25 Settembre 2022
News

Matteo 10,40-42

25-11-2015 20:22 - Fede e spiritualità
di Marco Di Pasquale

«Chi riceve voi, riceve me; e chi riceve me, riceve colui che mi ha mandato. Chi riceve un profeta come profeta, riceverà premio di profeta; e chi riceve un giusto come giusto, riceverà premio di giusto. E chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d´acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è un mio discepolo, io vi dico in verità che non perderà affatto il suo premio».

C´era una volta un re, esiliato dal suo regno, che vagava ramingo e solo, di villaggio in villaggio. Se veniva alloggiato malamente e malamente sfamato, ma accolto da re, parlava con quelli di casa con tale confidenza come neppure quand´era a corte con i suoi più intimi. Così fa anche Dio, da quando è in esilio.

Questa breve storiella ebraica sembra spiegare molto bene il significato delle frasi di Gesù. Gesù invia i dodici apostoli in missione, esortandoli e incoraggiandoli, e termina con le parole che abbiamo letto. Perché mai questa missione? Forse per fare propaganda? La risposta di Gesù è un´altra: perché «chi riceve voi, riceve me; e chi riceve me, riceve colui che mi ha mandato». Gesù stesso è inviato in missione per portare l´evangelo; è questa la prima cosa che ci accomuna a lui, come cristiani. Ricevere qualcuno che porta l´evangelo, perché porta l´evangelo, significa ricevere Gesù stesso, e anzi Dio stesso: significa accogliere Dio presso di sé.

Quando diciamo che l´evangelo è Parola di Dio, non intendiamo semplicemente che "sta scritto nella Bibbia". La Bibbia è un libro, che può restare muto come qualsiasi altro libro, se non se ne coglie il messaggio. Intendiamo dire invece che, quando accogliamo l´evangelo, Dio sta realmente parlando con noi, proprio con noi - così familiarmente, come un tempo a corte neanche con i suoi più intimi. Ci sta parlando come alle persone a lui più a care, da lui più stimate. Accogliere chi porta l´evangelo, perché porta l´evangelo, significa accogliere Gesù come il Cristo; e accogliere Gesù Cristo, significa accogliere Dio come Dio: come desidera essere accolto.

Le parole di Gesù ci dicono anche di più. Egli sta dicendo, in sostanza: "Chi accoglie me, accoglie Dio come Dio; e chi lo accoglie in tal modo, partecipa della sua gloria". Quando accogliamo Gesù Cristo nella nostra vita, in noi stessi, siamo resi partecipi della gloria stessa di Dio. E la prima cosa che accade è che Dio ci parla, tanto intimamente, come solo ai profeti e ai giusti. Cosa? Ma se ciascuno e ciascuna di noi, guardandosi dentro, non può considerarsi più di un miserabile?! Eppure, Dio parla a noi, e ci associa alla sua gloria, già ora!

E in che consisterebbe questa gloria, a cui Dio ci associa? Questo premio, paragonabile a quello dei profeti e dei giusti? La gloria di Dio è visibile, ancora una volta, in Gesù Cristo: è una gloria che attraversa la sofferenza, e fin la morte e l´infamia, e su di esse s´innalza, dopo averle vinte. Ma la buona notizia è che il caro prezzo di quella gloria, alla quale veniamo associati, è stato pagato, interamente, dalle sofferenze di Gesù, che egli ha vinto.

Ecco perché, nell´ultimo versetto, si parla non dei grandi e dei giusti ma dei minimi, dei piccoli. La gloria di Dio è quella di Gesù Cristo, abbassato e umiliato, eppur vittorioso; la gloria di colui che era grande e si è fatto piccolo - la gloria di un re in esilio, come quello della storiella ebraica.

Ecco: noi cristiani e cristiane siamo piccoli, sofferenti, tutt´altro che giusti e grandi. Ma portiamo un messaggio di gloria e di salvezza, portiamo agli altri una persona che è la gloria e la salvezza di Dio. E se qualcuno ci dà un piccolo, misero bicchier d´acqua perché in qualche modo ha riconosciuto in noi quella persona, Gesù Cristo, quegli ha accolto il re in esilio, come re, e non perderà il suo premio.

Fonte: Chiesavaldese.org
UN GIORNO UNA PAROLA
2021

D I C E M B R E

Versetto del mese:

«Manda gridi di gioia, rallègrati, figlia di Sion!
Perché ecco, io sto per venire e abiterò in mezzo a te»,
dice il Signore

(Zaccaria 2, 10)


Salmo della settimana: 71
Venerdì 31 Dicembre
I miei giorni sono nelle tue mani (Salmo 31,15)

Il popolo venne da Mosè e disse: «Abbiamo peccato perché abbiamo parlato contro il Signore e contro di te; prega il Signore che allontani da noi questi serpenti». E Mosè pregò per il popolo (Numeri 21, 7)
Abbiate pietà di quelli che sono nel dubbio (Giuda 22)


Ci è stato donato un medico che è egli stesso la vita; Cristo, morto per noi, ha per noi ottenuto la salvezza. Invochiamo la tua bontà: continua a custodire anche in futuro i grandi e i piccoli, perché tu hai per noi pensieri di pace e non di male.

Ludwig Helmbold


Romani 8, 31b-39; Ecclesiaste 3, 1-15 ; Salmo 46; Matteo 13, 24-30


Preghiera



Rivelaci, o Dio,
l itinerario che ci hai preparato,
il cammino sul quale vuoi
che siamo in marcia.
Non lasciarci immobili,
ma scuotici e spingici avanti.
Rivelaci, o Dio,
la tua volontà di pace
affinché possiamo osare la pace.
Liberaci dalle false paure e dai
sospetti, rendici la semplicità
dell amore affinché sappiamo
forgiare gli strumenti della
giustizia, della dignità,
del cibo per tutti e
dell amore fraterno -
Rivelaci, o Dio,
la tua volontà di raddrizzarci e di
fortificarci affinché
gli zoppi camminino senza pena,
affinché i reietti siano accolti,
affinché gli esclusi siano reintegrati
nella famiglia umana,
ed affinché tu sia tutto in tutti
Amen

(Maurice Hammely)
dal quaderno della Cevaa
Riforma
COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
keyboard_arrow_left
Settembre 2022
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Settembre 2022
L M M G V S D
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
23-12-2021 / 08-12-2022 - eventi
Foto gallery
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie