20 Marzo 2019

News
percorso: Home > News > News

L´onda pentecostale e la scogliera cattolica

31-07-2018 08:22 - News
Sul numero di luglio della rivista di geopolitica "Limes" un saggio di Paolo Naso sulla "strategia del dialogo" inaugurata da papa Francesco nei confronti del mondo pentecostale

S´intitola "L´onda pentecostale e la scogliera cattolica" il saggio del politologo Paolo Naso pubblicato sul numero di luglio della rivista di geopolitica "Limes", dedicata a "Francesco e lo stato della chiesa".

L´articolo di Naso è inserito nella seconda sezione del volume, dedicata agli "sfidanti" della Chiesa cattolica. E certamente il movimento pentecostale può ben essere considerato un agguerrito competitor, in costante e consistente ascesa in Africa ma soprattutto in America latina, il continente del papa "venuto dalla fine del mondo".

Naso mostra come la "scogliera cattolica" si sia rapportata all´"onda pentecostale": dapprima con una aperta ostilità (reciproca), mitigatasi ai tempi del pontificato di Benedetto XVI "in omaggio alla comune convergenza su temi etici: no all´aborto, all´omosessualità e alle famiglie gay".

Bergoglio ha invece introdotto "una strategia del dialogo" basata sulle relazioni di fraternità. Secondo alcuni, si tratterebbe di una "teologia dell´amicizia" che "genera consenso a un prezzo molto basso". Secondo altri, sarebbe "l´ennesimo cedimento di un papa troppo orientato all´ecumenismo".

Naso propende per una terza analisi che vede il dialogo intrapreso da papa Francesco come "il frutto di un´esperienza e di un ragionamento sulle prospettive della cristianità che, proiettandosi verso il Sud globale, finisce per intercettare il pentecostalismo in tutta la sua rilevanza quantitativa e qualitativa".

Il saggio ricorda le frequentazioni dell´allora vescovo di Buenos Aires con il mondo pentecostale argentino; l´incontro in Italia, a Caserta, con il pastore Giovanni Traettino della Chiesa della riconciliazione; la richiesta di perdono per i cattolici che, facendosi forti della circolare Bufarrini Guidi del 1935 – quella che definiva il culto pentecostale "nocivo all´integrità fisica e psichica della razza" -, hanno perseguitato i pentecostali nel nostro paese.

In conclusione, secondo Naso, "la strategia di Francesco non è incidentalmente o strumentalmente dialogica. Provenendo dai ´confini del mondo´ dove il pentecostalismo cresce più rapidamente, il papa argentino sa bene che la sua crescita suona anche come critica alle forme tradizionali del cattolicesimo e come ricerca di una spiritualità alla quale le Chiese stabilite non sembrano saper dare risposta".

Riguardo al movimento pentecostale è da segnalare che l´ultimo numero della International Review of Mission, rivista del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC), è dedicata alla "Teologia pentecostale della missione" con articoli, in inglese, in larga misura a firma di esponenti del mondo pentecostale internazionale.

UN GIORNO UNA PAROLA

Salmo della settimana: 10

Mercoledì 20 Marzo

Noi faremo tutto quello che il Signore ha detto e ubbidiremo (Esodo 24, 7)
Gesù dice: « Chiunque avrà fatto la volontà del Padre mio, che è nei cieli, mi è fratello e sorella e madre» (Matteo 12, 50)

O Signore, inviami come hai fatto con i tuoi discepoli e tu stesso precedimi. Io ti voglio seguire, voglio stare con te ed esserti fedele. Dammi la forza.
Otmar Schulz

Giovanni 16, 29-33; I Samuele 16, 1-13






PREGHIERA

E’ buio, Signore, dentro di me, ma presso di te c’è la luce.
Sono solo, ma tu non mi abbandoni.
Sono impaurito, ma presso di te c’è l’ aiuto.
Sono inquieto, ma presso di te c’è la pace.
In me c’è amarezza, ma presso di te c’è pazienza.
Io non comprendo le tue vie, ma tu conosci la mia via.

Ravasi


Eventi

[<<] [Marzo 2019] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
23-03-2019 / 31-03-2019 - eventi
[ continua ]

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery

[]

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468
IBAN IT05 W062 6013 7081 0000 0012 067

info@luccavaldese.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata