21 Maggio 2018
News
percorso: Home > News > News

La guerra e la coscienza cristiana

22-03-2018 10:36 - News
Malgrado le parole evangeliche che esortano alla nonviolenza, la posizione dei cristiani si divide tra il rifiuto assoluto di portare armi e il sostegno pragmatico di una violenza ritenuta a volte necessaria

Di fronte alla guerra sono possibili due reazioni. La prima è profetica e ricorda il comandamento "non uccidere" e il suo sviluppo nonviolento nel Vangelo. La seconda è pragmatica, prende atto del fatto che il male esiste e ha elaborato la famosa teoria della guerra giusta.

Pragmatismo e profezia
Il Sermone sul monte, attribuito a Gesù di Nazareth, esorta a porgere la guancia destra quando ci percuotono la sinistra. È l´atteggiamento che il predicatore di Nazareth ha adottato di fronte ai suoi nemici. Sappiamo, dalla storia, che quell´atteggiamento lo ha portato alla morte, e nella maniera peggiore possibile, inchiodato su di una croce. Coloro che difendono sino all´ultimo questa posizione dicono che il ruolo dei cristiani non è di governare il mondo, ma di essere testimoni del Regno.
Chi ha un atteggiamento pragmatico nei confronti della questione, riconosce che il male esiste, che una società deve fermarlo e che il diritto alla sicurezza è un diritto umano. Il Vangelo, affermano, chiama a essere cittadini responsabili, in particolare di fronte al male.

Pacifismo e violenza
I profetici si basano sull´autorità di Gesù che ha sempre rifiutato ogni atto di forza. Ha vinto il mondo con la disfatta della croce che, con un capovolgimento paradossale, è anche la vittoria del Vangelo. I pragmatici si basano sui brani del Nuovo Testamento che affermano che bisogna essere sottomessi alle autorità civili la cui funzione è di fermare il male. La preghiera per le autorità che possiedono la chiave della pace civile appartiene alla tradizione liturgica della Chiesa.
I pragmatici rimproverano ai profetici il loro idealismo facendo l´esempio della seconda guerra mondiale. Non ci sono momenti in cui il pacifismo è una viltà e una sottomissione al regno del male? I profetici rimproverano ai pragmatici di sottovalutare l´ingranaggio della violenza facendo l´esempio della prima guerra mondiale che sarebbe dovuta durare appena qualche settimana. È difficile fermare una logica e il bilancio della Grande Guerra si chiude con dieci milioni di morti senza contare gli innumerevoli feriti.

La coscienza al bivio
Il dibattito tra profetici e drammatici è vecchio quanto il cristianesimo. Non è sicuro che possa esserci una posizione assoluta e senza tempo. La verità si trova forse nella tensione tra i due atteggiamenti. Nel suo saggio Le lettere di Berlicche Clive Staples Lewis riporta le lettere di Berlicche a suo nipote che ha la missione di trascinare sulla cattiva strada un giovane gentiluomo inglese. Quando viene dichiarata la guerra, il diavolo esperto scrive: "Non mancare, nella tua prossima lettera, di darmi un resoconto completo delle reazioni dell´ammalato alla guerra, così che si possa studiare se sarà meglio farlo diventare un appassionato patriota oppure un ardente pacifista".

Non c´è una guerra giusta
Detto ciò, non bisogna mai dimenticare tre punti. Tutti sono contro la guerra, tranne i mercanti d´armi che hanno sempre argomenti umanitari per giustificarla. Non bisogna essere troppo creduloni, questi argomenti sono soltanto un paravento per i loro interessi economici. Le guerre in Iraq e in Afghanistan sono costate centinaia di miliardi di dollari. Se nella loro grande generosità, i Paesi occidentali avevano da offrire questa somma agli afgani e agli iracheni, non c´era un modo più intelligente di utilizzarla?
La guerra è sempre sporca e ingiusta. Non c´è mai una guerra giusta, sebbene a volte si possa considerare una guerra necessaria. La guerra è prima di tutto un gigantesco sperpero di energia, di vita, di famiglie, di speranza e di futuro. Sulla base della propria esperienza Hélie de Saint Marc ha scritto: "Non c´è una guerra gioiosa o una guerra triste, una guerra bella o una guerra brutta. La guerra è il sangue, la sofferenza, i visi ustionati, le pupille dilatate dalla febbre, la pioggia, il fango, gli escrementi, l´immondizia, i ratti che corrono sui corpi, le ferite mostruose, le donne e i bambini trasformati in carogne. La guerra umilia, disonora, degrada. È l´orrore del mondo riunito in un parossismo di sangue e di lacrime".

Meglio la nonviolenza
È difficile giustificare la guerra in nome di Dio. Dietrich Bonhoeffer fu uno degli organizzatori della Chiesa confessante in Germania. Il suo studio del Sermone sul monte radicò in lui la convinzione che il cristiano deve essere pacifista. Ma quando fu persuaso a collaborare nella preparazione di un attentato contro Hitler non cercò di giustificare il suo atteggiamento, riconobbe che il suo comportamento era condannabile da un punto di vista evangelico. Aggiunse semplicemente: "Preferisco correre questo rischio che lasciare massacrare delle persone... e spero nella grazia di Dio".
Questa riflessione è notevole nella misura in cui non cerca di edulcorare la parola del Vangelo. Jacques Ellul ha teorizzato questo atteggiamento dicendo che se un giorno si fosse costretti alla violenza bisognerebbe continuare a credere alla fecondità dell´affermazione radicale della nonviolenza.
(da Réforme, trad. it. G.M. Schmitt)


Fonte: voceevangelica.ch

Eventi

[<<] [Maggio 2018] [>>]
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

UN GIORNO UNA PAROLA

SABATO 19 MAGGIO

Egli guarisce chi ha il cuore spezzato e fascia le loro piaghe (Salmo 147,3)

Gesù li accolse e parlava loro del regno di Dio, e guariva quelli che avevano bisogno di guarigione (Luca 9,11)

Tu sei il pastore che porta le pecore deboli, portami nelle nelle tue braccia. Tu sei il medico che si prende cura dei malati, vieni a me nella tua misericordia. Io sono in verità debole e malato; vieni a me, porgimi la tua bevanda di vita, donami ristoro con la tua benedizione.

Joachim Neander

Giovanni 16,5-15; Ebrei 9,16-28

PREGHIERA

Il Cristo vivente è con noi e con
tutta l’umanità,
tutti i giorni fino alla fine dell’età
presente.
Camminiamo in pace, nella
forza della fede, nella solidarietà
dell’amore e nella gioia della
speranza, e la pace di Dio ci
custodisca, ora e sempre. Amen.

IL SERMONE DI STEFANO

Marco 1,14-20

domenica 21 gennaio 2018 - Omelia presso la Cattedrale di Lucca durante la SPUC

"Convertitevi e credete al Vangelo". Care sorelle e cari fratelli, convertirsi significa cambiare rotta decisamente, in modo drastico, come sanno bene i navigatori che oggi usiamo nelle nostre auto e che insistono quando sbagliamo strada: "fare inversione di marcia appena possibile".

E spesso consideriamo questa conversione in relazione ad una cattiva abitudine, che chiamiamo peccato.
Ma qui l´vangelo di Marco presenta un cambiamento di rotta per andare verso qualcosa di bello, anzi di bellissimo, che attrae e che che conquista:
La persona di Gesù.

Queste sono le prime parole della predicazione di Gesù in Marco.
Giovanni il battista è fermo, prigioniero: Gesù al contrario cammina, inizia il suo movimento e il suo ministero. Dicendo: il tempo è compiuto, il regno è vicino.
Convertitevi, e credete al vangelo, cioè alla buona notizia, una buona notizia che si capisce subito, ha molto a che fare con questo giovane uomo che predica, anzi, lui è la buona notizia. Se ne accorgono ben presto le persone che lo seguono.
Tra queste persone ci sono i primi quattro discepoli, che lui chiama mentre sono immersi nella loro normale vita quotidiana di pescatori della Galilea.
Interessante che un simile invito ci venga rivolto in questa domenica nella settimana di preghiera per l´unità dei cristiani: occasione per cui mi trovo qui, in questa chiesa che è il cuore della Diocesi di Lucca: grazie vescovo Italo, grazie don Mauro Lucchesi per l´invito e per l´accoglienza.
Che cosa può dirci questo vangelo di oggi a livello ecumenico? Vi propongo tre percorsi di riflessione.

Il primo: cosa vuol dire convertirsi in senso ecumenico? il nostro ecumenismo ha bisogno di conversione? Qualcuno ha detto - don Mauro me lo ha ricordato ieri sera - che noi cristiani delle diverse chiese siamo come i raggi di una ruota, e al centro c´è Cristo. Più ci convertiamo insieme, e più andiamo verso il centro della ruota.
La conversione non è un movimento disordinato o a zig-zag che ci porta in direzioni diverse, come le nostre divisioni hanno fatto nei secoli: la conversione è un´esperienza tanto spirituale quanto umana che ci porta per forza verso il centro della nostra comune fede, che è Cristo.
E quel vangelo, quella buona notizia a cui Cristo ci invita a credere, è la stessa buona notizia per noi tutti e tutte: la buona notizia di un Dio follemente innamorato dell´umanità che ci cerca, ci perdona, ci ama, ci salva.
In senso ecumenico convertirsi significa fare la stessa strada verso Dio, rinunciare insieme a ciò che ci rallenta in questo cammino, come i pregiudizi, la scarsa conoscenza tra di noi, la paura infondata di contaminarci. Convertitevi e credete all buona notizia.

La seconda riflessione: cosa vuol dire seguire Cristo in senso ecumenico?
in che modo lo seguiamo? facciamo a gara per vedere quale chiese sia la più brava? lo seguiamo perché nessuno in fondo è bravo a seguirlo come noi? o come due amici seduti in riva al lago, cerchiamo di pescare più uomini dell´altra chiesa, di convertire più fedeli degli altri?
O non è in fondo anche questo un segno di unità? seguire Cristo: quante storie di vita e di fede sono presenti qui oggi in ciascuno e ciascuna di noi. Storie vere, vissute, fatte di certezze e di dubbi, di gioie e di dolori, tutte accomunate dall´esperienza di aver voluto un giorno seguire questo Gesù.
In senso ecumenico seguire Cristo significa di nuovo caminare insieme, anche se per sentieri diversi, dietro alla stessa identica persona. Dietro, e non davanti, antica tentazione di tutti, specie dei ministri delle chiese. A ragione le nuove traduzioni della Bibbia preferiscono tradurre "venite dietro a me" invece del classico "seguimi". Non si sa mai.

Terza riflessione: è curioso che la chiamata sia rivolta ai primi quattro discepoli mentre si trovano su due barche diverse, anche se in fondo si fa la stessa cosa, lo stesso mestiere di famiglia.
La barca è un antico simbolo della chiesa. Forse mi azzardo forzando il testo, ma penso alle nostre barche, alle nostre chiese.
E poi, altra curiosità o coincidenza, su queste barche si trovano Simon-Pietro, Andrea, Giovanni, grandi protagonisti nella compagnia dei dodici, e per alcuni teologi simbolo Simon-Pietro dei cattolici, Andrea degli ortodossi, Giovanni dei protestanti (anche se altri giustamente propongono Paolo piuttosto che Giovanni). Può suonare strano, ma per seguire Cristo devono lasciare la loro barca. Non fraintendermi: non è un invito a lasciare le nostre chiese, ma piuttosto questo lasciare la barca sembra dirci di non fare della propria chiesa una realtà assoluta e dominante, l´unica vera barca che esista, quella più barca delle altre barche, più chiesa delle altre chiese.
E´ un´altra la barca alla quale Gesù li chiama, una barca che attraverserà i secoli, fatta da diversi ambienti, con diverse vele, pronta ad accogliere uomini e donne di ogni lingua, popolo e nazione, in ogni tempo, con il miracolo più grande di tutti: al governo della barca ha lasciato noi, che rispetto a Dio è come lasciare il timone in mano a certi capitani della Costa Concordia. Eppure siamo arrivati fino ad oggi, perché in fondo al timone c´è sempre stato lui, a soffiare sulle vele c´è sempre stato lo Spirito, nonostante i nostri calcoli e i nostri errori di navigazione.
Più abbandoniamo la presunzione di essere nella vera barca, e più diventiamo insieme equipaggio dell´avventura più straordinaria della storia: quella di un Dio che si fa uomo, e che facendosi uomo ci apre l´orizzonte della salvezza e della speranza. A questo servono le nostre barche, le nostre chiese: ad essere il luogo, le comunità dove gustiamo e condividiamo questa avventura.

Care sorelle, cari fratelli,

insieme riconosciamo che il tempo è compiuto, perché quel tempo ha cambiato le nostre vite e trasfigura ancora oggi il nostro tempo. Sul piano ecumenico resta ancora qualcosa di incompiuto: noi oggi abbiamo condiviso l´ascolto e l´annuncio della Parola, ma non possiamo celebrare insieme l´eucaristia. Questo segno incompiuto ci sprona a lavorare e pregare ancora perché un giorno sia possibile.
Insieme ci convertiamo ancora, giorno dopo giorno, e il nostro conoscerci e camminare insieme è un aiuto importante per la nostra conversione: proprio in questa settimana verrà definito l´atto fondativo di un centro Ecumenico qui a Lucca, che porterà il nome di due testimoni del vangelo: il vescovo Giuliano Agresti e il pastore Domenico Maselli.
Insieme riconosciamo che il regno è vicino, e insieme siamo mandati a dirlo al mondo, al quale in un certo senso dobbiamo restituire e raccontare il nostro cammino verso l´unità come garanzia e testimonianza della nostra fede: unità a partire dalle nostre differenze, o meglio nonostante le nostre differenze.
Insieme lasciamo le nostre barche e riconosciamo di far parte di una barca più grande, che annuncia la buona notizia di un Dio che abbatte i pregiudizi e le separazioni della storia per fare di noi, parti diverse di una sola realtà, il corpo di Cristo presente oggi nel mondo e nella storia.

Amen!

LIBRI

PARLACI DELLA VITA


Il libro in pillole
•Un commento con occhi perlopiù cristiani al classico di Kahlil Gibran
•Una breve meditazione sui piccoli e grandi quesiti del Profeta
•Con insolite preghiere per momenti di spiritualità personale o di gruppo

Gibran è punto di incontro tra culture, religioni e spiritualità diverse. Ha donato a generazioni di lettori una sapienza moderna che abbraccia i grandi temi della laicità e le più profonde immagini di una fede universale.
Con un commento a Il Profeta che ne affianca gli ampi estratti e i temi affrontati con preghiere insolite e con brani biblici, l’Autore propone un gioco di rimandi per scoprire un testo attraverso l’altro.

«Se Khalil Gibran è un autore-ponte tra Oriente e Occidente, tra spiritualità e poesia, tra fedi e culture diverse, lo stesso Profeta è un libro-ponte, una sorta di Bibbia laica che abbraccia i temi universali della vita umana come li racconterebbero, e vi rifletterebbero, un cristiano, un musulmano, un buddhista e persino un laico agnostico. Tra preghiera, meditazione e poesia, Il Profeta, al cui interno non è difficile scovare tracce bibliche, parla la lingua di un’umanità che nella sua parte più profonda, consapevolmente o meno, pensa, medita e prega al di là dei confini geografici e politici, che appartiene a tutte le religioni e a nessuna, a tutte le culture e a nessuna».
Stefano Giannatempo

Foto gallery

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata