10 Aprile 2020
News
percorso: Home > News > Sinodo

Una fatica da compiere nella certezza dell´aiuto del Signore

02-09-2018 08:22 - Sinodo
La missione della chiesa nel discorso di chiusura sinodo del moderatore della Tavola valdese

Un forte richiamo alla libertà ha caratterizzato il discorso finale del moderatore della Tavola valdese Eugenio Bernardini, nell´ultimo giorno del Sinodo delle chiese valdesi e metodiste e nel solco delle celebrazioni che per tutto il 2017 avevano ricordato i 500 anni della Riforma. «La Riforma – ha detto – è stata la grande scoperta della libertà del cristiano». E questa libertà è «libertà prima di tutto dai "guardiani del sabato", perché "Il sabato è stato fatto per l´uomo, e non l´uomo per il sabato" (Mc. 2, 27)», ma anche libertà nei confronti del potere temporale». Un potere, «che la chiesa non deve esercitare ma al quale ha il dovere di ricordare che – per i credenti – c´è Qualcuno a cui tutti devono rendere conto e che comunque (se anche non si crede a questo Qualcuno) ci sono dei principi di giustizia che nessuno si può permettere di calpestare, neppure chi governa le nazioni». Ciò «Vale per tutte le chiese, ma particolarmente per noi valdesi e metodisti che abbiamo voluto l´Italia unita, nell´800; che abbiamo voluto l´Italia democratica in cui i diritti, specie dei più deboli, siano protetti, e i doveri siano uguali per tutti: se muoiono i diritti, subito dopo muoiono le persone».

Ecco dunque che ritorniamo all´inizio di questa sessione sinodale, che nel giorno dell´apertura si era concentrata, nel culto, nella preghiera e nella colletta, sulle due emergenze dei migranti sulla nave «Diciotti» e degli sfollati del ponte di Genova. Di fronte ai drammi delle persone esposte, non si può pensare che esistano delle «priorità in base alla nazionalità, l´etnia, l´appartenenza identitaria; l´unica priorità che avvertiamo è la priorità in base al bisogno, priorità per chi bussa alla nostra porta. Chiunque egli o ella sia». «Il prossimo non ce lo scegliamo noi». Nella parabola del buon samaritano, questa è infatti la risposta di Gesù a chi gli chiede: chi è il mio prossimo?: «il prossimo non è definibile da una tabella restrittiva: lo incontri sulla tua strada, anche quando meno te l´aspetti». Inoltre «potrà capitare a te di essere "il prossimo bisognoso di aiuto" e di essere aiutato, magari da quello che oggi escludi (il samaritano della parabola, il nigeriano, eritreo, siriano di oggi)». «A chi sostiene priorità nella solidarietà – ha proseguito Bernardini – dobbiamo ricordare che, da cristiani, non vogliamo stabilire in anticipo chi sia i nostro prossimo».

Libertà, dunque, e accoglienza hanno percorso tutto il Sinodo: c´era stato il Manifesto per l´accoglienza della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), il comunicato della Diaconia valdese sulla nave «Diciotti», la «buona teologia politica protestante» (che era innanzitutto una predicazione) nel sermone del culto di apertura. Il Sinodo ha ricevuto, poi, il messaggio del papa e il suo appello alla difesa della dignità dei più deboli; e nelle stesse giornate una dichiarazione comune del moderatore della Tavola valdese e del presidente della Chiesa evangelica tedesca dell´Hessen-Nassau, Volker Jung, in cui si dice fra l´altro «L´Europa perde la sua anima quando valori come il rispetto per la dignità umana, la libertà, la democrazia, l´uguaglianza, lo stato di diritto e la difesa dei diritti umani sono sempre più messi in discussione». E ancora: «Nel cinquantesimo anniversario dell´assassinio del pastore battista Martin Luther King la Diaconia esprime sofferenza e preoccupazione per il crescente clima di chiusura, razzismo e discriminazione presente nel nostro Paese», esordisce la dichiarazione della Diaconia valdese dal titolo Pari dignità, senza distinzioni sull´attuale situazione sociale e politica. Il Sinodo si è ancora espresso con parole di inclusione e di accoglienza verso le persone «diverse» (migranti, stranieri, detenuti, Rom, Sinti e Camminanti, persone Lgbt, e tutte e tutti coloro che sono stigmatizzati sulla base del ceto sociale e della salute psico-fisica) in un clima di crisi economica, finanziaria e culturale che è diventato, anziché terreno fertile di solidarietà, un terreno inquinato da intolleranza e discorsi d´odio.

I discorsi sono fatti di parole, e questa nostra società, e in particolare la politica, sono propense a un uso sconsiderato delle parole. Prendendo spunto dai romanzi di Carlo Levi (in particolare proprio Le parole sono pietre, 1955), il moderatore ha ricordato Francesca Serio, madre di Salvatore Carnevale, «un contadino ribelle assassinato dalla mafia perché fondatore, a Sciara (Palermo), nel 1951, della sezione del Partito socialista e della Camera del lavoro». Di lei, che in tribunale sfida Cosa nostra, Levi scrive: «Così questa donna si è fatta, in un giorno: le lacrime non sono più lacrime ma parole, e le parole sono pietre». «Le parole sono pietre, non passano invano, restano, ma attenzione – prosegue Bernardini –. Da un lato, possono colpire perché svelano, denunciano ciò che si vuole tenere nascosto, come nel caso di Francesca Serio» – e a chi è reticente «egli [Gesù] rispose: "Vi dico che se costoro (i discepoli) tacciono, le pietre grideranno" (Luca 19, 40)». Ma poi, all´opposto, le parole «possono colpire perché vengono lanciate per nascondere ciò che rischia di essere svelato. E così si creano ad arte capri espiatori e si propagandano giudizi sommari: "Guai a quelli che chiamano bene il male, e male il bene, che cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre, che cambiano l´amaro in dolce e il dolce in amaro!" (Isaia 5, 20); "Io vi dico che di ogni parola oziosa che avranno detta, gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio; poiché in base alle tue parole sarai giustificato, e in base alle tue parole sarai condannato" (Matteo 12, 36-37)».

Così per noi «le parole della chiesa, devono essere e restare espressione dell´evangelo di grazia e liberazione di Cristo, espressione di un cultura capace di includere, proteggere, promuovere e integrare soprattutto chi è più esposto, umiliato, calpestato. Chiunque esso o ella sia».

Certo, le chiese, tutte le chiese, manifestano segnali di fragilità: nei loro numeri (il Sinodo è stato reso attento a questo fenomeno complesso dalla ricerca sociologica realizzata dal Centro studi Confronti e con lo strumento del bilancio sociale); nella consapevolezza di sé; nel disinteresse da parte della società e della cultura contemporanee. Ma «questo è il nostro approccio protestante: realismo da una parte, volontà di affrontare la situazione, ma, d´altra, anche speranza di poter invertire la tendenza della "stabile decrescita" (non solo numerica ma anche spirituale, di cui ci sono segnali evidenti). Noi sappiamo però che "Se il SIGNORE non costruisce la casa, invano si affaticano i costruttori; se il SIGNORE non protegge la città, invano vegliano le guardie (Salmo 127, 1)». Con questa certezza, accettiamo la fatica di tirare avanti: «la nostra fatica è vana senza l´aiuto del Signore, ma la nostra "fatica" nella missione (Rom. 16, 12; I Tim. 5, 17) ci deve essere».

Così il Sinodo si è chiuso nello stesso segno in cui era cominciato, la Parola biblica, la teologia e il servizio. In questo grande esercizio di democrazia e di partecipazione, che viene avvertita come tale dai nostri concittadini e concittadine, si pongono le basi per il lavoro di un nuovo anno: «grazie al servizio che tante sorelle e tanti fratelli continuano a donare alla missione della nostra Chiesa e per il sostegno e la comprensione che ricevono dalle loro famiglie: (...) un miracolo con cui il Signore ci benedice».


Fonte: Riforma.it

UN GIORNO UNA PAROLA

A P R I L E
Versetto del mese:
“Il corpo è seminato corruttibile e risuscita incorruttibile”
I Corinzi 15, 42



Salmo della Settimana: 88

Giovedì 9 Aprile - Giovedì Santo
“Ha lasciato il ricordo dei suoi prodigi; il Signore è pietoso e misericordioso” (Salmo 111, 4)

Andiamo, andiamo a implorare il favore del Signore e a cercare il Signore degli eserciti! Anch’io voglio andare! (Zaccaria 8, 21)
Dopo che ebbero cantato l’inno, uscirono per andare al monte degli Ulivi (Marco 14,26)

Ognuno di noi può venire, per avere la sua parte con te. Noi tutti qui riuniti, siamo stati tutti accolti, lieti e tristi, forti e deboli, tiepidi o vivi nella fede.
Detlev Block

Giovanni 13, 1-15; 34-35; I Corinzi 11, 17-34a; Marco15, 16-23


Il servizio vissuto nell’amore
commento a: Marco 14, 26
“Dopo che ebbero cantato l’inno, uscirono per andare al monte degli Ulivi”

Dopo che ebbero cantato l’inno, uscirono. Così termina, in Matteo ed in Marco, il racconto della cena pasquale che Gesù consuma con i suoi amici nel giorno che noi chiamiamo il giovedì santo. L’ultima Cena, quando Gesù accennò alla sua morte offrendo il pane e il vino come simboli del suo corpo e del suo sangue.
“La notte in cui fu tradito” esordisce l’apostolo Paolo nel racconto di quella cena.
Che inno cantarono a conclusione della prima parte di quella notte che si svolse nel chiuso di una casa di Gerusalemme?
È il salmo di lode, il 136, il cosiddetto grande Hallel (Hallelu-Ja = Lode a Dio) che chiudeva il banchetto pasquale. Nel salmo ogni versetto consta di una prima parte che celebra un grande intervento di Dio e di una seconda parte che dice: “perché la sua bontà dura in eterno”.
Avete notato che quella drammatica notte inizia e finisce in modo simbolicamente forte con una semplice e comune bacinella piena d’acqua?
All’inizio – racconta Giovanni – Gesù, prima della cena, prese una bacinella e lavò i piedi ai suoi discepoli. Invitandoli al servizio, alla responsabilità esercitata nell’amore. Il mattino seguente, alla fine di quella notte, Matteo racconta che Pilato si fece portare una bacinella per lavarsi pubblicamente le mani, dichiarando di non sentirsi responsabile nell’abbandonare un uomo innocente alla violenza e alla morte.
Due gesti di grande significato. Il Messia, il Signore, si spoglia di se stesso, prendendo forma di servo – come scriverà Paolo ai Filippesi – indicando che questa è la salvezza dell’umanità: la responsabilità del servizio vissuta nell’amore. Pilato, il rappresentante di Cesare, della massima autorità terrena, bada solo alla salvezza di sé e del proprio potere: per questo è disposto a calpestare la verità con la violenza.
Nel corso della storia la Chiesa e i cristiani hanno spesso scelto Pilato e non Gesù. Oggi diciamo che è un momento cruciale per il nostro pianeta e per la vita su di esso. Gesù e non Pilato ci insegnano come affrontarlo.

Emmanuele Paschetto


Preghiera


Padre, fonte amoroso della vita e della speranza,
ti preghiamo per ogni fratello che geme e piange,
per quanti non riusciamo a confortare;
dona a tutta la gente che soffre, al tuo popolo di miseri e di poveri,
forza nella tribolazione e fiducia nei giorni dell’angoscia.
Concedi a loro e a tutti noi, rinvigoriti dalla tua parola di speranza,
di giungere all’alba della gioia e della resurrezione.

Ravasi



Eventi

[<<] [Aprile 2020] [>>]
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it