Nella maggior parte dei casi a un certo punto chiedo se vogliono pregare. Con alcuni leggo episodi della Bibbia, per esempio il racconto di Giobbe o di quando Gesù fu tentato. Dio ha una relazione con noi e a volte noi facciamo cose che rovinano questa relazione. Come si ripristina la relazione? Questo è ciò di cui parlo e che vivo occupandomi dei detenuti.

Perché ha smesso di occuparsi di una parrocchia e ha deciso di fare l´assistente spirituale in carcere?
Ho lavorato per dodici anni come pastore in una parrocchia evangelica riformata. Poi sono stato responsabile dell´ufficio della chiesa cantonale di Zurigo che si occupa delle questioni legate alla condizione maschile. Le questioni di genere mi hanno sempre interessato, e tra l´altro mi sono posto la domanda come mai gli uomini compiano molti più reati delle donne. In seguito ho iniziato a lavorare come assistente spirituale in carcere e ho completato una formazione specifica per operare in questo ambito.

Perché in carcere ci sono più uomini che donne?
Da un lato a causa del testosterone, che può favorire comportamenti positivi, ma anche l´aggressività. Dall´altro a causa di aspettative di genere stereotipate: gli uomini devono essere pronti a reagire, disposti a rischiare e devono mantenere la famiglia. Chi non ha né una formazione né un lavoro può compiere dei delitti per procurarsi denaro.

Un´infanzia difficile può favorire un comportamento criminale?
Sì, molti mi raccontano che il padre era assente, non c´era quasi mai o era violento. In mancanza di un modello maschile, per un ragazzo è difficile scoprire la propria identità, ciò che fa di lui un uomo e una persona. La scarsa fiducia in se stessi può essere compensata con comportamenti che possono portare a compiere dei reati e a finire in carcere. Tuttavia non è colpa del padre se si rapina un chiosco. La responsabilità del reato è di chi l´ha commesso.

Anche lei ha dei figli. Tutto questo la fa riflettere sul suo ruolo di padre?
Certo, mi ricorda quanto sia importante essere sempre in contatto con i figli, anche quando non è facile. Molti bambini sentono che nessuno si interessa a loro. È importante che un bambino, un figlio, si senta desiderato, anche senza aver fatto nulla. (intervista Anouk Holthuizen; da reformiert.; trad. it. G. M. Schmitt; adat. P. Tognina)


Fonte: Voceevangelica.ch
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

N O V E M B R E
Versetto del mese:
“Vengono piangenti e imploranti; li guido,
li conduco ai torrenti, per una via diritta
dove non inciamperanno”
(Geremia 31,9)




Salmo della settimana : 126



Giovedì 26 Novembre

Dio nostro, noi ti ringraziamo, e celebriamo il tuo nome glorioso (I Cronache 29,13)
Ringraziate continuamente per ogni cosa Dio Padre, nel nome del Signore Nostro Gesù Cristo (Efesini 5,20)

Per ringraziare Dio dei suoi benefici bisogna investire almeno altrettanto tempo di quanto si è impiegato a chiederglieli.
Vincenzo de’ Paoli

I Tessalonicesi 5, 9-15; II Pietro 3, 10-18




Seguire Gesù,
ascoltando la sua voce

commento a Marco 6, 34
"Come Gesù fu sbarcato, vide una gran folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore che non hanno pastore; e si mise a insegnare loro molte cose"


Il versetto ci introduce al racconto della moltiplicazione dei pani. È evidente che Marco vuole sottolineare due cose. Da una parte le molte persone, gregge disgregato (mi si scusi il bisticcio!), pecore disorientate, senza meta né scopo. Non c è un pastore, non ci sono punti di riferimento. Dall altra Gesù, solo, che ne ha compassione. Il verbo che esprime questo stato d’animo significa alla lettera “sentirsi muovere le viscere”. Diremmo “sentire stringere il cuore”.
Quante volte la Bibbia – che risale a tempi in cui l’agricoltura e la pastorizia erano al centro della vita – paragona Dio ad un pastore premuroso e attento e Israele ad un gregge più o meno obbediente ai suoi richiami. Ci vengono in mente il Salmo 23 e le immagini del Vangelo di Giovanni dove Gesù dice: Io sono il buon pastore.
Gesù ci invita a seguirlo ascoltando la sua voce. E nel racconto che segue, non solo “insegna molte cose”, ma sa nutrire materialmente. Questo nutrimento passa attraverso i suoi discepoli, che pur esitanti, riescono a trovare del cibo, a portarlo a Gesù che, con le sue parole, le sue richieste, i suoi inviti, coinvolge la folla e fa sì che tutti siano saziati.
Molti si son posti e si pongono tuttora come capi, guide, arringatori di folle, risolutori dei problemi dell’umanità. Si sentono pastori, ma – dice Gesù – sono estranei, mercenari, ladri, briganti. Non sono interessati alle persone, non gli si stringe il cuore, amano solo il potere.
Quanti milioni di pecore senza pastore, oggi! I clandestini che si accalcano sulle nostre spiagge per sfuggire alla fame, i profughi che per non morire sotto le bombe finiscono intruppati in campi senza speranza, le migliaia di disoccupati che cercano di sopravvivere con le loro famiglie, gli afroamericani che reclamano i loro diritti.
Sta a noi, la chiesa del Signore, testimoniare la misericordia di Gesù ed essere coloro che “danno da mangiare”, materialmente e spiritualmente ai milioni di persone che sono greggi senza pastore.

Emmanuele Paschetto






Preghiera


Ai tuoi piedi, Signore,
esponiamo il carico pesante
delle nostre perplessità, dei nostri affanni.
Attendiamo da Te sostegno, conforto e guida.
Soccorri coloro che sono nel bisogno,
consola quanti sono
variamente afflitti ed affretta
l avvento del Tuo Regno
di amore e di pace
su tutta la terra.
Amen
pst. M.Affuso


COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Novembre 2020] [>>]
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      
Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it