09 Dicembre 2019

News
percorso: Home > News > Ecumenismo

QUALE FUTURO PER IL MOVIMENTO ECUMENICO?

08-05-2018 15:17 - Ecumenismo
Il pomeriggio di sabato 5 maggio alla «Leopolda» a Pisa «dialogo» tra gli esperti Simone Morandini (autore del libro «Teologia dell´ecumenismo»), il sacerdote pisano don Severino Dianich e Stefano Giannatempo, pastore della chiesa valdese di Lucca

Quale futuro per l´ecumenismo? Intorno a questo tema ruota il recentissimo volume Teologia dell´ecumenismo (Edb, Bologna 2018) scritto da Simone Morandini, vicepreside dell´istituto di studi ecumenici «San Bernardino» a Venezia, in cui insegna Principi del dialogo ecumenico.

Un testo che ricostruisce la storia - complessa ed appassionante - di un secolo di cammino ecumenico: dai primi passi agli inizi del ´900 alla fondazione del Consiglio ecumenico delle Chiese, dal Concilio Vaticano II alle più recenti iniziative assunte da papa Francesco per favorire il dialogo tra confessioni. Fino a dispiegare una prospettiva più direttamente teologica dell´ecumenismo.

Il Gruppo di impegno ecumenico di Pisa e il Sae (Segretariato attività ecumeniche) di Livorno hanno invitato Simone Morandini a Pisa. Il prossimo sabato 5 maggio, dalle ore 16, nella sala convegni della Leopolda (a Pisa in piazza Guerrazzi 11) dialogheranno con lui in un incontro pubblico: don Severino Dianich, docente alla facoltà teologica di Firenze, e Stefano Giannatempo, pastore della chiesa valdese di Lucca. Introdurrà e modererà l´incontro Silvia Nannipieri, delegata per l´ecumenismo e il dialogo interreligioso della diocesi di Pisa.

«Il dialogo ecumenico - spiega Francesca Del Corso - sta vivendo una fase nuova, favorito da alcuni eventi - come i 500 anni della riforma protestante o il Sinodo panortodosso - e da numerose iniziative di papa Francesco». Alla luce di questi fatti nuovi - continua Del Corso - viene dunque da chiedersi: «quali possibilità si aprono per l´incontro e la collaborazione tra cristiani? È possibile sognare il superamento della condizione irriconciliata che ancora vivono le chiese?». L´incontro di sabato prossimo sarà dunque «l´occasione per verificare se davvero sia possibile parlare di una "primavera ecumenica", se davvero si possa intravvedere l´avvicinarsi di un´unità nella diversità tra le diverse chiese.

Suscita speranza, in tal senso, la crescita di consenso intorno alla dichiarazione congiunta sulla giustificazione: se il 31 ottobre 1999 essa era stata siglata solo da cattolici e luterani, successivamente l´hanno sottoscritta anche le chiese metodiste e l´anno scorso anche quelle riformate».



Fonte: Toscana Oggi

UN GIORNO UNA PAROLA

D I C E M B R E
Versetto del mese:
““...chi di voi cammini nelle tenebre, privo di luce,confidi nel nome del Signore
e si appoggi al suo Dio”
(Isaia 50,10b)


Salmo della settimana: 80

Lunedì 9 Dicembre

Nei vostri giudizi non avrete riguardi personali; darete ascolto al piccolo come al grande; non temerete alcun uomo, poiché il giudizio appartiene a Dio (Deuteronomio 1, 17)
Non giudicate, affinché non siate giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate, sarete giudicati (Matteo 7,1-2)


Il Sole di giustizia sorga nella chiesa in ogni momento e tutto il mondo lo possa vedere. Coinvolgi tutta la cristianità. La tua luce e magnificenza ci trasformino in messaggeri per tuta l’eternità.
Christian David

Isaia 25, 1-8; Isaia 44, 21-28



Preghiera


Signore, insegnaci a confessare il nostro
peccato. Dacci intelligenza, per comprendere
quanto esso sia divenuto parte di
un sistema economico e culturale che
genera miseria.
Dacci compassione per evitare di rimanere
prigionieri del risentimento e della
vendetta dei torti subiti.
Dacci creatività, per trovare i modi possibili
per rimediare ai nostri errori.
Dacci speranza, per scongiurare che il
nostro peccato ci getti nella tristezza e
nella depressione.
Dacci fede, per credere che per quanto
grande sia il nostro peccato,
la tua grazia è sempre e comunque
sovrabbondante, in Cristo Gesù, nostro
Signore.





Eventi

[<<] [Dicembre 2019] [>>]
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it