21 Maggio 2022
News
percorso: Home > News > Ecumenismo

Osservatorio sull´Ecumenismo

22-05-2016 08:54 - Ecumenismo
Un nuovo gruppo di lavoro delle chiese metodiste e valdesi

L´ecumenismo è sempre più un elemento costitutivo della vita delle chiese protestanti storiche italiane. È ormai da molti anni che esiste una Commissione ecumenica bmv (cioè comune alle chiese battiste, metodiste e valdesi) che svolge un importante lavoro di consulenza e proposta teologica. Da qualche mese, la Tavola valdese ha costituito un nuovo strumento: un «Osservatorio sull´ecumenismo» con lo scopo, da un lato, di raccogliere informazioni sulle iniziative e sulle attività ecumeniche promosse dalle chiese locali o alle quali le chiese metodiste e valdesi aderiscono e, dall´altra, stimolare eventi di carattere ecumenico. Del gruppo, coordinato da Luca Baratto, fanno parte Maria Bonafede, Claudio Paravati, Margherita Ricciuti e Greetje van der Veer.

La costituzione dell´Osservatorio avviene nel clima della rinnovata tensione ecumenica che da alcuni anni anima molte chiese cristiane, e che si è concretizzata in alcuni segni particolarmente significativi.

Certamente, la visita di papa Francesco al tempio valdese di Torino nel giugno del 2015, (ricambiata da una visita in Vaticano di una delegazione metodista e valdese a inizio marzo); ma anche quella precedente, seppur in forma privata, alla Chiesa evangelica della Riconciliazione di Caserta, e quella successiva alla Chiesa luterana di Roma. Significative e promettenti sono anche le rinnovate relazioni con la Conferenza episcopale italiana che insieme alle denominazioni che costituiscono la Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei) sta organizzando un convegno sul protestantesimo che si terrà a Trento nel prossimo novembre. Le dichiarazioni fatte in queste ed in altre occasioni hanno reso evidente il cambiamento della strategia ecumenica della chiesa cattolica romana che, rimescolando le carte, ha contribuito alla creazione di un clima fraterno e di scambio. Il modello ecumenico dell´«Unità nella diversità» – che vede nelle diversità non più un ostacolo insormontabile, bensì gli elementi costitutivi di un patrimonio comune alle chiese cristiane – realizzato dalle chiese della Concordia di Leuenberg (luterane, riformate, unite e metodiste d´Europa) ma rifiutato da molti teologi cattolici, è a sorpresa entrato a far parte del linguaggio ecumenico di papa Francesco. Ciò contribuisce a dare una maggiore definizione e concretezza all´orizzonte ecumenico verso cui camminare.

In questo clima di rinnovate aperture, si avverte anche una maggiore esigenza di sperimentare forme nuove di azione e di collaborazione. Fra queste, il progetto «Mediterranean Hope» che vede la collaborazione della Federazione delle chiese evangeliche, della Tavola valdese e della Comunità di S. Egidio è un esempio particolarmente significativo. Ma anche in altri contesti, sono tante le iniziative, di portata e di risonanza minore, che si sviluppano e delle quali, da una località all´altra, manca fra le chiese la conoscenza, limitando così la possibilità di scambiarsi, anche al livello della ´base impegnata´ in queste attività, esperienze ed idee. Il lavoro dell´Osservatorio vuole iniziare da qui, da un «censimento» delle esperienze effettuate, progettate e in corso, dei partner coinvolti, delle loro ricadute positive e delle criticità riscontrate, con l´intento di socializzarne la conoscenza stimolandone altre. A questo scopo, sarà diffuso a breve alle chiese un questionario per la raccolta di queste informazioni, e le notizie ed i dati raccolti verranno poi messi a disposizione in un sito dedicato, offrendo nel contempo a tutta la chiesa la possibilità di conoscere ciò che si sta seminando, che sta crescendo e che si sta raccogliendo, sul terreno dell´ecumenismo.

Fonte: Chiesavaldese.org
UN GIORNO UNA PAROLA
2021

D I C E M B R E

Versetto del mese:

«Manda gridi di gioia, rallègrati, figlia di Sion!
Perché ecco, io sto per venire e abiterò in mezzo a te»,
dice il Signore

(Zaccaria 2, 10)


Salmo della settimana: 71
Venerdì 31 Dicembre
I miei giorni sono nelle tue mani (Salmo 31,15)

Il popolo venne da Mosè e disse: «Abbiamo peccato perché abbiamo parlato contro il Signore e contro di te; prega il Signore che allontani da noi questi serpenti». E Mosè pregò per il popolo (Numeri 21, 7)
Abbiate pietà di quelli che sono nel dubbio (Giuda 22)


Ci è stato donato un medico che è egli stesso la vita; Cristo, morto per noi, ha per noi ottenuto la salvezza. Invochiamo la tua bontà: continua a custodire anche in futuro i grandi e i piccoli, perché tu hai per noi pensieri di pace e non di male.

Ludwig Helmbold


Romani 8, 31b-39; Ecclesiaste 3, 1-15 ; Salmo 46; Matteo 13, 24-30


Preghiera



Rivelaci, o Dio,
l itinerario che ci hai preparato,
il cammino sul quale vuoi
che siamo in marcia.
Non lasciarci immobili,
ma scuotici e spingici avanti.
Rivelaci, o Dio,
la tua volontà di pace
affinché possiamo osare la pace.
Liberaci dalle false paure e dai
sospetti, rendici la semplicità
dell amore affinché sappiamo
forgiare gli strumenti della
giustizia, della dignità,
del cibo per tutti e
dell amore fraterno -
Rivelaci, o Dio,
la tua volontà di raddrizzarci e di
fortificarci affinché
gli zoppi camminino senza pena,
affinché i reietti siano accolti,
affinché gli esclusi siano reintegrati
nella famiglia umana,
ed affinché tu sia tutto in tutti
Amen

(Maurice Hammely)
dal quaderno della Cevaa
Riforma
COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
keyboard_arrow_left
Maggio 2022
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Maggio 2022
L M M G V S D
25
26
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
23-12-2021 / 08-12-2022 - eventi
Foto gallery
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie