03 Luglio 2020
News
percorso: Home > News > Documenti

PAPA FRANCESCO LASCIA A FINE ANNO?

29-03-2016 15:06 - Documenti

Perché il 17 dicembre il pontefice sudamericano potrebbe far ritorno in Argentina

(Michael Meier) Alla fine di febbraio il presidente argentino Mauricio Macri ha incontrato Francesco. Tutti si aspettavano che dopo l´udienza avrebbe annunciato la visita del papa a Buenos Aires per il prossimo anno. Invece no, ha soltanto dichiarato in modo vago l´intenzione di Francesco di visitare la sua patria il più presto possibile. Non meno delusi sono i luterani tedeschi. Avevano invitato il papa alle grandi celebrazioni per la Riforma nel 2017 a Wittenberg. Lui però preferisce commemorare il 31 ottobre 2016 con i protestanti svedesi a Lund.
Stranamente, nessun viaggio papale per il 2017 è confermato. È vero che si parla già da tempo di visite pontificie a Fatima, in Brasile e in Colombia. Il Vaticano stesso, però, si mantiene riservato al riguardo.
L´interpretazione degli esperti di questioni ecclesiastiche è che alla fine di quest´anno Francesco potrebbe dare le dimissioni. Ciò sarebbe plausibile: il 17 dicembre 2016 compirà 80 anni. Raggiungerà l´età in cui i cardinali escono dalla cerchia degli elettori del papa e non vengono nemmeno più presi in considerazione per l´ufficio petrino. A questo papa piace mandare segnali. È vero che ha detto che non si dovrebbero ordinare papi di età superiore agli 80 anni, perché ciò li esporrebbe a pressioni. Tuttavia può immaginarsi delle dimissioni alla Benedetto non soltanto per sé stesso, ma come nuova “istituzione” del papato.
In un´intervista ha rincarato la dose: mette in conto un pontificato breve, da quattro a cinque anni, ma anche soltanto due o tre. Perché ha problemi di salute? Camminare lo affatica, la voce è debole. Da giovane dovettero rimuovergli un lobo del polmone destro. All´ultima messa di Natale sembrava che gli mancasse l´aria.
Se dovesse smettere a fine anno sarebbe stato papa nemmeno quattro anni. È ragionevole che potrebbe rendere note le sue dimissioni alla chiusura dell´anno santo, il 20 novembre, e dare il “buonasera” definitivo in occasione dell´ottantesimo compleanno. È per questo che procede a un ritmo così spedito? La sua agenda è piena di sinodi sulla famiglia, discorsi di fronte al Congresso degli Stati Uniti e all´Europarlamento, viaggi all´estero, prediche, visite a sinagoghe, moschee e carceri, canonizzazioni e riforme della curia. C´è dentro di gran lunga tutto ciò che costituisce un pontificato.

Mantenere il mito del riformatore
Con un ritiro anticipato Francesco manterrebbe una buona reputazione come paladino degli affaticati e degli oppressi. E favorirebbe la creazione del mito. In futuro incarnerebbe la leggenda dell´Argentina insieme con Eva Perón. Una donna bella e filantropica che muore prematuramente conserva per sempre la sua grazia. Un papa simpatico dallo slancio riformista che rassegna le dimissioni resta per sempre amato e alimenta la leggenda dell´innovatore tenuto a freno. Si perpetuerebbe il mito che era un papa delle riforme, purtroppo tenuto al guinzaglio dai gruppi reazionari nella curia, un agnello tra i lupi. E se fosse diventato papa già allora nel conclave del 2005, quando fu superato dal tedesco Joseph Ratzinger, avrebbe di sicuro realizzato ciò per cui nel suo pontificato troppo breve gli sono mancati il tempo e le forze.
Ma la Chiesa potrebbe permettersi due ex papi? Perché no? Il papa emerito Francesco si trasferirebbe da papa Benedetto emerito nei giardini vaticani e fonderebbe una comunità abitativa per anziani? No, Francesco tornerebbe nella sua Argentina, lui che non ha mai lasciato di buon grado la sua terra natia. Nel 1986, quando fu mandato in Germania per un dottorato, dopo pochi mesi fece ritorno in Argentina senza aver concluso nulla.
Perché nei suoi tre viaggi in America del Sud come papa non si è recato in Argentina? Perché faceva assegnamento sul suo ritorno definitivo nell´amata patria? Quando a marzo del 2013 i cardinali a Roma elessero il primo pontefice “dalla fine del mondo”, non pensarono che anche i papi possono soffrire di nostalgia. (Tages-Anzeiger, 06.03.2016)

Fonte: Voce Evangelica.ch

UN GIORNO UNA PAROLA

2020

L U G L I O
Versetto del mese:
L’angelo del Signore tornò una seconda volta,
toccò Elia, e disse:
«Alzati e mangia, perché il cammino è troppo lungo per te»
(I Re 19, 7)



Salmo della settimana : 106, 1-23

Venerdì 3 Luglio

Le tue mani mi hanno fatto e formato; dammi intelligenza e imparerò i tuoi comandamenti (Salmo 119, 73)
Questo è il suo comandamento: che crediamo nel nome del Figlio suo, Gesù Cristo e ci amiamo gli uni gli altri (I Giovanni 3,23)

Si può comandare di credere? Si può comandare di amare? A viste umane, la risposta è no a entrambe le domande. Nel primo caso, la fede deve essere una libera adesione a una parola che ci interpella e vogliamo con forza rivendicare la nostra possibilità di scelta, soprattutto quella di sottrarci e di dire no, la risposta che ci fa sentire autonomi e maggiorenni. Nel secondo caso, riteniamo forse ancora più assurdo ordinare di provare un sentimento, l’amore, il più alto dei sentimenti, che secondo noi sfugge addirittura al controllo della nostra razionalità, come il bambino capriccioso, Cupido, con cui lo rappresentavano gli antichi. Eppure la parola di Dio ci smentisce clamorosamente, riproponendoci sia il comandamento della fede in Cristo Gesù, sia il comandamento dell’amore per il prossimo. Quando Cristo Gesù ci afferra totalmente, saremo obbligati a divenire suoi schiavi, come successe fra tanti a Paolo di Tarso, servi suoi, privati del loro libero arbitrio, persone che non potranno non pregare quotidianamente «sia fatta la Tua volontà». E anche se il prossimo, magari ostile, o ributtante, antipatico, spregevole, odioso ci apparirà tutto meno che amabile, al nostro agire si imporrà perentorio l’ordine di amarlo, e non tanto a parole, ma a fatti, sull’esempio di Colui che fu capace di amare chi lo inchiodò sulla croce del Golgota.

Galati 3, 6-14; I Re 13, 1-10




Preghiera


Signore,
nella nostra stanchezza poni su di
noi la tua mano che ridona vigore;
Fa’ soffiare il tuo Spirito che dona
vita nuova.
Non lasciare che la nostra
Esistenza si spezzi in mille
Frammenti e disperda il suo senso
In mille incombenze quotidiane.
Donaci di udire ogni giorno
di nuovo la tua chiamata a
seguire i tuoi passi sul cammino
della nostra esistenza e donaci
di saperci rispondere con fede,
speranza e amore.
Con te, Signore, c’è sempre una
parola nuova da imparare,
nuova speranza in cui
porre fiducia. La nostra vita
sia un grazie a te, un canto di
riconoscenza per la tua grazia, il
tuo perdono la tua salvezza. Nel
nome di Gesù. Amen




Eventi

[<<] [Luglio 2020] [>>]
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account