13 Dicembre 2018
[]

News
percorso: Home > News > Ecumenismo

Papa Francesco frena sulla comunione al coniuge luterano

06-06-2018 10:54 - Ecumenismo

Sul tema dei matrimoni interconfessionali, il pontefice dà ragione ai vescovi tedeschi tradizionalisti. Alla Chiesa luterana: "Camminiamo insieme, ma senza fretta"

Dialogare con i luterani, sì. Trovare insieme nuove strade che possano portare a un confronto cattolici ed eredi di Martin Lutero, il monaco che 500 anni fa si ribellò al Papa. Certamente, ma senza esagerare. E soprattutto senza fretta e, soprattutto, senza correre il rischio di passare con la forza distruttiva di carri armati su tematiche importanti come i sacramenti, a partire dalla comunione.

Parola più, parola meno, è quanto a sorpresa papa Francesco - tramite il neo cardinale Luis Ladaria, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, l´ex Sant´Uffizio - ha fatto sapere ai vescovi cattolici tedeschi in merito ad una questione che sta molto a cuore ai cristiani di Germania, sia cattolici che luterani, la possibilità di darel´ostia consacrata durante il rito matrimoniale interconfessionale a uno dei due sposi di fede luterana. Casi molto frequenti tra i cristiani tedeschi, dove le Chiese cattoliche e luterane quasi si equivalgono dal punto di vista numerico.

Tant´è che la stessa Conferenza episcopale di Germania era pronta a dare il suo placet di fronte alle frequenti richieste di sposi di entrambi i riti, tra gli applausi e i convinti consensi di fedeli progressisti e promotori del cammino ecumenico, che con papa Francesco ha toccato punte mai raggiunte con i precedenti pontefici quando lo scorso anno lui stesso si recò a Lund, in Svezia, per partecipare al 500° anniversario della Riforma luterana, ricorrenza estesa da Francesco a tutta la Chiesa cattolica, gettando nel panico conservatori e tradizionalisti.

Il freno sul rito tra cattolici e luterani
Ma sull´Eucarestia e la distribuzione dell´ostia nei riti interconfessionali Bergoglio ha preferito tirare il freno nei giorni scorsi in due momenti, nell´udienza concessa lunedì 4 giugno in Vaticano a una delegazione della Chiesa evangelica luterana tedesca, e con la pubblicazione di una lettera dell´ex Sant´Uffizio.

Già nel discorso alla delegazione luterana papa Francesco si era mostrato piuttosto prudente, molto distante dal Bergoglio di Lunds e del placet alle celebrazioni della Riforma protestante in tutta la Chiesa cattolica. Nel dialogo ecumenico, la sorprendente puntualizzazione di Francesco, "dobbiamo camminare, proseguire: non con la foga di correre in avanti per guadagnare traguardi ambiti, ma camminando insieme con pazienza, sotto lo sguardo di Dio".
"Alcuni temi - ha aggiunto -, penso alla Chiesa, all´Eucaristia e al ministero ecclesiale, meritano riflessioni puntuali e ben condivise". Piuttosto chiaro il suo riferimento al tema dell´"intercomunione" con la possibilità di dare la comunione agli sposi non cattolici nel caso di coppie miste.

L´altolà nel giro di poche ore prendeva corpo con la diffusione della lettera sullo ´stop´ all´iniziativa adottata in proposito dalla Conferenza episcopale tedesca - guidata dal suo stretto collaboratore e cardinale di Monaco, il progressista Reinhard Marx - e al "sussidio pastorale" approvato a maggioranza dai vescovi tedeschi nel febbraio scorso, in cui si prevede che, in determinati casi e sotto l´accurato controllo del parroco sulla volontà degli aspiranti alla comunione, si poteva somministrare l´ostia anche a coniugi non cattolici nei matrimoni interconfessionali.
A sancirlo, una lettera del prossimo cardinale Ladaria redatta in accordo col Pontefice in seguito al vertice con i vescovi tedeschi in Vaticano del 3 maggio scorso, resa nota dallo stesso cardinale Marx, che a nome dell´episcopato tedesco ha spiegato che nel documento pontificio si sottolinea che "il testo del sussidio solleva una serie di problemi di notevole rilevanza. Il Santo Padre è perciò giunto alla conclusione che il documento non è maturo per essere pubblicato".

La vittoria dei vescovi tradizionalisti "dissidenti"
Nella lettera, confermata dalla Sala stampa vaticana, si manifestano inoltre "riconoscimento e apprezzamento" per "i molteplici sforzi ecumenici della conferenza episcopale tedesca, in particolar modo l´intensa collaborazione con il consiglio della Chiesa evangelica di Germania". Tuttavia, il papa ha vietato la distribuzione dell´ostia nei riti interconfessionali a fedeli luterani perché – si legge nel testo - "la questione dell´ammissione alla comunione di cristiani evangelici in matrimoni interconfessionali è un tema che tocca la fede della Chiesa e ha una rilevanza per la Chiesa universale", accogliendo in pieno una delle obiezioni che erano state formulate al Vaticano da sette vescovi tedeschi "dissidenti", tra cui il cardinale di ColoniaRainer Maria Woelki.

"Tale questione - aggiunge Ladaria - ha degli effetti sui rapporti ecumenici con altre Chiese e altre comunità ecclesiali, da non sottovalutare". Comunque, il papa non nasconde che questo suo veto possa bloccare il cammino ecumenico con i luterani e il dialogo all´interno dei vescovi tedeschi. "Il Santo Padre – è la conclusione della lettera - ha una grande preoccupazione che nella conferenza episcopale tedesca resti vivo lo spirito della collegialità episcopale. Come il Concilio Vaticano II ha sottolineato, là dove esorta che ´le conferenze episcopali possono oggi portare un molteplice e fecondo contributo acciocché il senso di collegialità si realizzi concretamente´". Ma senza fughe in avanti.




Fonte: Panorama.it

Eventi

[<<] [Dicembre 2018] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

UN GIORNO UNA PAROLA

BUONA DOMENICA

DOMENICA 30 SETTEMBRE - 19ª DOPO PENTECOSTE

Questo è il comandamento che abbiamo ricevuto da lui: che chi ama Dio ami anche suo fratello (I Giovanni 4,21)

Salmo della settimana: 56
Testi per il culto pubblico: Marco 12,28-34; Romani 14,17-19
Predicazione: Giacomo 2,1-13

Testi del giorno:

Nella mia angoscia invocai il Signore; il Signore mi rispose e mi portò in salvo (118,5)

In Cristo Gesù abbiamo la libertà di accostarci a Dio, con piena fiducia, mediante la fede in lui (Efesini 3,12)

Se ero assillato da una forte angoscia, la tua fedeltà mi è stata promessa. Tu hai sorretto chi inciampava e lo strapperai sempre al precipizio. Anche quando non vedevo la strada, la tua parola me l´ha indicata. La meta era vicina.

Jochen Klepper

PREGHIERA

Signore nostro Dio,
dacci di guardare al mondo in
cui ci hai messi con gratitudine,
come allo spazio che ci hai dato
perché ne gioissimo insieme a
tutti gli umani. Dacci di guardare
al mondo in cui ci hai messi
con responsabilità, e non come
padroni che non conoscono
limiti. Dacci di guardare agli
altri umani come esseri solidali
accomunati a noi dai nostri errori
e dalla tua promessa di vita.
Amen

Foto gallery

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata