26 Luglio 2021
News
percorso: Home > News > News

Le confessioni religiose fra nuovi linguaggi e nuove generazioni

26-04-2018 08:01 - News
Una serie di video-interviste a cura del sito www.chiesavaldese.org

Sul sito www.chiesavaldese.org ha preso il via pochi giorni fa una serie di video-interviste dedicate al confronto con le altre confessioni cristiane presenti nel nostro Paese (https://www.chiesavaldese.org/aria_video_player.php?video_id=50): per capire di che cosa si tratta abbiamo posto alcune domande al pastore Pawel Gajewski, che fa parte del gruppo di redazione del sito stesso.

«Si tratta di un progetto – ci dice – che si colloca nel solco del convegno ecumenico tenutosi ad Assisi dal 20 al 22 novembre 2017. Il convegno si è chiuso con una dichiarazione congiunta in cui il punto centrale è l´istituzione della Consulta permanente delle chiese cristiane in Italia. Così il gruppo di lavoro che cura i contenuti del sito www.chiesavaldese.org ha pensato di "camminare insieme" con alcune persone appartenenti alle principali confessioni cristiane – ma non quelle riunite nella Federazione delle chiese evangeliche in Italia – per mettere in evidenza la bellezza e la forza del dialogo».

– Si può dire che questo tipo di dialogo sia un frutto (non l´unico, certamente, ma uno dei molti) dell´anno 2017, che ha visto ricordare la Riforma protestante anche in chiave ecumenica? In questo senso è giusto dire che il 2017 non è ancora finito...

«Senz´altro sì. Il 2017 è finito ma siamo nell´"anno 501" della Riforma. Credo che sia importante costruire sul fondamento che sicuramente è stato posto durante il Cinquecentenario della Riforma. Senza entrare nel campo di una speculazione futurologica, si può affermare che i tempi di oggi sono tarati su una velocità ben diversa rispetto a quella dei primi secoli successivi al 1517. Nel corso degli ultimi cinquant´anni abbiamo raggiunto nel campo ecumenico risultati che tra il 1918 e 1968 erano inimmaginabili. L´obiettivo dunque, reale e simbolico al tempo stesso, potrebbe essere l´anno 2067, vale a dire il 550° anniversario della Riforma. Credo che su questo obiettivo debbano orientarsi le cristiane e i cristiani nati nel 2000. La nostra rubrica infatti è pensata per catturare anche la loro attenzione».

– E in effetti, proprio parlando di nuove generazioni a cui riferirsi, la prima intervista, di Sabina Baral con Enzo Bianchi, fondatore e già priore della Comunità monastica di Bose in Piemonte, ha posto in rilievo la necessità che le chiese cristiane adeguino i propri linguaggi e i propri strumenti per «leggere» una società in evoluzione sempre più rapida. Potrà questo essere un tema che ritornerà nei prossimi appuntamenti?

«Più che di un tema si tratta di un filo rosso che unirà i prossimi appuntamenti. Enzo Bianchi è l´esempio di un credente che riesce a testimoniare la propria fede senza fare ricorso al gergo ecclesiastico. Non dimentichiamo che per chi non frequenta – o non ha mai frequentato – alcuna chiesa, certi termini come "grazia", "giustificazione", "sacramenti" dicono poco o niente. La questione del linguaggio nel suo rapporto con la religione, da anni al centro dell´attenzione degli intellettuali del calibro di Luisa Muraro o Gianni Vattimo, dovrebbe diventare l´oggetto di una comune riflessione di tutte le chiese cristiane».


Fonte: Riforma.it
UN GIORNO UNA PAROLA
2021
L U G L I O
Versetto del mese
Affinché cerchino Dio, se mai giungano a trovarlo,
come a tastoni, benché egli non sia lontano da ciascuno di noi

(Atti degli apostoli 17, 27)


Salmo della settimana: 11


Domenica 25 Luglio
Ora siete luce nel Signore. Comportatevi come figli di luce, poiché il frutto della luce consiste in tutto ciò che è bontà, giustizia e verità (Efesini 5, 8-9)


Difendete la causa del debole e dell’orfano, fate giustizia all afflitto e al povero! (Salmo 82, 3)
Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e in verità (I Giovanni 3, 18)

In primissimo ordine dovremmo volgere il nostro zelo all amore in sé, che è il fine di ogni comandamento divino e l adempimento di tutta la legge. La chiesa, gli ordinamenti, le opere esteriori di ogni genere, perfino tutte le sante disposizioni dell animo sono inferiori a esso, e crescono di valore solo a mano a mano che si avvicinano; questo è dunque il nobile oggetto dello zelo cristiano. Che ogni sincero credente lo dedichi al Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo con tutto il fervore dello spirito, affinché il suo cuore possa espandersi nell amore di Dio e per tutto il genere umano, e tutto il suo agire sia solo questo correre verso la meta per ottenere il premio della celeste vocazione di Dio in Cristo Gesù.
John Wesley


Matteo 5, 13-16; Efesini 5, 8b-14; Isaia 2, 1-5














Preghiera




Poiché le tue parole, mio Dio,
non sono fatte per rimanere inerti nei nostri libri,
ma per possederci e per correre il mondo in noi,
permetti che, da quel fuoco di gioia da te acceso,
un tempo, su una montagna,
e da quella lezione di felicita,
qualche scintilla ci raggiunga e ci possegga,
ci investa e ci pervada.
Fa che come fiammelle nelle stoppie
corriamo per le vie della città,
e fiancheggiamo le onde della folla,
contagiosi di beatitudine, contagiosi della gioia

Madeleine Delbrel

COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
keyboard_arrow_left
Luglio 2021
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Luglio 2021
L M M G V S D
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it