21 Gennaio 2020

News
percorso: Home > News > News

Sì, anche con Facebook possiamo testimoniare l´Evangelo

06-02-2018 09:21 - News
Dal convegno del Primo Distretto valdese utili indicazioni per il lavoro dei «media» Alberto Corsani

Per una volta, benché protestanti convinti, derogheremo al principio dell´aut aut e diremo et, et. Parliamo di strumenti comunicativi e dunque di media. L´avvento, in successione sempre più rapida, di nuovi strumenti legati a Internet (e addirittura le innovazioni all´interno stesso della categoria dei social network) e la loro altrettanto rapida popolarità non devono portarci a rinunciare agli strumenti preesistenti.
Così l´informazione via web non porta necessariamente alla fine del giornale di carta; la possibilità di ascoltare trasmissioni in podcast non soppianta il palinsesto radiofonico strutturato in fasce orarie. Certo, però, in nessuno di questi ruoli ci si può improvvisare, ma vanno acquisite e fatte proprie nuove competenze.

Benvenuto è stato, dunque, il convegno organizzato dalla Commissione esecutiva del I Distretto delle chiese valdesi, sabato 3 febbraio a Torre Pellice («Se Gesù fosse su Facebook – comunicare attraverso i "social": una sfida possibile per le chiese, tra teologia e tecnologie»): un´occasione per fare il punto, anche attraverso il racconto di esperienze pratiche, già in corso a più livelli nelle singole comunità locali e tramite gli strumenti canonici e consolidati (Riforma L´Eco delle valli valdesi, Radio Beckwith evangelica – RBE, ma anche il sito www. chiesavaldese.org).

I lavori sono stati aperti dalla relazione di Daniel Cassou, pastore dell´Eglise protestante unie de France di cui è responsabile per la comunicazione: lungi dall´avere una natura esclusivamente tecnica, il suo intervento ha fornito i presupposti teologici ed ecclesiologici che hanno spinto la sua chiesa (ma il discorso vale per tutte) verso un deciso salto di qualità nella dotazione di strumenti per la comunicazione. Il web e i social network – ha detto – sono dei nuovi «luoghi» della chiesa, ed è lì, in questi luoghi che sono riferimento per l´80% dei giovani, che bisogna andare loro incontro per testimoniare l´Evangelo. Naturalmente bisognerà avere ben chiaro, prima, quale immagine di Dio pensiamo di dover dare attraverso queste nuove forme, in un´epoca che se ne sente solamente sfiorata. Se c´è una forte assonanza anche etimologica tra comunione e comunicazione, bisogna ricordarsi che lo scopo finale è quello della relazione fra le persone. Come protestanti, per natura, siamo disponibili a «stare in rete» e, non secondario, siamo sempre stati disponibili a metterci in discussione.

La mattinata è proseguita con gli interventi di Matteo Scali (RBE), che ha fra l´altro illustrato le diverse maniere in cui le chiese locali organizzano il loro sito, avendo monitorato nell´arco di due mesi l´evolversi delle loro pagine web. Al termine dell´intervento sono state messe in evidenza quattro condizioni per operare produttivamente: un mandato preciso; persone formate allo scopo; l´individuazione di uno spazio/tempo adeguato, in un´epoca in cui tutto avviene sempre contemporaneamente; la disponibilità a fare rete. Alberto Bragaglia, metodista, giornalista in Rai, ha posto in rilievo il carattere provvisorio di ogni acquisizione che si fa in questo settore: ciò che sembra all´avanguardia può essere velocemente modificato ed evolversi aprendo nuove strade. Ma, tra vecchi e nuovi media, ciò che sopravvive come esigenza primaria, anche per una chiesa, è la capacità di fornire un messaggio breve e icastico, che lasci il segno nel lettore o ascoltatore, magari partendo dal racconto di un´esperienza concreta.

Il pomeriggio ha visto l´esposizione di una serie di pratiche: un canale youtube (il gruppo giovani di Pinerolo); una pagina Facebook (chiesa di San Secondo di Pinerolo); l´esperienza di registrazione dei culti, nell´ora del loro effettivo svolgimento (RBE); la registrazione di un culto tenutosi ad hoc per Protestantesimo; l´esperienza dell´Eco delle valli in distribuzione gratuita, supplemento mensile di Riforma. La discussione finale ha consentito a Daniel Cassou di trarre delle conclusioni prendendo spunto dall´ormai imminente 17 febbraio: nel 1848 – ha detto – avete utilizzato dei fuochi per comunicare da una località all´altra l´evento delle Lettere Patenti di Carlo Alberto. Gesti forti attendono oggi di essere comunicati, con qualsivoglia strumento. Naturalmente tutto questo impegno presuppone anche un´altra condizione, emersa nella discussione in gruppi: avere chiara una teologia da cui partire; dopodiché entrano in gioco i diversi strumenti con cui portare, dentro e fuori le chiese, la testimonianza all´Evangelo che tutti e tutte ci muove. Ora, dunque, tocca alle chiese.


Fonte: Riforma.it

UN GIORNO UNA PAROLA


G E N N A I O
Versetto del mese:
““Fedele è Dio”
(I Corinzi 1, 9)


Salmo della Settimana: 133

Martedì 21 Gennaio

Io sono il Signore vostro Dio; vi ho fatto uscire dal paese di Egitto per liberarvi dalla schiavitù; ho spezzato il vostro giogo e vi ho fatto camminare a testa alta (Levitico 26, 13)
Cristo ci ha liberati perché fossimo liberi; state dunque saldi e non vi lasciate porre di nuovo sotto il giogo della schiavitù (Galati 5, 1)

Così come Gesù Cristo è la promessa di Dio per il perdono di tutti i nostri peccati, allo stesso modo e con stessa serietà è anche la potente pretesa di Dio su tutta la nostra vita; attraverso di lui siamo resi partecipi di una gioiosa liberazioni dagli empi vincoli di questo mondo per un libero, riconoscente servizio alle sue creature.
Dichiarazione di Barmen

Romani 9, 31 – 10, 8; I Corinzi 1, 10-17



Liberi dal peccato
commento a Galati 5, 1
Cristo ci ha liberati perché fossimo liberi; state dunque saldi e non vi lasciate porre di nuovo sotto il giogo della schiavitù

Mai come in questo periodo storico, l’uomo occidentale ha potuto godere di piena libertà: di pensiero, di parola, di stampa. Può vivere (o cercare di vivere) la vita che più lo attrae, senza dover superare troppi ostacoli esterni. Pur nella consapevolezza di tutte le problematiche politiche, sociali, legate alla comunicazione, ma anche interiori e psicologiche che rappresentano dei freni oggettivi per la nostra libertà, dobbiamo constatare che mai come ora, abbiamo, almeno potenzialmente, la possibilità di scegliere liberamente la nostra vita, di pensare con la nostra testa e di fare scelte ponderate.
E dunque Paolo non si rivolge a noi? Ha scritto per altri uomini e donne? E poi perché dice “state saldi”? Chi di noi vorrebbe rinunciare alla propria libertà? Non siamo forse diventati insofferenti a qualsiasi limite ci venga proposto o, peggio, imposto?
Ma quella che Dio ci offre, non è la libertà senza vincoli a cui oggi ambiamo, non è la libertà di diventare ricchi a spese di altri, di mangiare a sazietà dimenticando chi muore di fame a causa del nostro stile di vita, la libertà di distruggere il pianeta pur di avere qualche comfort in più, o di fare quello che desideriamo senza pensare alle conseguenze per gli altri esseri umani o per l’ambiente.
Quella che ci offre Dio è la libertà dal peccato, e dunque proprio la libertà dalla sopraffazione, dall’abuso, dalla corruzione nostra e del nostro ambiente naturale, ma a causa del nostro peccato, sempre riaffiorante, si tratta di una libertà che richiede disciplina, coraggio, senso di responsabilità.
Cristo ci ha liberati perché fossimo liberi. Liberi di seguirlo, liberi di accogliere quel genere di umanità che Gesù stesso rappresenta: la libertà di darsi liberamente agli altri. Di essere servi. La libertà di essere liberi dai compromessi, dalla sudditanza al dio danaro, di amare incondizionatamente, senza se e senza ma. La libertà di essere, senza tentennamenti, figli e figlie di Dio.
E dunque stiamo saldi e non permettiamo che nulla e nessuno ci ponga nuovamente sotto il giogo della schiavitù. Amen!
di Erica Sfredda




Preghiera


Signore, tu che ricostruisci ciò che noi distruggiamo,
Ti preghiamo:
ricostruisci la nostra vita.
Ricostruisci le nostre forze
quando le sciupiamo in cose inutili, quando
siamo logori e perdiamo coraggio.
Ricostruisci la nostra fiducia
Quando esitiamo davanti alle tue promesse,
quando ci facciamo vincere dalla confusione e
dall’amarezza, quando dubitiamo di noi stessi
e della nostra capacità di servirti,quando le
difficoltà diventano più grandi
della nostra poca fede.
Ricostruisci le nostre iniziative comuni,
quando l’egoismo le indebolisce,
quando troviamo più confortevole
evitare la fatica di agire
insieme con gli altri,
quando tentenniamo di fronte
agli obiettivi che insieme avevamo
riconosciuto come tua vocazione,
quando cediamo al rancore
e al risentimento,
quando non riusciamo più
a comprenderci pur essendo
membri della stessa chiesa.
Signore ricostruisci la nostra vita: ridonaci forza,
fiducia e iniziativa con l’energia che proviene
dall’unico fondamento,
che è Cristo Gesù. Amen




Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it