19 Gennaio 2021
News
percorso: Home > News > News

Tre segnali da Wittenberg

22-07-2017 09:00 - News
Dal 29 giugno al 7 luglio si è svolta in Germania, a Lipsia e a Wittenberg, l´Assemblea generale della Comunione mondiale di chiese riformate, l´organismo che raccoglie oltre 225 chiese appartenenti all´ala calvinista-zwingliana della Riforma; chiese che nei vari paesi assumono denominazioni diverse: riformati, presbiteriani, congregazionalisti; in Italia ne fanno parte i valdesi.

Circa mille persone provenienti da più di 100 paesi hanno partecipato a questo incontro settennale, che cadeva proprio in occasione del 500° anniversario della Riforma protestante. Da esso sono emersi molti segnali forti per il cammino di unità dei cristiani: ne vorrei segnalare tre.

Anzitutto, l´adozione di una «Dichiarazione di fede sull´ordinazione delle donne», che recita così: «Dio, attraverso lo Spirito Santo, chiama sia le donne che gli uomini a partecipare pienamente a tutti i ministeri della chiesa». Circa un quinto delle chiese della Comunione non consacrano ancora le donne al pastorato; intanto l´Assemblea ha eletto come presidente dei riformati del mondo una donna pastore: la libanese Najla Kassab, che, predicando dal pulpito della chiesa luterana di Wittenberg ha detto: «Oggi, sul pulpito di Lutero, c´è una donna. Se Lutero lo avesse immaginato avrebbe aggiunto alle sue 95 tesi una 96esima domanda alla chiesa. E la domanda non sarebbe stata: "Perché c´è una donna sul pulpito?" bensì: "Perché ci è voluto tanto tempo?"».

Secondo segnale: la sottoscrizione, avvenuta il 5 luglio, della «Testimonianza di Wittenberg», una dichiarazione comune della Comunione mondiale di chiese riformate e della Federazione luterana mondiale, che ribadisce la ritrovata unità tra le due principali anime della Riforma protestante, quella luterana e quella riformata, appunto, riconosce la chiamata di Dio a una riforma continua, invoca una «rinnovata immaginazione» e passi concreti per approfondire l´unità, un´unità che deve diventare più visibile anche sul piano locale.

Terzo segnale: sempre nella città di Lutero, i riformati hanno aderito alla «Dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione» sottoscritta nel 1999 da cattolici e luterani, un documento che afferma che, nell´attuale situazione, la dottrina della giustificazione per grazia mediante la fede, che fu alla base della Riforma, non divide più i cattolici dai protestanti. Il Consiglio mondiale metodista l´aveva sottoscritta nel 2006; i riformati hanno voluto aderire sottolineando in particolare la relazione inscindibile tra la dottrina della giustificazione e l´impegno dei cristiani per la giustizia nel mondo.


Fonte: Riforma.it
UN GIORNO E INA PAROLA
2021
VERSETTO DELL'ANNO
" Siate misericordiosi come è misericordioso il Padre vostro "
Luca ( 6 36 )

GENNAIO

Versetto del mese :
Molti van dicendo : " chi ci farà vedere il bene, se da noi , Signore, è fuggita la luce del tuo volto?"
Salmo ( 4 , 6

Salmo della settimana : 40


Martedì 19 Gennaio

Il Signore mi ha unto per consolare tutti quelli che sono afflitti (Isaia 61,1b)
Beati quelli che sono afflitti, perché saranno consolati (Matteo 5,4)

Se la sofferenza di ogni povero ci rivela cristo, e ogni pena che alleviamo si trasforma in gioia, allora dio ha già edificato la sua casa tra noi, egli già abita il nostro mondo. Allora il suo volto ci appare già oggi nell’amore che abbraccia ogni cosa.
Claus-Peter März

Romani 9, 31 -10,8; Luca 6,1-5



Preghiera


Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.

COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Gennaio 2021] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it