28 Gennaio 2020

News

Una chiesa è libera se è autosufficiente

29-06-2017 09:11 - appunti del moderatore
Il punto con il moderatore Bernardini sul percorso avviato di fundraising

Il calo delle contribuzioni dei membri di chiesa e dei simpatizzanti è da anni al centro delle riflessioni delle chiese valdesi e metodiste, alle prese con una lenta ma progressiva erosione delle risorse. Ciò comporta un continuo esercizio di razionalizzazione e di riorganizzazione, condizione che deve però subire un´inversione di rotta per non accentuare le sofferenze che già si registrano in alcune realtà. Anche per questi motivi gli organismi esecutivi stanno valutando nuovi strumenti, fra cui il percorso formativo volto ad avviare giovani alla professione di fundraiser, raccoglitore di fondi. Un progetto voluto da Tavola valdese e Commissione sinodale per la diaconia per aggiornare competenze e modalità di azione all´interno delle comunità. Ne abbiamo parlato con il moderatore della Tavola valdese, pastore Eugenio Bernardini.

– Fundraising, una novità per le chiese valdesi e metodiste?
«Il termine inglese fundraising significa raccolta fondi per cui no, non è una novità per il nostro mondo. Le contribuzioni volontarie dei fedeli, degli amici, dei sostenitori, sono un tratto identitario fondamentale di tutto il protestantesimo e il mondo evangelico, perché rendono la chiesa libera nella sua missione nel mondo, senza padroni cui rispondere. Da questo punto di vista non si può dire che sia una novità. La novità è il metodo. Ci siamo resi conto oramai da tempo di essere in affanno su questo aspetto così fondante della nostra chiesa, e al contempo abbiamo compreso di utilizzare metodi antichi, che hanno funzionato benissimo in una determinata cultura e società, più stabile. Nel nostro tempo, in una società più "liquida", la fedeltà contributiva è entrata in crisi, quindi abbiamo ritenuto necessario sperimentare nuove vie».

– Otto per mille e contribuzioni, due piani differenti?
«Totalmente. Quando ci fu il lungo e tormentato dibattito relativo all´accettazione o meno dell´otto per mille dell´Irpef, si discusse anche molto sull´aspetto delle contribuzioni volontarie dei membri di chiesa, perché abbiamo sempre ritenuto che le organizzazioni ecclesiastiche dovessero autofinanziarsi. Quando infine venne presa la decisione di accettare l´otto per mille, la scelta di non usare un centesimo per attività di culto fu la logica conseguenza delle nostre posizioni storiche. Ecco perché con l´otto per mille finanziamo progetti umanitari in Italia e nel mondo, fra cui anche le opere diaconali delle nostre chiese (che però continuano tutte a mantenere nel bilancio una quota significativa proveniente da donazioni), ma nulla viene utilizzato per il mantenimento del nostro apparato».
– Un apparato che però costa...
«Certo. Dobbiamo riconoscere che negli ultimi dieci-vent´anni segniamo un po´ il passo, senza risorse economiche la missione della chiesa non può andare avanti. Si vive anche di sistemi organizzativi, di personale, di pastori, le risorse sono necessarie, da qualche parte bisogna reperirle. Nella volontà di rimanere nel solco della raccolta volontaria, la cosa principale è motivare le persone al dono, alla contribuzione funzionale alla sopravvivenza della chiesa. Rendere nuovamente chiaro che la gioia dell´appartenenza si manifesta anche contribuendo alla gestione delle nostre mura, delle nostre strutture, degli stipendi dei nostri pastori».

– Il modello è quello delle realtà anglosassoni, e più vicino a noi, della Chiesa avventista, anche in Italia, che da anni sta ragionando in tal senso. A chi vi siete ispirati?
«Un po´ a tutti questi soggetti. Abbiamo fatto ricerche, ci siamo confrontati con esperienze all´estero. Ogni paese ha la propria tradizione e una propria cultura economica e fiscale. In Italia è più difficile far comprendere la necessità della responsabilità personale perché non fa parte della nostra cultura verticistica, in cui ci si aspetta la soluzione da chi sta in alto, sia esso lo Stato e la chiesa. Ecco, noi scontiamo questa tradizione. Ci siamo quindi rivolti alla Chiesa avventista in Italia, più avanti di noi su questi ragionamenti, che da anni organizza corsi di fundraising, e abbiamo avviato una collaborazione».

– Che cosa hanno fatto e che cosa faranno i cinque ragazzi che stanno partecipando al progetto?
«Intanto abbiamo voluto dare una rappresentanza su tutto il suolo italiano, perché anche il nostro paese è diversificato, anche dal punto di vista della comprensione e della capacità di raccogliere fondi. Il corso di quest´anno credo abbia raggiunto gli obiettivi, offrire ai ragazzi e ragazze un quadro generale di esperienze e la possibilità di incrementare e razionalizzare la raccolta fondi delle nostre chiese anche con semplici strumenti statistici come un´anagrafe razionale dei membri di chiesa, degli amici, dei sostenitori. Altro punto fondamentale è quello della corretta comunicazione, comunicare bene perché si raccolgono denari per fornire una motivazione più consapevole ai nostri interlocutori. Nulla di rivoluzionario, però un uso più razionale della comunicazione, delle informazioni, per migliorare un sistema che alla base già abbiamo e conosciamo. L´anno prossimo sarà di verifica su questa formazione, con progetti concreti per migliorare la raccolta fondi a livello di chiese locali e di istituzioni diaconali».

– Non è tutto nero all´orizzonte quindi...
«Io continuo a considerare un miracolo quello che avviene annualmente, che migliaia di persone con contribuzioni più o meno regolari in base alle disponibilità portino qualche milione di euro alle nostre chiese, necessari per continuare a esistere, a evangelizzare, a svolgere la nostra missione nel mondo. Ma il calo è sotto gli occhi di tutti. Per questo ci dotiamo di altre modalità di azione, senza ansie né manie persecutorie, sempre nel solco del nostro spirito di grande libertà, in cui ciascuno in cuor suo deve decidere la misura del dono. Ci preoccupiamo soltanto di spiegare bene l´uso che facciamo del denaro ricevuto, nella speranza soprattutto di motivare le nuove generazioni che hanno un po´ perso questa importante consapevolezza».

UN GIORNO UNA PAROLA


G E N N A I O
Versetto del mese:
““Fedele è Dio”
(I Corinzi 1, 9)


Salmo della Settimana: 86


Martedì 28 Gennaio

Egli abbatte, e nessuno può ricostruire. Chiude un uomo in prigione, e non c’è più chi gli apra. (Giobbe 12,14)
Queste cose dice il Santo, il Veritiero, colui che ha la chiave di Davide, colui che apre e nessuno chiude, che chiude e nessuno apre: « Io conosco le tue opere. Ecco, io ti ho posto davanti una porta aperta, che nessuno può chiudere» (Apocalisse 3, 7-8)

Chi può comprenderti, Signore,chi avvicinarsi alla tua luce? Chi può vedere la fine del cammino lungo il quale ci conduci? Tu sciogli ciò che ci lega; abbatti ciò che costruiamo. Non possiamo comprenderlo, possiamo solo affidarci.
Lipsia 1844

Romani 15, 7-13; I Corinzi 3, 9-17

Il buon combattimento della fede
Commento a I Timoteo 6, 12
Combatti il buon combattimento della fede, afferra la vita eterna alla quale sei stato chiamato e in vista della quale hai fatto quella bella confessione di fede in presenza di molti testimoni

Questo versetto della prima epistola a Timoteo sembra essere scritto per noi: da giovani abbiamo fatto la confermazione, per la quale abbiamo scritto al Consiglio di Chiesa una bella confessione di fede, piena di forza e di entusiasmo. Oppure siamo entrati da adulti in una chiesa nuova, e ci hanno chiesto di motivare il nostro ingresso: e noi lo abbiamo fatto pieni di orgoglio per la scelta fatta, ma anche pieni di gioia e di fiducia. O ancora, abbiamo scoperto il Signore che da molto tempo non incontravamo più e abbiamo ripreso ad andare in chiesa e a pregare. Tutti momenti intensi, ricchi anche di emozioni e di convincimento. Spesso anche ricchi di fede, profonda, vera, genuina.
Ma poi? Poi la vita quotidiana riprende, ci sono le preoccupazioni sul lavoro, la famiglia e la casa da gestire, i momenti di svago da organizzare e da vivere. Le nostre vite sono mediamente pienissime di impegni, di “cose da fare”, di persone da incontrare e cosa resta della nostra fede? Cosa rimane della nostra bella confessione di fede? Probabilmente non abbiamo abbandonato la chiesa e se ce lo chiedono continuiamo ad affermare di essere uomini e donne di fede. Anzi spesso non ci viene neppure chiesto, perché tutti vedono che, sia pur con i limiti imposti dalla “vita moderna” siamo comunque presenti, a differenza di altri, che sono spariti. O addirittura abbiamo degli incarichi nella nostra chiesa. Incarichi a cui ci dedichiamo con impegno.
Ma se ci fermiamo per un momento a riflettere con serietà, stiamo combattendo sul serio il “buon combattimento”? Il faro della nostra esistenza, di ogni suo attimo, di ogni sua decisione, è davvero la fede in Dio? Conduciamo una vita trasformata e illuminata da questo? Abbiamo sul serio afferrato la vita eterna alla quale siamo stati chiamati e abbiamo costruito tutta la nostra esistenza intorno a questa speranza con fiducia sempre rinnovata e nutrita continuamente con la lettura della Parola, con il canto, con la preghiera?
Non è una riflessione facile, al Signore, ovviamente, la risposta, ma ognuno di noi potrebbe da oggi cominciare a interrogarsi sulla qualità del proprio combattimento e pregare il Signore di ricevere la forza e il coraggio per essere davvero fedeli servitori. Amen!
di Erica Sfredda


Preghiera


Signore, tu che ricostruisci ciò che noi distruggiamo,
Ti preghiamo:
ricostruisci la nostra vita.
Ricostruisci le nostre forze
quando le sciupiamo in cose inutili, quando
siamo logori e perdiamo coraggio.
Ricostruisci la nostra fiducia
Quando esitiamo davanti alle tue promesse,
quando ci facciamo vincere dalla confusione e
dall’amarezza, quando dubitiamo di noi stessi
e della nostra capacità di servirti,quando le
difficoltà diventano più grandi
della nostra poca fede.
Ricostruisci le nostre iniziative comuni,
quando l’egoismo le indebolisce,
quando troviamo più confortevole
evitare la fatica di agire
insieme con gli altri,
quando tentenniamo di fronte
agli obiettivi che insieme avevamo
riconosciuto come tua vocazione,
quando cediamo al rancore
e al risentimento,
quando non riusciamo più
a comprenderci pur essendo
membri della stessa chiesa.
Signore ricostruisci la nostra vita: ridonaci forza,
fiducia e iniziativa con l’energia che proviene
dall’unico fondamento,
che è Cristo Gesù. Amen




Eventi

[<<] [Gennaio 2020] [>>]
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
PRIVACY AND COOKIES
Privacy & Cookies
Privacy & Cookies
Informativa sulla privacy ai sensi del D.Lgs 196/2003
Ultimo aggiornamento: 2 giugno 2015
Leggi attentamente l’informativa sulla Privacy qui sotto riportata.
In queste pagine si descrivono le modalità di gestione del sito in relazione al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un’informativa resa anche ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) a coloro che interagiscono con i servizi web della Tavola Valdese, accessibili per via telematica all’indirizzo: http://www.chiesavaldese.org (il Sito).
Titolare del trattamento dei dati
A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate, o identificabili: titolare del loro trattamento è la Tavola Valdese, con sede in Torre Pellice (TO), via Beckwith, 2.
Luogo di trattamento dei dati
I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la sede della scrivente Tavola Valdese ed essi sono curati solo da personale autorizzato o da soggetti eventualmente incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato acquisito tramite il servizio web viene diffuso. I dati personali forniti dagli utenti a mezzo email sono, peraltro, utilizzati al solo fine di contattare l’interessato che ne abbia fatto domanda e/o di eseguire il servizio o la prestazione richiesta.
Tipologie di dati trattati
A) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito.
B) Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, indispensabile per rispondere alle richieste dell’interessato, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nel messaggio inviato. Il mancato conferimento, anche parziale, dei predetti dati potrebbe comportare l’impossibilità, da parte dell'Ente, di riscontrare il messaggio inviato dall’interessato e di soddisfarne le richieste.
Cookies
Durata
Cookies di sessione
Si tratta di file temporanei che vengono memorizzati fino a quando il sito viene abbandonato (oppure il browser di navigazione viene chiuso).
Cookies persistenti
Si tratta di file che vengono immagazzinati e mantenuti anche dopo l'abbandono del sito e la chiusura del browser. Vengono eliminati solamente dopo la data di scadenza indicata nel cookie stesso.
Dominio
Cookies “proprietari”
Si tratta di file che vengono installati sul dispositivo dell'utente direttamente dal sito su cui si sta navigando. Non viene fatto uso di questi cookie nel Sito.
Cookies “di terze parti”
Si tratta di file che vengono installati da siti esterni, attraverso del codice integrato nella pagine del sito che si sta navigando. Sono esempi di cookies di terze parti quelli installati dai plugin social (per la condivisione dei contenuti) oppure i cookies di analisi delle visite. I cookie di terze parti non sono generalmente indispensabili per navigare, quindi puoi rifiutarli per default, attraverso apposite funzioni del tuo browser descritte sotto. Possono essere presenti di volta in volta, in funzione dei contenuti caricati, cookie di terze parti, ma non a scopo di profilazione.
Funzione
Cookie “tecnici”
Sono usati solitamente per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web.
Cookie “analytics”
Sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, e quindi elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo.
Cookie di widget social
Alcuni widget messi a disposizione dai social network (ad esempio Facebook, Twitter, YouTube, Google Maps, etc.) possono utilizzare propri cookies, cioè “di terze parti”. La disattivazione non compromette l'utilizzo del sito, se non nelle sezioni in cui possono essere installati widget (ad esempio per integrazione di video o mappe) ed in alcuni casi la possibilità di condivisione rapida dei contenuti o la possibilità di commentare alcune aree del sito.
Cookies di pubblicità
Questo sito NON fa uso di cookies di questa tipologia.
Pulsanti e widget di social network
Per fare in modo che i contenuti di un sito possano essere condivisi sui social network dai parte visitatori del sito, è possibile integrare nelle pagine gli strumenti (widget) messi a disposizione dei social network stessi.
Questi strumenti (solitamente blocchi di codice inseriti nelle pagine del sito ospite) possono raccogliere cookies di terze parti installati dai social network (ad esempio Facebook ,Twitter, YouTube, ecc.); il sito non condivide nessuna informazione con tali widget.
Per avere informazioni ulteriori riguardo ai cookies dei principali social network è possibile visitare i siti:
•Privacy Facebook
•Privacy Twitter
•Privacy Google
•Privacy LinkedIn
•Privacy Pinterest
Per disabilitare i cookie di servizi esterni che potrebbero essere richiamati all’interno di singole pagine è necessario agire sulle loro impostazioni:
•Servizi di Google
•Facebook
•Twitter
Per completezza di informazione, sono riportate di seguito le istruzioni sintetiche e i rimandi alle istruzioni complete degli sviluppatori su come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser per i principali browser disponibili.
Internet Explorer
Cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni Internet”. Infine accedere alle impostazioni della scheda “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
Firefox
Su Firefox, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni”. Infine accedere alle impostazioni della voce “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare i cookie
Google Chrome
Digitare “chrome://settings/content” nella barra degli indirizzi (senza virgolette) e modificare le impostazioni relative ai cookies come si desidera.
https://support.google.com/accounts/answer/32050?hl=it
Safari
Selezionare la voce “Preferenze” e poi scegliere “Privacy”. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT&viewlocale=it_IT
iPhone / iPad
Se si usa Safari su dispositivi portatili, come iPhone e iPad, è necessario invece agire in questo modo: andare sulla voce “impostazioni” del dispositivo e in seguito trovare “Safari” sul menù di sinistra. Da qui, alla voce “Privacy e sicurezza”, sarà possibile gestire le opzioni sui Cookie.
https://support.apple.com/it-it/HT201265
La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.
Raccolta di dati personali effettuata on line – Facoltatività del conferimento dei dati
In relazione alla raccolta di dati effettuata direttamente sul sito web si rende noto che le informazioni essenziali sul trattamento per questa via operato vengono fornite nel contesto della raccolta (es.: al termine di ciascun form di registrazione), mentre è sempre possibile accedere alla pagina web contenente l’informativa privacy resa in forma più articolata. Il conferimento dei dati richiesti è facoltativo, ma può risultare strettamente necessario per essere contattati dalla Tavola Valdese e fruire dei servizi dalla medesima offerti. Il loro mancato conferimento può, quindi, comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto. Si osserva, peraltro, che l’invio, facoltativo e volontario, di posta elettronica a ogni indirizzo email della Tavola Valdese (dominio chiesavaldese.org) comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella comunicazione inviata.
Modalità del trattamento dei dati
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, gli usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
Diritti degli interessati
La informiamo che l’art. 7 del D. Lgs. n. 196/03 conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti. In particolare, l’interessato può ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e che tali dati gli vengano comunicati in forma intelligibile. L’interessato ha, altresì, il diritto di ottenere l’indicazione dell’origine dei dati personali, delle finalità e modalità del trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e dei responsabili nonché dei soggetti o categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che ne possono venire a conoscenza. L’interessato ha, anche, il diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettificazione o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della disciplina nonché l’attestazione che dette operazioni sono state portate a conoscenza a coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi. L’interessato infine ha diritto di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento di dati che lo riguardano e al trattamento di dati personali che lo riguardano ai fini dell’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Può rivolgersi, per tutto ciò, allo scrivente Ente, Titolare del trattamento, con semplice comunicazione a mezzo lettera, fax o email.
Modifiche alla presente Informativa
La presente Informativa potrà subire variazioni ed i termini e le condizioni potrebbero cambiare. Vi preghiamo di prendere visione della data “Ultimo aggiornamento” in alto su questa pagina per sapere quando la nostra Informativa è stata rivista l’ultima volta. Qualsiasi variazione alla presente entrerà in vigore contestualmente alla pubblicazione della medesima sul Sito o attraverso il medesimo.
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi PRIVACY AND COOKIES  obbligatorio