23 Agosto 2019

News
percorso: Home > News > News

L'Italia repubblicana in cerca di laicità. L'ardua attuazione del dettato costituzionale nello studio di Stefano Gagliano

11-06-2015 19:52 - News
di Domenico Maselli

Il libro di Stefano Gagliano* documenta un periodo molto difficile nella storia del nostro Paese per quanto riguarda la laicità dello Stato e la piena attuazione delle libertà, pure riconosciute e sancite dalla Costituzione. L'inserimento nell'art. 7 della Costituzione dei Patti Lateranensi, riduceva a puro flatus vocis la proclamata uguaglianza delle varie religioni e la legislazione fascista continuava a mantenere il suo pieno valore.


Nella situazione d'allora, a parte le comunità ebraiche che uscivano dalla tragica esperienza della Shoah, e i Testimoni di Geova che erano stati perseguitati dai fascisti, l'unica presenza acattolica di qualche peso era costituito dal protestantesimo italiano che seppe organizzarsi in un consiglio Federale delle Chiese evangeliche che poteva godere della consulenza di un grande giurista credente: Giorgio Peyrot.

In realtà la speranza di un reale cambiamento nei rapporti tra lo Stato e le minoranze religiose svanì molto presto. Rimasero in vigore le leggi fasciste del 1930-31 e perfino la circolare Buffarini-Guidi del 1935 che proibiva la costituzione di chiese pentecostali perché «nocive allo sviluppo della razza».

L'autore spiega le ragioni di ciò nell'atteggiamento dei governi a guida democristiana, nell'ostilità, verso i protestanti, dell'opposizione social-comunista che li considerava filoamericani e nell'atteggiamento prudente dei partiti laici alleati della Democrazia cristiana. In questa situazione gli evangelici potevano fruire dell'aiuto di pochi laici come Pietro Calamandrei e la sua rivista Il Ponte, il socialdemocratico Luigi Preti, il repubblicano Ugo La Malfa e il deputato socialista evangelico Giovanni Bogoni.

Sul piano pratico, le Chiese che avevano avuto il riconoscimento ai sensi delle leggi fasciste poterono continuare la loro attività, sia pure con alcune azioni di disturbo, ma le nuove comunità, nate nel secolo XX, come i Pentecostali, dopo avere sofferto di un'autentica persecuzione durante il regime, si trovarono in seria difficoltà per poter svolgere la propria attività religiosa.

Gli esponenti evangelici che più si adoperarono per la libertà, dovettero subirne le conseguenze. Il prof. Giorgio Spini, vincitore di un concorso universitario di Storia moderna e medioevale, dovette attendere ben otto anni prima di essere chiamato dall'Università di Messina; nella stessa Università il Ministero abolì l'insegnamento di Storia del Cristianesimo che era stato assegnato, per incarico, al professore evangelico Giovanni Gonnet.

Ho raccolto qui questi ricordi che, sono sicuro, sono presenti agli evangelici della mia generazione, ma il libro ha il merito di fornire per la prima volta un quadro completo ed esaustivo di quell'importante momento storico che precedette alcune grandi vittorie della libertà nel nostro Paese, per merito della corte Costituzionale e, più tardi, attraverso i governi di centrosinistra.

A distanza di molti anni, il quadro religioso dell'Italia è profondamente cambiato ma le leggi fasciste sui culti ammessi non sono state abrogate e sono nati nuovi pericoli per la libertà religiosa. Ad esempio, in Lombardia vi è una legge regionale che crea molte difficoltà all'apertura di luoghi di culto acattolici. Diamo atto alla Federazione delle Chiese evangeliche e alla Commissione delle Chiese evangeliche per i rapporti con lo Stato, di essere in prima fila nella nuova battaglia. Credo che questo nuovo libro, ricordandoci il passato, ci aiuterà nelle difficoltà attuali.


Vorrei esprimere un vivo ringraziamento all'autore, Stefano Gagliano e a Biblion Edizioni.



* S. Gagliano, Lotta per l'Italia laica e protestantesimo (1948-1955), Milano, Biblion, pp. 244, euro 18,00.

Fonte: Riforma.it - 11 giugno 2015

UN GIORNO UNA PAROLA

A G O S T O
Versetto del mese:
Andando, predicate e dite: «Il regno dei cieli è vicino» (Matteo 10,7)


Salmo della settimana: 70

Giovedì 22 Agosto

Egli era strappato dalla terra dei viventi e colpito a causa dei peccati del mio popolo? (Isaia 53, 8)
Considerate perciò colui che ha sopportato una simile ostilità contro la sua persona da parte dei peccatori, affinché non vi stanchiate perdendovi d’animo (Ebrei 12,3)

Dobbiamo svuotare Dio della sua divinità per amarlo. Egli si è svuotato della sua divinità diventando uomo, poi della sua umanità diventando cadavere (pane e vin), materia. E’ necessario amare Dio attraverso le proprie gioie, attraverso la propria sventure, attraverso i propri peccati (passati). E’ necessario amarlo attraverso le gioie, le sventure, i peccati degli altri uomini e senza condizione.
Simone Weil

I Corinzi 9, 16-23; Matteo 11, 1-19


Preghiera

Signore nostro, la tua Parola
ci cerca, la tua voce desidera il
nostro cuore per prendere dimora
in noi e da lì poter risuonare
nel mondo. Accogli la nostra
disponibilità, anche se fragile,
anche se piena di contraddizioni,
e vieni ad abitare in noi. Dona
la forza del tuo Spirito, respiro
di vita, che ci sostenga quando
la tua Parola brucia, che ci dia
il coraggio di andare avanti
quando nulla è chiaro, quando senza
te il nostro passo sarebbe troppo
incerto.
Ascoltaci, Signore nostro, nel
nome del tuo figlio Gesù, e donaci
il respiro del tuo spirito Santo.
Amen
da Riforma
del 29 marzo 2019



Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it