18 Marzo 2019

News

Le strumentalizzazioni della croce

30-06-2018 08:24 - Bibbia e attualità
Riflessioni sulla norma che in Baviera stabilisce l´obbligatorietà dell´esposizione del crocifisso negli uffici pubblici.

La società e le chiese tedesche hanno recentemente vissuto un interessante dibattito: la stampa nostrana non se n´è accorta, naturalmente, ma esso, a mio giudizio, è di notevole interesse anche per il nostro paese e per le cristiane e i cristiani italiane (su Riforma ne avevamo parlato qui a inizio di maggio, ndr.).

Il Presidente del Consiglio della Baviera, Markus Söder, esponente della Democrazia Cristiana bavarese (alleata, non sempre comoda, del partito di Angela Merkel nel governo nazionale), evangelico luterano e a suo tempo chiamato dalla Direzione ecclesiastica a far parte del Sinodo regionale (incarico lasciato poco prima della nomina a Presidente del Consiglio), vara un decreto nel quale si stabilisce l´obbligatorietà dell´esposizione del crocifisso negli uffici pubblici. Motivazione: esso sarebbe «una presa di posizione visibile a favore dei valori fondamentali dell´ordinamento giuridico e sociale in Baviera e in Germania», nonché «il simbolo fondamentale dell´identità culturale cristiano-occidentale». In un primo tempo, Söder si era spinto a dire che il crocifisso «non è il simbolo di una religione». Da tempo il partito di Söder è impegnato in una campagna identitaria, nazionalistica e favorevole a politiche di immigrazione restrittive. L´uscita sulla croce va ovviamente inquadrata in tale contesto. Così vanno le cose di questi tempi. In Baviera, si capisce...

Tra i primi a reagire, il vescovo cattolico di Bamberg, Ludwig Schick, il quale afferma che la croce «non è il simbolo identitario di alcuna regione né di alcuno stato». Alcuni giorni più tardi, il cardinale Marx, arcivescovo di Monaco e Freising, rilascia un´intervista alla Süddeutsche Zeitung, nella quale afferma tra l´altro: il decreto semina «agitazione e polemica; «Il contenuto del simbolo della croce non può essere definito dallo stato, bensì dal messaggio dell´evangelo e dalla testimonianza delle cristiane e dei cristiani»; «se la croce viene considerata solo come un simbolo culturale, non lo si è capito». Così alcuni (non tutti, come si vedrà) esponenti cattolici. E gli evangelici?

Il Presidente del Consiglio della Chiesa Evangelica in Germania è il vescovo luterano di Monaco, Heinrich Bedford-Strohm. Prima di diventare vescovo, era un professore noto come esponente della «teologia pubblica», cioè di un orientamento che si propone di evidenziare la ricaduta sociale e politica del messaggio cristiano nel mondo d´oggi. Così egli si esprime su un noto quotidiano tedesco: la croce «non può essere ridotta a simbolo di un´operazione culturale o di radicamento identitario coronata da successo; essa è almeno altrettanto (mindestens genauso) il simbolo di una messa in questione di tutti i valori mondani, che induce a riflettere». Insomma: la croce non è solo un simbolo identitario, ma «almeno altrettanto» uno spunto di riflessione. Quanto a incisività teologica ed efficacia pastorale, in confronto a questo vescovo evangelico e «teologo pubblico», il cardinale Marx sembra Karl Barth; ed è sintomatico che un teologo iperliberale e decisamente polemico nei confronti del cattolicesimo e di Barth, come Friedrich Wilhelm Graf, giunga alla stessa conclusione, definendo la dichiarazione di Bedford-Strohm «irritierend unklar» (irritantemente poco chiaro). Ancor peggio, comunque, fa il vescovo luterano di Regensburg, Martin Weiss, in una dichiarazione congiunta con il collega cattolico Rudolf Voderholzer: essi ritengono il decreto bavarese «utile» anche per coloro «che non condividono la fede». Anche qui, difficile non concordare con Graf, che parla di un´«arrogante, autoritaria messa sotto tutela».

Sulla rivista della Chiesa evangelica in Germania, Zeitzeichen, si possono per fortuna leggere, oltre a quelli di Graf, altri commenti condivisibili: «Così non va», afferma ad esempio il caporedattore Reinhard Mawick. Egli si riferisce anzitutto alla strumentalizzazione di Söder, ma per certi aspetti il modo di esprimersi di Bedford-Strohm è altrettanto preoccupante. La teologia «pubblica» accusa quella «tradizionale» di essere astratta e lontana dalla realtà. Al contrario, bisogna cercare di parlare, naturalmente in termini «concreti», di temi rilevanti per i mitici «uomini e donne di oggi», ecc. ecc. Se le dichiarazioni del vescovo dovevano costituire un esempio in tal senso, diciamo che ci sono ampi margini di miglioramento.

La verità, come ha ben mostrato il card. Marx, è che la teologia, se è buona, o anche solo decente, è pubblica di per sé. Proprio perché nasce dalla croce, essa non ha alcun bisogno di strumentalizzarla, né la riduce a stimolo alla riflessione. La considera, invece, grazia e giudizio di Dio. Lo so, sono parole «religiose». Chi però le ha ben ascoltate, sa anche dire la parola «politica» che serve, quando serve e con la chiarezza che serve.

di Fulvio Ferrario


Fonte: Riforma.it

UN GIORNO UNA PAROLA

Salmo della settimana: 10

Lunedì 18 Marzo

Guai a quelli che mettono per iscritto sentenze ingiuste, per negare giustizia ai deboli, per spogliare del lo diritto i poveri (Isaia 10, 1-2)
Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà (Romani 12, 2)

Signore amorevole, liberaci da quell’atteggiamento difensivo che troppo rapidamente ci spinge a rifiutare e respingere, da quell’arroganza che troppo rapidamente ci porta a giudicare, da quella meschinità d’animo che ci impedisce di scoprire il bene presente nell’altro. Liberaci, Signore, affinché possiamo amare ed imparare
Dal Consiglio Ecumenico delle Chiese

Genesi 37, 3-36; I Samuele 14, 1-15




PREGHIERA

E’ buio, Signore, dentro di me, ma presso di te c’è la luce.
Sono solo, ma tu non mi abbandoni.
Sono impaurito, ma presso di te c’è l’ aiuto.
Sono inquieto, ma presso di te c’è la pace.
In me c’è amarezza, ma presso di te c’è pazienza.
Io non comprendo le tue vie, ma tu conosci la mia via.

Ravasi


Eventi

[<<] [Marzo 2019] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
17-03-2019 / 16-03-2019 - eventi
[ continua ]
23-03-2019 / 31-03-2019 - eventi
[ continua ]

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery

[]

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468
IBAN IT05 W062 6013 7081 0000 0012 067

info@luccavaldese.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata