07 Maggio 2021
News

Perché l´abito suscita dibattito

30-11-2016 13:31 - Bibbia e attualità
Nei media la questione dell´abbigliamento viene presentata a volte come uno scontro di civiltà

Veste, kippah, turbante, velo: l´abbigliamento religioso attira l´attenzione. L´etnologa Jacqueline Grigo, studiosa delle religioni presso l´Università di Zurigo, ha seguito per un lungo periodo una donna musulmana, un sikh, un monaco buddista tibetano, una suora cattolica, un ebreo ortodosso e un membro della scena gothic metal. Nell´intervista spiega perché proprio l´abbigliamento islamico susciti reazioni particolarmente accese e perché gli insulti nello spazio pubblico contro una suora l´abbiano stupita.

Chi indossa abiti religiosi non passa inosservato. Tra ebrei ortodossi, evangelici mennoniti, monache o monaci buddisti, perché è l´abbigliamento islamico ad attirare tanta attenzione?
Come dimostrato da vari studi, in Svizzera l´informazione su temi religiosi è fortemente caratterizzata da giudizi di valore. Mentre il cristianesimo, l´ebraismo e le loro rappresentanti vengono giudicati a volte in modo positivo a volte in modo negativo, il buddismo è considerato quasi sempre pacifico, nonviolento, aperto, tollerante e non dogmatico. Nei confronti dell´islam prevalgono invece i giudizi negativi e nei media tale religione è presentata perlopiù in relazione con la politica, il conflitto o il terrorismo.

Come spiega questa informazione polarizzante?
In parte può essere ricondotta alla logica sensazionalistica dei media, che in questo modo alimentano le tendenze islamofobe e la xenofobia. Nei media viene evocato uno "scontro di civiltà", in cui il velo viene ridotto a simbolo di valori non condivisibili. L´abbigliamento femminile islamico viene spesso presentato in chiave ideologica ed è visto, da molti, come espressione della negazione di ciò che la nostra società vuole essere: libera, con pari diritti, sicura ed equa. L´abbigliamento islamico è cioè visto, molto spesso, in modo avventato e generico, come espressione di dipendenza, diseguaglianza, propensione all´uso della violenza e oppressione.

Il dibattito attuale non è in contraddizione con lo sviluppo della nostra società, che diventa sempre più plurale?
Crediamo di vivere in una cultura maggioritaria omogenea, in cui tutti abbiano gli stessi valori. Ma è da tempo che non è più così. La nostra società sta subendo una pluralizzazione e una individualizzazione a livello culturale e religioso. Ciò richiede da ogni singolo individuo la capacità di gestire la molteplicità, la non univocità e il mutamento. Ritengo che ciò costituisca uno dei presupposti alla base di una convivenza pacifica.

Nella sua tesi di dottorato si è occupata dell´abbigliamento religioso nel quotidiano. Ma la fede vissuta in modo visibile ha ancora posto nella nostra vita quotidiana?
La società secolarizzata prova irritazione nei confronti dell´abbigliamento religioso indossato nei luoghi pubblici. Lo collega generalmente a una mancanza di autodeterminazione, ad arretratezza, a chiusura sociale e a disinteresse estetico. La religiosità, secondo un´opinione diffusa, è una questione privata e non deve essere esibita in pubblico. A lungo si è pensato che con il tempo la religione sarebbe scomparsa dalla moderna e illuminata Europa. In tempi recenti si è però osservato un ritorno della religione che è percepibile anche visivamente, nello spazio pubblico.

Quale funzione assolve oggi l´abbigliamento religioso?
L´abbigliamento religioso possiede una varietà di possibili funzioni. Quale funzione assolva in una situazione concreta dipende dai singoli attori e comunità, ma anche dal contesto sociale e politico. Con l´abbigliamento religioso si manifestano appartenenza e identità, ma anche limitazione ed esclusione. Esso influenza la relazione di chi lo indossa con l´ambiente sociale e con la dimensione trascendente. L´abbigliamento religioso può servire al controllo e alla sottomissione degli individui, ma anche alla strumentalizzazione populista per obiettivi politici.

Lei ha seguito per un lungo periodo oltre venti persone credenti. Come interpretano quelle persone il loro abbigliamento?
Le interpretazioni e motivazioni personali per cui si indossa un abbigliamento religioso sono molto diverse. Per il monaco buddista intervistato l´abito rappresenta per esempio un sostegno nello sviluppo spirituale. Gli ricorda quotidianamente l´osservanza del voto, che costituisce un presupposto per lo sviluppo spirituale. Una musulmana spera, indossando il foulard, in una vita migliore nell´aldilà. Per il sikh i capelli non tagliati e il turbante sono un segno del suo rispetto verso Dio, mentre la suora cattolica esprime con il suo abito il proprio attaccamento alla comunità monastica. Ciò che colpisce è che da una prospettiva esterna l´abbigliamento religioso viene percepito soprattutto come segno di limitazione ed esclusione, mentre la persona che lo indossa non attribuisce quasi nessuna importanza a questo aspetto.

Come percepiscono le persone con un abbigliamento religioso le reazioni dell´ambiente circostante?
Molte riferiscono di esperienze di discriminazione che attribuiscono al loro modo di vestire: siano esse attacchi violenti, insulti, beffe o l´esclusione dal mercato immobiliare o del lavoro. Alcuni reagiscono ritirandosi dalla sfera pubblica. Altri fanno un passo avanti e cercano esplicitamente il dialogo con le persone non religiose o di altre religioni al fine di contrastare i pregiudizi ricorrenti. Le persone con un abbigliamento religioso parlano però anche di esperienze positive con l´ambiente sociale. Alcune persone sono interessate e pongono domande.

Queste reazioni influenzano la religiosità delle persone che indossano un abbigliamento religioso?
Sì. Le reazioni dell´ambiente possono portare a un più intenso confronto con la propria religiosità. Per alcuni ciò ha come conseguenza una rafforzata devozione. In altri casi questi confronti conducono a nuove interpretazioni delle proprie convinzioni religiose, in modo da poterle meglio conciliare con le opinioni correnti e le richieste della società.

Lei ha seguito anche una monaca in abito nero. Attacchi verbali, beffe, osservazioni sprezzanti, insulti aperti, minacce fanno parte delle esperienze negative nello spazio pubblico. Questo l´ha stupita?
Sì. Dal momento che le monache sono da tempo inserite nella tradizione religiosa svizzera e in parte sono anche impegnate nel sociale, davo per scontato che non incontrassero problemi in pubblico. E invece, come spiega una monaca, portando la veste del loro ordine si trovano a volte ad essere considerate "esotiche" o a suscitare sconcerto e disprezzo soprattutto da parte di persone giovani.

di Nicola Mohler
Jacqueline Grigo
Religiöse Kleidung. Vestimentäre Praxis zwischen Identität und Differenz



Fonte: Voce Evangelica
UN GIORNO UNA PAROLA
2021

M A G G I O
Versetto del mese
Apri la bocca in favore del muto, per sostenere la causa di tutti gli infelici
(Proverbi 31, 8)

Salmo della settimana: 45

Venerdì 7 Maggio

Tu sei il Dio della mia salvezza; io spero in te ogni giorno (Salmo 25,5)
Sappiamo che egli ci esaudisce (I Giovanni 5, 15)


Non voglio allontanarmi da Dio, perché lui non si allontana da me. In ogni strada Egli mi è di guida, perché io non mi perda. Mi porge la sua mano e, sera e mattina, provvede a me, in qualsiasi luogo io mi trovi.
Ludwig Heimbo
ld

Apocalisse 5, 6,14; Proverbi 25, 11-28


Prendersi cura dei fratelli e delle sorelle nel bisogno
commento a:
Non siate in ansietà per la vita vostra, di quel che mangerete, né per il corpo di che vi vestirete; poiché la vita è più del nutrimento e il corpo più del vestito. Osservate i corvi: non seminano, non mietono; non hanno dispensa né granaio, eppure Dio li nutre. E voi quanto più degli uccelli valete! Luca 12, 22-24
“Black lives matter”: le vite dei neri contano. È il motto del movimento attivista internazionale, originato all interno della comunità afroamericana, impegnato nella lotta contro il razzismo, in particolare contro gli omicidi delle persone nere da parte della polizia, riportato all attenzione dei media di tutto il mondo a seguito dell uccisione a Minneapolis più di un anno fa dell’afroamericano George Floyd, soffocato da un poliziotto che gli tenne un ginocchio premuto sul collo.
Tutte le vite contano. Non solo quelle dei “neri” d America che da oltre 150 anni dovrebbero avere pari diritti e pari opportunità dei “bianchi”. Contano le vite dei diversi popoli, conta la vita di ogni singolo essere umano che nasce sulla terra. Ma il rispetto della vita dovrebbe estendersi ad ogni essere animato, ad ogni creatura di Dio: siamo tutti figli e figlie del Signore dell universo, padre e madre di tutto ciò cui il suo amore ha dato l esistenza.
Anche in questo campo la Chiesa ha tradito rovinosamente la visione di Dio e l azione di accoglienza e di uguaglianza di Gesù, che diceva “Uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli... uno solo è il Padre vostro, quello che è nei cieli” (Matteo 23, 8-9). Dio che ha creato tutto e tutti “vuole che tutti siano salvati e vengano alla conoscenza della verità”, ribadisce la Prima lettera a Timoteo (2, 4).
Ci sono centinaia di milioni di persone che vivono in ansietà per sé e per i propri cari perché le condizioni di vita – spesso provocate da altre persone – li mettono in gravi difficoltà e pericoli.
Si può a queste persone dire “Andate in pace, scaldatevi e saziatevi”? chiede Giacomo nella sua lettera (cap. 2 vers. 6). No – ci dice Gesù in un grande racconto che Matteo ci riporta (cap. 25) – sta a te, sta a voi, che vi dite miei discepoli, condividere interessamento, impegno, vita con i fratelli e le sorelle che si trovano nel bisogno.
Questo è compito della Chiesa, questo è compito dei credenti in Cristo: far sì che nessuno debba essere in ansietà per la propria vita.
Oggi tocca a me, a te, alla mia e ad ogni chiesa prendere sul serio la sfida che il nostro tempo ci rivolge. Allora si realizzerà la promessa di Gesù: il Padre ci aiuterà e ci concederà quello che gli chiediamo (Matteo 18, 19).
Emmanuele Paschetto






Preghiera

Signore Dio nostro, è col cuore colmo di riconoscenza che oggi veniamo a Te per esprimerti il nostro grazie per ciò che hai fatto per noi offrendoci , immeritatamente, la tua misericordia, il tuo amore, la tua salvezza.
Non ci hai mai abbandonati; ci hai accompagnati fin qui, ci hai aiutati a rialzarci nei momenti di difficoltà e di sconforto; ci permetti di chiamarti Padre, che per ciascuno di noi significa insegnamento, protezione e prospettiva futura.
Perdonaci per le tante volte in cui ci siamo fatti sopraffare dallo scoraggiamento e dal dubbio dimenticando i numerosi interventi nella nostra vita; come i primi discepoli, con troppa istintiva leggerezza ti abbiamo rinnegato, tradito, vivendo così tutto il peso della nostra miseria umana che tu avevi già portato sulla croce per noi.
Abbiamo però sperimentato anche lo strattone che tu ci hai dato e che ci ha ricordato che nessuno ci strapperà dalla tua mano.
Per tutto questo, Padre, ti ringraziamo!
In questo momento in cui il Creato sta soffrendo per colpa degli uomini e questi sono sconvolti da tanti focolai di guerra, da ingiustizie sociali e da tante morti per il Covid 19, noi ti chiediamo, o Padre, che questo induca tutti a riflettere e i potenti della terra ad interrogarsi…..; fa che ciascuno possa alzare gli occhi verso di te, riconoscerti come Dio e che il tuo Nome possa essere santificato.
Ti chiediamo che lo Spirito santo rinnovi la nostra fede la fortifichi e ci renda davvero capaci di essere latori della tua luce nel mondo ritrovando quell’unità con Te e tra noi attraverso la quale il mondo possa capire che siamo tuoi figli e perciò testimoni della tua Parola.
Ti preghiamo per quanti sperano in Te, e per quanti non ti conoscono; per coloro che faticano a sopravvivere per le guerre, per la fame, per l ingiustizia umana, per tutti i diseredati.
Grazie per il sacrificio di Gesù per noi e per la sua vittoria sulla morte.
Ascoltaci Padre, ti preghiamo per Cristo nostro Signore. Amen



COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Maggio 2021] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it