05 Luglio 2020
News

UNA PAROLA CHE LIBERA E GUARISCE (MARCO 7,31-37)

14-08-2016 11:52 - TEMPO DELLO SPIRITO
Gesù partì di nuovo dalla regione di Tiro e, passando per Sidone, tornò verso il mar di Galilea attraversando il territorio della Decapoli.
Condussero da lui un sordo che parlava a stento; e lo pregarono che gli imponesse le mani. Egli lo condusse fuori dalla folla, in disparte, gli mise le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; poi, alzando gli occhi al cielo, sospirò e gli disse: «Effatà!» che vuol dire: «Apriti!» E gli si aprirono gli orecchi; e subito gli si sciolse la lingua e parlava bene. Gesù ordinò loro di non parlarne a nessuno; ma più lo vietava loro e più lo divulgavano; ed erano pieni di stupore e dicevano: «Egli ha fatto ogni cosa bene; i sordi li fa udire, e i muti li fa parlare». (Marco 7, 31-37)


La maniera in cui interviene Gesù ci sembra molto particolare - sarebbe così semplice guarire qualcuno? Liberarlo dal suo isolamento?
Chi si è avvicinato a Gesù per chiedere un intervento a favore del compagno sordomuto ha avuto fiducia in Lui. Cosa avrà mai fatto Gesù? È incredibile - ma aldilà di tutte le supposizioni rimane un fatto: Gesù interviene e dà la possibilità di comunicare con gli altri e di essere come loro. Ora il giovane è una persona responsabile e partecipe.
Chi ha tramandato questo racconto ha fatto un´esperienza analoga. L´incontro con Gesù lo aveva cambiato. Gli ha cambiato mente e cuore. Così ha testimoniato dell´intervento liberatore e salvifico di Gesù Cristo.
Qualche volta vorremmo avere noi questo dono di operare dei miracoli.
Gesù ha fatto in modo che nessuno fosse tagliato fuori dalla società per malattia, per posizione sociale o per provenienza. E se ascoltiamo oggi questo racconto, non è un invito preciso rivolto a noi? Non esistono delle persone intorno a noi che sono limitate nelle loro azioni e nelle loro possibilità di comunicare con gli altri? Non è allora un invito a noi di aiutarle e prestare la nostra assistenza?
La comunità primitiva cercava di vivere questa realtà al servizio del più debole e del più bisognoso. Una società dove non esistevano più degli esclusi, proprio come nel Regno di Dio annunciato da Gesù.
Anche oggi uomini e donne sono al servizio del prossimo: in ospedali, in istituti ed anche in casa propria rendendo dei servizi di aiuto ai loro vicini come impegno per la fede.
Il miracolo di Gesù continua a fare effetto.
Gesù interviene nel nostro racconto semplicemente con le mani e la saliva, ma con l´aiuto dall´Alto, pregando "effathà"! apriti!
È la preghiera più breve.
Gesù con la sua Parola apre delle vie impraticabili e partecipa cose mai sentite.
Da questo racconto riceviamo il meraviglioso messaggio: che Gesù Cristo salva dall´isolamento e dà la vita; libera e guarisce per poter vivere.
Quante orecchie si dovranno ancora aprire! Quante lingue si dovranno ancora sciogliere!
Spero che si compia anche il miracolo che l´umanità potrà vivere in pace - discutendo, scambiandosi le esperienze, aiutandosi a vicenda. Una speranza nel miracolo messa sempre nuovamente a dura prova.
Questo è il grande miracolo che attendiamo quando preghiamo: venga il tuo Regno!

Fonte: Voce Evangelica

UN GIORNO UNA PAROLA

2020

L U G L I O
Versetto del mese:
L’angelo del Signore tornò una seconda volta,
toccò Elia, e disse:
«Alzati e mangia, perché il cammino è troppo lungo per te»
(I Re 19, 7)



Salmo della settimana : 106, 24-48

Domenica 5 Luglio
Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo (Galati 6,2)


Gioite, rallegratevi nel Signore, vostro Dio (Gioele 2, 23)
In cristo Gesù abbiamo la libertà di accostarci a Dio, con piena fiducia, mediante la fede in lui (Efesini 3,12)

Questo è il primo messaggio di Gesù. Nei più svariati modi Gesù ha liberato la gente che gemeva, oppressa dai pesi e dalle angosce della vita. Gesù l’ha fatto per indicare l’azione di Dio. Ogni sua azione voleva rendere evidente l’azione di Dio. E Dio agisce oggi come allora. Abbi fiducia! Dio vuole donne e uomini gioiosi, sollevati, liberi dalle ansie, dagli affanni e dalle angosce. Dio vuole questo anche per noi. Lascia che l’azione di Dio si compia in te secondo il suo volere. E poi apri gli occhi: intorno a tre ci sono persone preoccupate e angosciate. Aiutale a portare i loro pesi fin dove arriveranno le tue forze. E insegna loro ad aiutare gli altri/le altre, a portare i pesi e le angosce delle altre/degli altri.

Genesi 50, 15-21; Luca 6, 36-42: Giacomo 3, 13-18




Preghiera


Signore,
nella nostra stanchezza poni su di
noi la tua mano che ridona vigore;
Fa’ soffiare il tuo Spirito che dona
vita nuova.
Non lasciare che la nostra
Esistenza si spezzi in mille
Frammenti e disperda il suo senso
In mille incombenze quotidiane.
Donaci di udire ogni giorno
di nuovo la tua chiamata a
seguire i tuoi passi sul cammino
della nostra esistenza e donaci
di saperci rispondere con fede,
speranza e amore.
Con te, Signore, c’è sempre una
parola nuova da imparare,
nuova speranza in cui
porre fiducia. La nostra vita
sia un grazie a te, un canto di
riconoscenza per la tua grazia, il
tuo perdono la tua salvezza. Nel
nome di Gesù. Amen




Eventi

[<<] [Luglio 2020] [>>]
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account