16 Gennaio 2021
News
percorso: Home > News > Ecumenismo

Un sogno ecumenico di Domenico Maselli

03-03-2017 17:12 - Ecumenismo
Un´iniziativa a Lucca a un anno dalla scomparsa del pastore e professore

Un anno fa ci lasciava Domenico Maselli, pastore, professore di Storia del Cristianesimo, in una parte della sua vita anche deputato alla Camera. Alessandrino di nascita, proveniente dalla Chiese libere, ebbe Lucca come sua città d´adozione e Lucca lo ricambiò con affetto per tutta la sua lunga presenza in città come pastore della chiesa valdese. Ora, esattamente il 4 marzo, una giornata di studio e riflessione lo ricorda, ma soprattutto e ne lancia il «sogno». Intorno al tema «L´eredità di Domenico Maselli: il sogno ecumenico», si ritrovano infatti, a partire dalle 16 nella basilica di S. Paolino, studiosi e rappresentanti di varie confessioni e denominazioni, dal presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, Luca M. Negro («Presente e futuro del protestantesimo italiano») al prof. Riccardo Burigana («La Chiesa cattolica nel cinquecentenario della Riforma»), dal monaco camaldolese Emanuele Bordello («Interpellati dalla fede dell´altro») ad altri che interverranno o hanno dato sostegno all´iniziativa (l´arcivescovo Italo Castellani; il sindaco Alessandro Tambellini; Piero Stefani, presidente del Segretariato attività ecumeniche – Sae –; la teologa cattolica Serena Noceti, il past. Mario Affuso della Chiesa apostolica italiana, Marco Ricca del Centro culturale protestante «Pietro Martire Vermigli» di Firenze; Stefano Gagliano dell´ass. «Piero Guicciardini»; Franco Buzzi, prefetto della Biblioteca Ambrosiana di Milano, e il prof. Carmine Napolitano della Facoltà pentecostale di Scienze religiose).

A Paolo Ricca, docente emerito di Storia della Chiesa alla Facoltà valdese di Teologia di Roma, tocca il compito di svolgere una relazione il cui titolo coincide con quella dell´intera giornata: gli abbiamo chiesto di illustrarci il suo intervento. «Sono proprio i sogni – ci dice – che a volte hanno la forza di creare nuove realtà nella storia: se queste ultime non venissero sognate, non ce le potremmo immaginare. Ma lasciare un sogno in eredità è soprattutto una grande sfida per gli eredi che si riuniscono attorno a un suo testo, per la verità assai breve, in cui egli sognava la creazione di un centro ecumenico che "dovrà essere gestito dagli enti locali con pari presenza delle due Chiese"» – così le parole di Maselli stesso. Promotore di questo Centro ecumenico, nella sua visione, dovrebbe essere il Centro culturale «P. M. Vermigli» di Firenze. «La simbolica prima pietra del Centro – si legge ancora nella pagina lasciata da Maselli – dovrebbe essere posta il 1° novembre 2017 per celebrare il 500° anniversario della Riforma».

La peculiarità di questa idea sta nel fatto che gli Istituti ecumenici già presenti in Italia (l´Istituto San Bernardino di Venezia, gestito dai francescani, che cura specialmente, ma non solo, i rapporto con il protestantesimo; e l´Istituto San Nicola di Bari, un tempo gestito dai domenicani, che cura specialmente, ma non esclusivamente, i rapporti con l´ortodossia, ma anche il Centro di documentazione ecumenica fondato a suo tempo a Livorno dal vescovo Ablondi, e un servizio analogo svolto dal prof. Burigana a Venezia) sono stati fondati e svolgono la loro attività per opera di una sola confessione – nello specifico, la cattolica –, mentre qui si tratterebbe di un centro da crearsi da parte della Chiesa valdese (e magari altre chiese protestanti) e dalla Chiesa cattolica: sarebbe un fatto nuovo addirittura anche a livello europeo.

Un´altra peculiarità della struttura prefigurata da Domenico Maselli, tuttavia, è proprio quella di volerne affidare la gestione agli enti locali: «La sua sfida si propone di coinvolgere le città: Lucca e Ginevra; ovviamente bisognerà vedere se esse si sentiranno di impegnarsi e fino a che punto – prosegue Ricca –. Lucca a suo tempo fu "matrigna" nei confronti dei riformati, poiché negli anni 1550/60 li cacciò obbligandoli a rifugiarsi a Ginevra: lì costoro ebbero un successo anche di carattere civile oltre che religioso ed economico». A questo punto, se tutto il «sogno» si potesse realizzare, Lucca potrebbe ambire a diventare «città della Riforma»: Lucca cacciò, i riformati, insomma, li cacciò perché c´erano ed erano attivi, come, conclude Ricca, è dimostrato molto bene dagli studi di Salvatore Caponetto.

di Alberto Corsani


Fonte: Riforma.it
UN GIORNO E INA PAROLA
2021
VERSETTO DELL'ANNO
" Siate misericordiosi come è misericordioso il Padre vostro "
Luca ( 6 36 )

GENNAIO

Versetto del mese :
Molti van dicendo : " chi ci farà vedere il bene, se da noi , Signore, è fuggita la luce del tuo volto?"
Salmo ( 4 , 6 )

Salmo della settimana : 72





Mercoledì 13 Gennaio

«Un figlio onora suo padre, dove è l'onore che mi è dovuto?» Dice il Signore (Malachia 1,6)

Un uomo aveva due figli. Si avvicinò al primo e gli disse: «Figliolo, vai a lavorare nella vigna oggi». Egli rispose: "non ne ho voglia; ma poi, pentitosi, vi andò" (Matteo, 21, 28-30)

E non dovrei forse onorare questo Dio, dovrei non capire la sua bontà? Dovrebbe chiamare, e io non sentire, non percorrere la via che mi mostra? La sua volontà è scritta nel mio cuore, la sua parola lo rafforza per sempre: sopra ogni cosa devo amare Dio e il mio prossimo come me stesso.
Christian Fürchtegott Gellert



Romani 8, 26-0; Luca 5, 1-11


Preghiera


Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.

COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Gennaio 2021] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it