24 Novembre 2020
News
percorso: Home > News > News

Riformare il mondo musulmano?

22-02-2018 10:18 - News
Si sente dire e si legge regolarmente che il "mondo musulmano" dovrebbe riformarsi. Ma le cose, come spesso accade, sono molto più complesse

Lo scorso anno, nel quadro delle celebrazioni in occasione dei 500 anni della Riforma protestante, è riemerso un argomento molto (troppo) spesso messo in evidenza nelle analisi di vari media: l´idea secondo la quale il mondo musulmano avrebbe bisogno del suo Lutero, di una sua propria Riforma.

Un approccio problematico
Il primo problema con questo approccio è che rifiuta di tener conto del fatto che l´islam (come religione e come civiltà) ha avuto le sue proprie evoluzioni storiche, filosofiche, teologiche.
Esso si basa spesso su una concezione molto semplicistica del fenomeno religioso: l´islam sarebbe arrivato "dopo" il cristianesimo e i suoi problemi attuali sarebbero dunque un copia e incolla delle nostre guerre di religione o delle tensioni interne che hanno portato alla nascita del protestantesimo o dell´Illuminismo.
Questa analisi caricaturale dice più sulla scarsa conoscenza intellettuale della storia dei territori sia cristiani sia musulmani che sulla risposta da dare ai problemi attuali del mondo islamico.

Un certo semplicismo
Un altro grande punto debole di tale approccio riguarda meno Lutero e l´idea della Riforma quanto quella del cosiddetto "mondo musulmano". Certo, ci sono territori storicamente dominati da popolazioni cristiane e altri invece da popolazioni musulmane. Si possono trovare punti in comune legati alla storia in diversi Paesi noti come musulmani. Ed è chiaro che essendo i musulmani particolarmente presi di mira dalla propaganda dei jihadisti e degli islamisti radicali (l´estrema destra/destra radicale dello scacchiere politico nei paesi a maggioranza musulmana), un pericolo per la sicurezza e una cattiva influenza populista specifica sono punti in comune, negativi in questo caso, per l´insieme dei Paesi presi in considerazione.
Ma al di là di ciò, l´idea secondo la quale ci sarebbe un "mondo musulmano" denota ancora una volta un certo semplicismo e persino una certa ignoranza.

Occidentali e islamisti
Curiosamente questa ignoranza è condivisa da alcune persone del mondo occidentale con gli islamisti, che rifiutano anch´essi le differenze culturali, nazionali, storiche, l´impatto del passato recente (spesso coloniale) come quello della storia più remota, per vedere meglio un "tutt´uno" musulmano, una "umma" spacciata per unita. Ma la verità è molto più complessa.
Già nel mondo arabo le influenze culturali, i mutamenti sociali, la storia recente hanno creato un divario tra Maghreb e Vicino Oriente. Ci sono grandi differenze tra i due paesi che hanno lanciato la "Primavera araba", la Tunisia, la cui storia è così particolare, e l´Egitto, ex faro del mondo arabo oggi devastato dalle tensioni politiche, i blocchi islamisti e l´influenza religiosa nefasta proveniente dalla penisola araba.
L´Iran, per la sua storia, è radicalmente diverso da questo mondo arabo di per sé già diviso e dal suo vicino turco. E che dire delle differenze particolarmente rilevanti tra il "mondo musulmano" vicinorientale e l´Asia musulmana? Oggi occorre parlare di differenti mondi musulmani. L´umma esiste tanto poco quanto la cristianità. E in entrambi i casi è lecito dubitare che ci sia mai stata un´unità totale.

Approccio ideologico
Soprattutto, oggi, l´idea di un "mondo musulmano" necessariamente tagliato fuori dal nostro mondo non ha senso. Già, nella nostra storia intellettuale, costruire un muro tra le due sponde del Mediterraneo significa scegliere un approccio ideologico più che fattuale al nostro passato. E ancora oggi i grandi mutamenti intellettuali, politici, umani in "Occidente" (altra costruzione intellettuale più che una realtà) hanno necessariamente un impatto nel "mondo musulmano" e viceversa. E questo tanto più che adesso non ci sono soltanto "orientali" cristiani, ma anche "occidentali" musulmani. Pensare che sarebbe necessario un "Lutero" per risolvere i problemi attuali del mondo musulmano vuol dire anche cedere a un altro semplicismo, quello secondo il quale questioni come Daesh, il terrorismo islamista, le violazioni dei diritti umani in questa regione del mondo sarebbero un problema religioso.

Estremismo e religione
Certo, l´estremismo, che sia religioso o no (fascismo, comunismo), si presenterà sempre come la versione più "pura" di un sistema di pensiero. Ma perderemmo la nostra capacità di analisi critica non appena una questione tocca l´islam, al punto di non considerare gli aspetti storici, politici, sociali, geopolitici che troviamo dietro ciò che si presenta unicamente come estremismo religioso?
Non è possibile spiegare Daesh senza la guerra in Iraq del 2003 e gli sviluppi interni in Siria, fino alla guerra civile; l´evoluzione dell´islamismo radicale e del fondamentalismo pronto ad imbracciare le armi (per esempio i talebani) non si spiega senza il denaro dei paesi della penisola araba, in primo luogo l´Arabia Saudita; e non si comprende la diplomazia saudita senza tener conto della sua situazione politica interna e della sua geopolitica (competizione con l´Egitto di Nasser antislamista prima di tutto, poi contro l´Iran post rivoluzione).
Qui, se c´è bisogno di una riforma, è innanzi tutto quella del nostro pensiero che impone una visione antistorica e sconnessa delle questioni politiche/geopolitiche ogni volta che parla di una società non occidentale.

Influsso ultraconservatore dell´Arabia Saudita
Se vogliamo comunque accettare l´idea di un Lutero per il "mondo musulmano", si tratterebbe allora di una riforma/rivolta politica e geopolitica che mirerebbe a impedire che un solo Paese, l´Arabia Saudita, sia il custode dei due principali luoghi santi dell´islam, La Mecca e Medina. E più in generale a respingerne l´influenza ultraconservatrice che ha potuto riversarsi sul mondo arabo e oltre grazie ai petrodollari.
Questa riforma/rivolta rischierebbe però di scontrarsi con un problema enorme: il sostegno dei paesi occidentali all´Arabia Saudita e la loro capacità di chiudere gli occhi quando i grandi clienti delle nostre industrie belliche reprimono le proprie popolazioni (per esempio il Bahrein) oppure usano le armi che noi gli abbiamo venduto per distruggere un paese musulmano vicino (per esempio lo Yemen).

Recuperare una visione critica della storia
Se si vuole ad ogni costo proiettare la storia europea nel "mondo musulmano", non è di un nuovo Lutero che l´islam ha bisogno, ma piuttosto di un Castellione o di un John Locke, i quali hanno permesso, a modo loro, lo sviluppo di un approccio progressista alla religione, tappa essenziale verso l´Illuminismo. Ma anche in questo caso non è necessario cercare nella storia religiosa e intellettuale europea ciò che ha avuto un suo equivalente in diversi paesi a maggioranza musulmana. Ricordiamo per esempio Abu Bakr al-Razi, grande pensatore musulmano dei secoli 9. e 10., che propugnava un razionalismo capace di discernere il bene dal male senza l´aiuto di religioni rivelate o di libri sacri.
Chiunque desideri sostenere una qualunque "riforma" nell´islam non ha bisogno di sovrapporre la storia degli europei a quella dei musulmani vicinorientali, africani o asiatici e dovrebbe piuttosto promuovere una storia intellettuale dei paesi musulmani, troppo spesso ignorata, in Oriente come in Occidente.

(da Réforme; trad. it. G. M. Schmitt; adat. P. Tognina)




Fonte: Voceevangelica.ch
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

N O V E M B R E
Versetto del mese:
“Vengono piangenti e imploranti; li guido,
li conduco ai torrenti, per una via diritta
dove non inciamperanno”
(Geremia 31,9)




Salmo della settimana : 126


Martedì 24 Novembre

Tutte le estremità della terra hanno visto la salvezza del nostro Dio (Salmo 98,3)
Si prende forse la lampada per metterla sotto il vaso o sotto il letto? Non la si prende invece per metterla sul candeliere? (Marco 4,21)

Quando calano i raggi del sole, per portare luce a paesi lontani, là viene annunciata la tua misericordia, e la lode a te risuona mille volte. Perché, come la mattina va senza sosta per la terra a portare luce, così una preghiera ininterrotta in molteplici forme si schiude e risplende.
Raymund Weber



I Pietro, 13-21: II Pietro 2, 12-22


Seguire Gesù,
ascoltando la sua voce

commento a Marco 6, 34
"Come Gesù fu sbarcato, vide una gran folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore che non hanno pastore; e si mise a insegnare loro molte cose"


Il versetto ci introduce al racconto della moltiplicazione dei pani. È evidente che Marco vuole sottolineare due cose. Da una parte le molte persone, gregge disgregato (mi si scusi il bisticcio!), pecore disorientate, senza meta né scopo. Non c è un pastore, non ci sono punti di riferimento. Dall altra Gesù, solo, che ne ha compassione. Il verbo che esprime questo stato d’animo significa alla lettera “sentirsi muovere le viscere”. Diremmo “sentire stringere il cuore”.
Quante volte la Bibbia – che risale a tempi in cui l’agricoltura e la pastorizia erano al centro della vita – paragona Dio ad un pastore premuroso e attento e Israele ad un gregge più o meno obbediente ai suoi richiami. Ci vengono in mente il Salmo 23 e le immagini del Vangelo di Giovanni dove Gesù dice: Io sono il buon pastore.
Gesù ci invita a seguirlo ascoltando la sua voce. E nel racconto che segue, non solo “insegna molte cose”, ma sa nutrire materialmente. Questo nutrimento passa attraverso i suoi discepoli, che pur esitanti, riescono a trovare del cibo, a portarlo a Gesù che, con le sue parole, le sue richieste, i suoi inviti, coinvolge la folla e fa sì che tutti siano saziati.
Molti si son posti e si pongono tuttora come capi, guide, arringatori di folle, risolutori dei problemi dell’umanità. Si sentono pastori, ma – dice Gesù – sono estranei, mercenari, ladri, briganti. Non sono interessati alle persone, non gli si stringe il cuore, amano solo il potere.
Quanti milioni di pecore senza pastore, oggi! I clandestini che si accalcano sulle nostre spiagge per sfuggire alla fame, i profughi che per non morire sotto le bombe finiscono intruppati in campi senza speranza, le migliaia di disoccupati che cercano di sopravvivere con le loro famiglie, gli afroamericani che reclamano i loro diritti.
Sta a noi, la chiesa del Signore, testimoniare la misericordia di Gesù ed essere coloro che “danno da mangiare”, materialmente e spiritualmente ai milioni di persone che sono greggi senza pastore.

Emmanuele Paschetto






Preghiera


Ai tuoi piedi, Signore,
esponiamo il carico pesante
delle nostre perplessità, dei nostri affanni.
Attendiamo da Te sostegno, conforto e guida.
Soccorri coloro che sono nel bisogno,
consola quanti sono
variamente afflitti ed affretta
l avvento del Tuo Regno
di amore e di pace
su tutta la terra.
Amen
pst. M.Affuso


COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Novembre 2020] [>>]
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      
Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it