22 Gennaio 2020

News
percorso: Home > News > News

Papa Francesco. Il teologo valdese Paolo Ricca sull´omelia di inizio pontificato

22-03-2013 09:43 - News
Ricca: "Tenerezza, amore, attenzione all´altro. Tutti temi evangelici"

Roma (NEV), 20 marzo 2013 - "Sono segnali positivi, direi, quelli espressi da Francesco, molto famigliari per coloro che vivono nel quadro della riflessione ecumenica", ha dichiarato all´Agenzia NEV il teologo valdese Paolo Ricca a conclusione della prima omelia tenuta, martedì 19 marzo, da papa Francesco per l´inizio del suo pontificato. "La custodia del creato è un programma addirittura del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) iniziato già negli anni ottanta. Un tema caro al movimento ecumenico mondiale, che per primo ha saputo lanciare la parola d´ordine ´Giustizia, pace e salvaguardia del creato´. Il fatto - ha proseguito Ricca - che il tema sia stato ripreso e riproposto con l´autorità che è propria del papa e che diventi un messaggio ´urbi et orbi´, mentre prima era in fondo un discorso non di minoranze, certamente, ma più limitato al CEC. Un´apertura che va certamente registrata con grande favore, così come pure l´insistenza fatta sulla tenerezza, sull´amore, sull´attenzione all´altro. Tutti temi evangelici: chiunque frequenti il Nuovo Testamento non può che rallegrarsi del fatto che, da quando c´è papa Francesco, da Roma giungano parole belle, buone e che fanno del bene a tutti noi, proprio perché sono le parole dell´Evangelo".

Alla celebrazione di inizio pontificato tenutasi ieri mattina in Vaticano tra i leader religiosi erano presenti 33 delegazioni di chiese cristiane, nonché del movimento ecumenico: tra questi il pastore luterano Olav Fykse Tveit, segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC), il vescovo Munib Younan e il pastore Martin Junge, rispettivamente presidente e segretario generale della Federazione luterana mondiale (FLM); John Upton, presidente dell´Alleanza battista mondiale (ABM); il pastore riformato Guy Liagre, segretario generale della Conferenza delle chiese europee (KEK); il catholicos armeno Karekin II; il metropolita Hilarion per il Patriarcato di Mosca. Storica la presenza ieri in piazza San Pietro del Patriarca Bartolomeo I. È la prima volta dallo scisma del 1054, che all´insediamento di un Pontefice assiste il Patriarca ecumenico di Costantinopoli."Un segnale molto bello - ha concluso Ricca - ma ricordo che l´ortodossia oggi è rappresentata essenzialmente dalla Chiesa russa. Se si fosse trattato del patriarca di Mosca e di tutte le Russie allora avrebbe avuto un significato più importante, ovviamente dal punto di vista politico; dal punto di vista spirituale molto bene la presenza di Bartolomeo I, che come patriarca di Costantinopoli è simbolicamente rappresentativo dell´ortodossia".

Questa mattina papa Francesco non ha tenuto la consueta Udienza Generale del mercoledì per ricevere alle 11 nella Sala Clemetina in Vaticano i "delegati fraterni".

Papa Francesco/2. Il moderatore valdese Eugenio Bernardini: "Caro fratello in Cristo"

In una missiva ricorda le analogie di Francesco d´Assisi e Valdo di Lione

Roma (NEV), 20 marzo 2013 - Il moderatore della Tavola valdese, pastore Eugenio Bernardini, lo scorso 15 marzo in un messaggio di saluto a papa Francesco ha scritto: "Mi rivolgo a Lei nei giorni in cui assume il ruolo di vescovo di Roma - si legge - per rivolgerle il saluto della Chiesa valdese. Possa il Signore benedirla e illuminarla nel suo ministero di annuncio dell´Evangelo".

Rilevando che il nuovo papa ha scelto il nome di Francesco, il moderatore Bernardini ricorda che il povero di Assisi fu coevo di Valdo di Lione e che i due condivisero "l´idea di una chiesa al servizio degli umili e degli esclusi, ispirata e rinnovata dalla Parola di Dio".

"Colpito dalle Sue prime parole e dai gesti che ha compiuto all´inizio del Suo ministero - prosegue il moderatore - non posso che sperare che nel suo ruolo Ella saprà dare impulso a una nuova stagione ecumenica nutrita da quel radicamento evangelico e da quello spirito di servizio ai bisogni dell´umanità che furono di Francesco e di Valdo. In questo senso speriamo e preghiamo perché tutti gli uomini e le donne che condividono il segno del battesimo in Cristo - cattolici, protestanti e ortodossi - possano incontrarsi e riconoscersi in un rinnovato cammino nell´unità di tutti i cristiani affinché il mondo creda".

Papa Francesco/3. I commenti evangelici dal Continente latinoamericano

L´amicizia del cardinal Bergoglio con il pastore valdese argentino Norberto Bertón

Roma (NEV), 20 marzo 2013 - Con l´elezione a pontefice del cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio in questi giorni sono stati numerosi i commenti dal mondo protestante latinoamericano. Alle reazioni a caldo raccolte nel numero speciale NEV 12/13 su papa Francesco uscito lo scorso 14 marzo, se ne sono aggiunte di nuove, in particolare quelle dei valdesi latinoamericani. Infatti, la chiesa valdese - che con l´emigrazione dal Piemonte si insediò più di un secolo e mezzo fa nel Rio de la Plata tra l´Argentina e l´Uruguay - non è affatto sconosciuta al nuovo papa. Bergoglio, come arcivescovo di Buenos Aires, è stato impegnato a vari livelli in attività ecumeniche: è quanto ha assicurato il pastore Delmo Rostan, già moderatore dei valdesi del Rio de la Plata. Secondo la sua testimonianza raccolta dal settimanale "Riforma", Bergoglio nutriva una intensa relazione di amicizia con il pastore valdese e professore di teologia Norberto Bertón, scomparso nel 2010. Negli ultimi anni di vita Bertón, malato e non più autosufficiente, fu invitato da Bergoglio a vivere in una casa di riposo per preti anziani; nel 2006 lo insignì del premio "Juntos Educar" istituito dall´arcidiocesi di Buenos Aires come riconoscimento dell´impegno per la promozione della cultura e dell´educazione. Dal nuovo papa l´ex moderatore Rostan si aspetta l´attuazione al Concilio Vaticano II, il superamento dei tabù in materia di morale sessuale, la ripresa del dialogo con la scienza ma anche nuovo slancio all´ecumenismo e ai rapporti interreligiosi. Per il pastore valdese uruguayano Oscar Geymonat, interpellato da Riforma, Bergoglio non è affatto insensibile all´incontro ecumenico con protestanti e altre correnti religiose, anche se sul fronte dell´etica è molto conservatore, nonché strenuo difensore dell´ortodossia cattolica anche a livello politico.

La ripresa del dialogo ecumenico "più intenso e profondo" è anche l´auspicio del moderatore del Comitato Centrale del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC), il pastore brasiliano luterano Walter Altmann, che nell´elezione di papa Francesco vede "una transizione della cristianità". Sulla stessa linea anche la pastora Romi Marcia Bencke, segretario generale del Consiglio nazionale delle chiese cristiane del Brasile (CONIC), che tra i suoi membri ha anche la chiesa cattolica romana.



Fonte: NEV

UN GIORNO UNA PAROLA


G E N N A I O
Versetto del mese:
““Fedele è Dio”
(I Corinzi 1, 9)


Salmo della Settimana: 133

Mercoledì 22 Gennaio

Se voi non avete fede, certo, non potrete sussistere (Isaia 7,9)
Combatti il buon combattimento della fede, afferra la vita eterna alla quale sei stato chiamato e in vista della quale hai fatto quella bella confessione di fede in presenza di molti testimoni (I Timoteo 6,12)

Ricomporre l’unità tra il tempo e la strada, ritrovare il legame tra la fede e la vita, ricondurre la Parola di Dio dal margine al centro, riscoprire la realtà della chiesa nel mondo: non è questa la consegna del mondo presente?
Vittorio Subilia

Galati 5, 1-6; I Corinzi 1, 18-25




Liberi dal peccato
commento a Galati 5, 1
Cristo ci ha liberati perché fossimo liberi; state dunque saldi e non vi lasciate porre di nuovo sotto il giogo della schiavitù

Mai come in questo periodo storico, l’uomo occidentale ha potuto godere di piena libertà: di pensiero, di parola, di stampa. Può vivere (o cercare di vivere) la vita che più lo attrae, senza dover superare troppi ostacoli esterni. Pur nella consapevolezza di tutte le problematiche politiche, sociali, legate alla comunicazione, ma anche interiori e psicologiche che rappresentano dei freni oggettivi per la nostra libertà, dobbiamo constatare che mai come ora, abbiamo, almeno potenzialmente, la possibilità di scegliere liberamente la nostra vita, di pensare con la nostra testa e di fare scelte ponderate.
E dunque Paolo non si rivolge a noi? Ha scritto per altri uomini e donne? E poi perché dice “state saldi”? Chi di noi vorrebbe rinunciare alla propria libertà? Non siamo forse diventati insofferenti a qualsiasi limite ci venga proposto o, peggio, imposto?
Ma quella che Dio ci offre, non è la libertà senza vincoli a cui oggi ambiamo, non è la libertà di diventare ricchi a spese di altri, di mangiare a sazietà dimenticando chi muore di fame a causa del nostro stile di vita, la libertà di distruggere il pianeta pur di avere qualche comfort in più, o di fare quello che desideriamo senza pensare alle conseguenze per gli altri esseri umani o per l’ambiente.
Quella che ci offre Dio è la libertà dal peccato, e dunque proprio la libertà dalla sopraffazione, dall’abuso, dalla corruzione nostra e del nostro ambiente naturale, ma a causa del nostro peccato, sempre riaffiorante, si tratta di una libertà che richiede disciplina, coraggio, senso di responsabilità.
Cristo ci ha liberati perché fossimo liberi. Liberi di seguirlo, liberi di accogliere quel genere di umanità che Gesù stesso rappresenta: la libertà di darsi liberamente agli altri. Di essere servi. La libertà di essere liberi dai compromessi, dalla sudditanza al dio danaro, di amare incondizionatamente, senza se e senza ma. La libertà di essere, senza tentennamenti, figli e figlie di Dio.
E dunque stiamo saldi e non permettiamo che nulla e nessuno ci ponga nuovamente sotto il giogo della schiavitù. Amen!
di Erica Sfredda




Preghiera


Signore, tu che ricostruisci ciò che noi distruggiamo,
Ti preghiamo:
ricostruisci la nostra vita.
Ricostruisci le nostre forze
quando le sciupiamo in cose inutili, quando
siamo logori e perdiamo coraggio.
Ricostruisci la nostra fiducia
Quando esitiamo davanti alle tue promesse,
quando ci facciamo vincere dalla confusione e
dall’amarezza, quando dubitiamo di noi stessi
e della nostra capacità di servirti,quando le
difficoltà diventano più grandi
della nostra poca fede.
Ricostruisci le nostre iniziative comuni,
quando l’egoismo le indebolisce,
quando troviamo più confortevole
evitare la fatica di agire
insieme con gli altri,
quando tentenniamo di fronte
agli obiettivi che insieme avevamo
riconosciuto come tua vocazione,
quando cediamo al rancore
e al risentimento,
quando non riusciamo più
a comprenderci pur essendo
membri della stessa chiesa.
Signore ricostruisci la nostra vita: ridonaci forza,
fiducia e iniziativa con l’energia che proviene
dall’unico fondamento,
che è Cristo Gesù. Amen




Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it