18 Agosto 2019

News

Matteo 21, 9 di Paolo Ribet

19-03-2016 09:04 - Fede e spiritualità
«Le folle che precedevano e quelle che seguivano, gridavano: “Osanna al Figlio di Davide!...”»

C’è un fatto che mi ha sempre colpito, nella narrazione della “settimana santa”: l’evangelo di Matteo ci dice che, quando Gesù entrò a Gerusalemme, “la folla” lo osannava. Però, qualche capitolo più tardi, lo stesso Matteo afferma (27,20) che i sacerdoti e gli anziani persuasero “la folla” a richiedere Barabba e a far morire Gesù, per cui, alla richiesta di Pilato, tutti gridavano «sia crocifisso!».

È uno strano personaggio, “la folla”, che si muove ora in una direzione ora nell’altra, a seconda degli umori e delle circostanze. Ed è uno strano personaggio, perché è composto da molte persone, ognuna delle quali, presa singolarmente, può essere buona o cattiva come tutti gli altri. Ma quando questi singoli sono messi in gruppo e diventano “la folla”, ecco che la massa indistinta diventa un soggetto operante nella storia, assume una forza e una personalità sua propria, tanto da far paura anche alle persone più potenti – come Pilato.

Si potrà obiettare che non è detto che “la folla” che si stringe entusiasta intorno a Gesù fosse formata dalle stesse persone che poi ne chiedono la morte. Non credo, però, che questo sia importante nella narrazione di Matteo. Ambedue, infatti, rappresentano il popolo che ora acclama il Messia e poco dopo lo respinge.

«Osanna» è certamente un’espressione di gioia; ma il suo primo significato è: «Signore, salvaci!». Nella Domenica delle Palme, dunque, il popolo, pur nell’entusiasmo di quel momento, esprime la sua ansia e cerca una via d’uscita da una situazione disperata e disperante. Ma non ha la pazienza di aspettare – Gesù non promette, come Barabba, la lotta per la libertà, una vittoria immediata. E dunque: viva Barabba e che Gesù sia crocifisso!

Non è cambiata, “la folla”, nel corso della storia: ora acclama e domani maledice. Anche credenti molto seri si sono lasciati trascinare in questo vortice a cui è difficile sottrarsi. Ma solo tenendo lo sguardo fisso alla croce di Cristo, i suoi discepoli potranno restare saldi, senza farsi portare «qua e là da ogni vento di dottrina» (Ef. 4,14).

Stampa


Fonte: Chiesavaldese.org

UN GIORNO UNA PAROLA

A G O S T O
Versetto del mese:
Andando, predicate e dite: «Il regno dei cieli è vicino» (Matteo 10,7)


Salmo della settimana: 4

Sabato 17 Agosto

Così dice il Signore: «Fino a quando rifiuterai di umiliarti davanti a me?» (Esodo 10, 3)
Sottomettetevi dunque a Dio; ma resistete al diavolo, ed egli fuggirà da voi (Giacomo 4,7)

Dio immenso ed irraggiungibile, a volte guidi la nostra vita a grandi altezze, doni successo, salute, benessere. Fa che non diventiamo presuntuosi. A volte precipitiamo, sprofondiamo, soffriamo sotto il peso della malattia, della sconfitta e della tristezza. Fa che non disperiamo. Manda il tuo Spirito per poter fare ciò che ascoltiamo, e che perda potere su di noi, tutto ciò che ti resiste.
Jochen Denker

Filippesi 2, 12-18; Matteo 10, 5-15


Preghiera

Signore nostro, la tua Parola
ci cerca, la tua voce desidera il
nostro cuore per prendere dimora
in noi e da lì poter risuonare
nel mondo. Accogli la nostra
disponibilità, anche se fragile,
anche se piena di contraddizioni,
e vieni ad abitare in noi. Dona
la forza del tuo Spirito, respiro
di vita, che ci sostenga quando
la tua Parola brucia, che ci dia
il coraggio di andare avanti
quando nulla è chiaro, quando senza
te il nostro passo sarebbe troppo
incerto.
Ascoltaci, Signore nostro, nel
nome del tuo figlio Gesù, e donaci
il respiro del tuo spirito Santo.
Amen
da Riforma
del 29 marzo 2019



Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it